Benedizione dell’acqua – Festività del lunedì dell’Angelo – Folta Albareto (PR) 06/04/2015

Print Friendly, PDF & Email

Folta Albareto (115)Si è celebrata il 6 aprile 2015 nella piccola Parrocchia dedicata a S. Maria Maddalena in Folta di Albareto (Parma), in comunione con il parroco Don Duilio Schiavetta, la festività del lunedì dell’Angelo (detto anche lunedì di Pasqua, lunedì dell’Ottava di Pasqua o Pasquetta).

Ricordiamo che il lunedì dell’Angelo è il giorno dopo la Pasqua, e in questa ricorrenza si ricorda l’incontro dell’angelo con le donne accorse al sepolcro.

(guarda i post Folta)

 

Folta Albareto (101)Nella piccola frazione del Comune di Albareto in provincia di Parma a Folta, pur nel cambiamento avvenuto in questi anni, causa lo spopolamento della montagna, si cerca di mantiene viva la fede attraverso anche una devozione popolare autentica per Maria Maddalena o di Magdala a cui è stata dedicata la piccola Chiesa di montagna.

(guarda i post Tradizioni

Folta Albareto (123)Una celebrazione molto sentita, un’occasione di incontro che unisce le persone della piccola comunità, ed un tributo ad una santa discepola di Gesù che lo seguì e assistette con le altre donne fino alla crocifissione ed ebbe il privilegio di vedere risorto.

Guarda i post Religione, emozione 

Folta Albareto (119)Durante la celebrazione si è svolto anche il rito della benedizione dell’acqua utilizzata nella Fonte Battesimale e negli Acquasantarai, cerimonia prevista durante la Liturgia della Veglia Pasquale, che a Folta quest’anno non era stata compiuta (guarda il post Santa Pasqua (5 aprile 2015) – Chiesa di San Giovanni Battista – Tombeto di Albareto (PR)).

Ecco il video del “rito” della benedizione dell’acqua.

Video: 06-04-2015 BENEDIZIONE DELL’ACQUA – Folta di Albareto (Parma)

[youtube]https://youtu.be/uv-Srn6ef6k[/youtube]

RITO PER L’ASPERSIONE CON L’ACQUA BENEDETTA

Folta Albareto (108)Dio onnipotente, ascolta le preghiere del tuo popolo, che nel ricordo dell’opera ammirabile della nostra creazione, e di quella ancor più ammirabile della nostra salvezza a te si rivolge.

Degnati di benedire + quest’acqua, che hai creato perché dia fertilità alla terra, freschezza e sollievo ai nostri corpi.

Di questo dono della creazione hai fatto un segno della tua bontà: attraverso l’acqua del Mar Rosso hai liberato il tuo popolo dalla schiavitù; nel deserto hai fatto scaturire una sorgente per saziare la sua sete; con l’immagine dell’acqua viva i profeti hanno preannunziato la nuova alleanza che tu intendevi offrire agli uomini; infine nell’acqua del Giordano, santificata dal Cristo, hai inaugurato il sacramento della rinascita, che segna l’inizio dell’umanità nuova libera dalla corruzione del peccato.

Folta Albareto (117)Ravviva in noi, Signore, nel segno di quest’acqua benedetta, il ricordo del nostro Battesimo, perché possiamo unirci all’assemblea gioiosa di tutti i fratelli, battezzati nella Pasqua di Cristo nostro Signore.

Egli vive e regna nei secoli dei secoli.
Amen.

Il lunedì dell’Angelo (detto anche lunedì di Pasqua, lunedì dell’Ottava di Pasqua o Pasquetta)) 

Folta Albareto (114)Il lunedì dell’Angelo è la festa liturgica che ricorre il giorno dopo la Pasqua, e secondo il racconto contenuto nel Vangelo si ricorda l’incontro dell’angelo con le donne accorse al sepolcro.
(guarda il post 06-04-2015: Il Vangelo del Giorno (secondo Matteo 28,8-15) – a cura di Giuseppina Gatti)

Abbiamo letto che…

Folta Albareto (102)Il Vangelo racconta che Maria di Magdala, Maria madre di Giacomo e Giuseppe, e Salome andarono al sepolcro, dove Gesù era stato sepolto, con degli olii aromatici per imbalsamare il corpo di Gesù.

Vi trovarono il grande masso che chiudeva l’accesso alla tomba spostato; le tre donne erano smarrite e preoccupate e cercavano di capire cosa fosse successo, quando apparve loro un angelo che disse:

“Non abbiate paura, voi! So che cercate Gesù il crocifisso. Non è qui! È risorto come aveva detto; venite a vedere il luogo dove era deposto” (Mt28,5-6).

Folta Albareto (121)E aggiunse: “Ora andate ad annunciare questa notizia agli Apostoli”, e si precipitarono a raccontare l’accaduto agli altri.
La festa del lunedì dell’Angelo, detta anche Pasquetta, o lunedì di Pasqua, è festa di ottava di Pasqua, ma non è giorno di precetto per i cattolici, cosa che comporterebbe l’obbligo di assistere alla santa messa.

Folta Albareto (101)Si tratta infatti di un giorno festivo, introdotto dallo stato italiano nel dopoguerra, e che è stato creato per allungare la festa della Pasqua, in modo da rendere quel giorno più festoso e sereno, senza il pensiero incombente del lavoro dell’indomani, così come è avvenuto per il 26 dicembre, indomani di Natale.

Il lunedì dell’Angelo, in Italia, è un giorno di festa che generalmente si trascorre insieme a parenti od amici con una tradizionale gita o scampagnata, pic-nic sull’erba e attività all’aperto.

Una interpretazione di questa tradizione potrebbe essere che si voglia ricordare i discepoli diretti ad Emmaus.

Folta Albareto (113)Infatti, lo stesso giorno della Resurrezione, Gesù appare a due discepoli in cammino verso Emmaus a pochi chilometri da Gerusalemme: per ricordare quel viaggio dei due discepoli si trascorrerebbe, dunque, il giorno di Pasquetta facendo una passeggiata o una scampagnata “fuori le mura” o “fuori porta”.

Pasquetta è il termine laico per definire la festività del lunedì dell’Angelo. Si festeggia il giorno dopo la Pasqua.

In generale il termine “Pasquetta” indica il lunedì dopo la Pasqua, ma in alcune località italiane non ha lo stesso significato: per esempio, la “Pasquèta”, per i genovesi, è il 6 gennaio e non il lunedì dell’Angelo.

(fonte www.sstrinita-villachigi.com)

Nella piccola Parrocchia dedicata a S. Maria Maddalena in Folta di Albareto (Parma), tra le tante raffigurazioni della Chiesa, troviamo nel catino absidale la scena che riproduce il Santo Sepolcro con Maria Maddalena e Gesù risorto.

Galleria immagini: Benedizione dell’acqua – Festività del lunedì dell’Angelo – Folta Albareto (PR) 06/04/2015

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.