Il Fuoco degli Uomini (leggenda) di Sant’Antonio Abate (17 gennaio)

Print Friendly, PDF & Email

Sant'Antonio AbateQuella di Sant’Antonio Abate (17 gennaio, giorno della morte del santo) è fra le ricorrenze più celebrate nei vari centri dalla Val Gotra alla Val Baganza; leggenda e storia, sacro e profano si legano e compongono significati che rimangono intimamente radicati nei nostri paesi.

(guarda i post La festa di Sant’Antonio Abate (17 gennaio) in Val Gotra e non solo e

Alla scoperta di S. Antonio Abate (17 gennaio) – Giacomo Bernardi (video) – Giovanni Gasparini (testi ed immagini del “Ar lunariu Burg’zan 2014”) – Borgotaro (Parma))

 

S.Antonio Anzola Bedonia 17-01-2013 (140) statuaEcco la leggenda “Il Fuoco degli Uomini”, uno dei tanti racconti tradizionali legati a Sant’Antonio Abate, monaco eremita comunemente conosciuto come protettore degli animali da cortile e taumaturgo, cioè guaritore di malattie (es.“Fuoco di Sant’Antonio” malattia che da lui prende il nome).

(guarda i post Tradizioni

Testo liberamente tratto dal sito www.cpsantateresa.it alla pagina COME FU CHE SANT’ANTONIO PORTO’ IL FUOCO AGLI UOMINI

Il Fuoco degli Uomini (leggenda)

COME FU CHE SANT’ANTONIO PORTO’ IL FUOCO AGLI UOMINI

Sant'Antonio Anzola Bedonia statua legnoUna volta, al mondo, non c’era il fuoco.

Gli uomini avevano freddo ed andarono da Sant’Antonio, che stava nel deserto, a pregarlo che facesse qualcosa per loro. Sant’Antonio ebbe compassione e siccome il fuoco era all’inferno, decise di andare a prenderlo.

Col suo porchetto e col suo bastone di férula, Sant’ Antonio si presentò, dunque, alla porta dell’inferno e bussò:

– Apritemi! Ho freddo e mi voglio riscaldare.

I diavoli alla porta videro subito che quello non era un peccatore, ma un Santo e dissero:

– No. no! T’abbiamo riconosciuto! Non ti apriamo. Se vuoi lasciamo entrare il porchetto, ma te no.

E così il porchetto entrò.

Cari miei, appena dentro si mise a scorrazzare con una tale furia da mettere lo scompiglio ovunque, tanto che i diavoli, ad un certo punto, non ne poterono proprio più.

Finirono perciò per rivolgersi al Santo, che era rimasto fuori dalla porta.

– Quel tuo porco maledetto ci mette tutto in disordine! Vientelo a riprendere.

Sant’Antonio entrò nell’ inferno, toccò il porchetto col suo bastone e quello se ne stette subito quieto.

– Visto che ci sono, – disse Sant’Antonio, – mi siedo un momento per scaldarmi.

E si sedette su un sacco di sughero, proprio sul passaggio dei diavoli.

Infatti, ogni tanto, davanti a lui passava un diavolo di corsa.

E Sant’Antonio,col suo bastone di fèrula, giù una legnata sulla schiena! Ad un certo punto i diavoli, arrabbiati, esclamarono:

S. Antonio Abate– Questi scherzi non ci piacciono.

Adesso ti bruciamo il bastone.

Infatti lo presero e ne fìccarono la punta tra le fiamme.

Il porco, in quel momento, ricominciò a buttare all’aria tutto: cataste di legna, uncini, torce e tridenti.

E i diavoli avevano un bel da fare a mettere a posto.

Non ci riuscivano e non riuscivano neppure ad acchiappare quel.., diavolo di porchetto.

– Se volete che lo faccia star buono, – disse Sant’Antonio, – dovete ridarmi il mio bastone.

Sant'Antonio AbateGlielo diedero ed il porchetto stette subito buono.

Ma il bastone era di fèrula ed il legno di fèrula ha il midollo spugnoso.

Se una scintilla entra nel midollo questo continua a bruciare di nascosto, senza che di fuori si veda.

Così i diavoli non s’accorsero che Sant’Antonio aveva il fuoco nel bastone.

Il Santo col suo bastone se ne uscì ed i diavoli tirarono un sospiro di sollievo.

Appena fu fuori, Sant’Antonio alzò il bastone con la punta infuocata e la girò intorno, facendo volare le scintille, come dando la benedizione.

E cantò:

– Fuoco, fuoco, per ogni loco; per tutto il mondo fuoco giocondo!

Da quel momento, con grande contentezza degli uomini, ci fu il fuoco sulla Terra e Sant’Antonio tornò nel suo deserto a pregare.

 

le immagini inserite di Sant’Antonio sono tratte dal post

Video – Immagini : Festa di S.Antonio Abate ad Anzola di Bedonia (Parma) 17 gennaio 2013 – benedizione degli animali, “incanto”, Corale “PerchéNo?”, Presentazione del progetto Ufficio Turistico Alta Valceno, Mostra “Ritratti d’animali” e

Santo(i) del Giorno: Sant’Antonio, abate – (17 gennaio) – di Giuseppina Gatti

altre leggende sul sito …guarda i post 

“Il Ponte del Diavolo” – Tasola e Calice Bedonia (PR) – Leggenda dell’alta Val Ceno di Romeo Musa (a cura di Giannino Agazzi) 

Salti del Diavolo – “Chiastra di San Benedetto” (Ciastra ‘d San Bendètt) Rocce che ci “parlano del passato” – Località: da Chiastre a Cassio (Parma) febbraio 2013 immagini – I Tesori Nascosti della Val Baganza 

“La leggenda dei Licheni Rossi” – Foppiano di Bedonia (PR) – Luoghi, leggende, favole 

Drusco di Bedonia (Parma) : La leggenda della Principessa di pietra, “Angelinda da Drusco” e del suo tesoro – Monte Tomarlo – Luoghi, leggende, favole

Abbiamo letto che….

Ancora oggi, si usa in alcune zone d’italia  accendere il giorno 17 gennaio, i cosiddetti fuochi “falò di S. Antonio”, che avevano una funzione purificatrice e di prosperità, come tutti i fuochi che segnavano il passaggio dall’inverno alla primavera.

Preghiera di Sant’Antonio Abate (17 gennaio) 

S.Antonio Anzola Bedonia 17-01-2013 (149)O trionfatore glorioso del demonio,

indarno armato in multiformi maniere contro di Voi,

Sant’Antonio abate, proseguite la vittoriosa opera

vostra sull’inferno, congiurato ai nostri danni.

Da quei colpi funesti salvate le anime nostre,

fortificandole nelle spirituali battaglie;

ai nostri corpi impetrate costante la sanità;

dilungate dagli armenti e dai campi ogni maligno influsso;

e la vita presente, vostra mercè tranquilla per noi,

ci sia saggio e apparecchio alla pace perfetta

della vita eterna.

AMEN

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.