Il Salto della Bella Donna – Al satu d’la bèla dona – a cura di Giacomo Bernardi – Borgotaro (PR) – Rio Testanello – Leggende

Print Friendly, PDF & Email

Mario Previ leggende Il salto della Bella Donna (1)Di seguito la leggenda “Il salto della Bella Donna”testo tratto dal libro “Leggende della Val di Taro” (Giacomo Bernardi) – Illustrazioni di Mario Previ – Associazione Ricerche Storiche Valtaresi “Antonio Emmanueli” – Borgotaro (visibile nel sito giacomobernardi33.blogspot.it alla pagina Il salto della bella donna (Al satu d’la bèla dona))

Le immagini del Rio Testanello sono state scattate da Roccamurata di Borgo Val di Taro (Parma), l’11 novembre 2014.

(guarda i post Borgo Val di Taro)

 

Borgotaro Rio Testanello (11)Montagne dell’Appennino, territori bellissimi, che evidenziano valori universali quali natura, cultura, storia ed ovviamente anche religione, molti dei quali ancora da scoprire …. luoghi da “leggenda”, dove spiritualità e ambiente si incontrano, in completa armonia, nel silenzio alpestre tra suggestioni naturalistiche e spirituali …
…. un grande conforto per gli occhi, per la mente e per il cuore.
(guarda i post “Luoghi, leggende, favole“) 

“Il salto della bella donna (Al satu d’la bèla dona)”

Borgotaro Rio Testanello (24)Il confine tra il territorio di Borgotaro e quello di Valmozzola è segnato, da sempre, da un vorticoso torrentello che scorre veloce tra quelle aride terre.

E’ il Testanello, che proprio nel punto in cui confluisce nel Taro forma, con le sue acque, una splendida cascata di circa quindici metri.

Quel luogo, da tempo immemorabile, è detto “satu d’la bèla dona” a ricordo di un fatto accaduto chissà quando.

Secoli addietro abitava in quella zona una giovane di straordinaria bellezza. Tanto era bella e da tutti ammirata che i suoi genitori avevano deciso di tenerla chiusa in casa, per sottrarla agli sguardi e ai desideri dei giovanotti locali, nella speranza forse di poterla destinare a qualche signorotto dei dintorni.

Borgotaro Rio Testanello (18)Usciva solamente, ma sempre accompagnata, per recarsi a Messa e qualche rara volta per attingere acqua alla fonte.

Fu proprio qui che un giorno le capitò d’incontrare un giovane. Di aspetto normale, gentile nei tratti e nei gesti, ma cieco.

Costui aveva sentito parlare della bellezza della giovane, ma mai aveva potuto ammirala né avvicinarla, così era curioso di ascoltarne la voce e giudicarne il sentimento, dato che a quei tempi oltre all’aspetto esteriore molta importanza veniva data alle virtù interiori, il che oggi par non s’usi più fare.

Borgotaro Rio Testanello (14)La giovane rimase colpita dai modi garbati del giovanotto tanto che da quel giorno, ogni volta che lo vedeva nei pressi della fonte, si recava a far provvista d’acqua.

La cosa non era sfuggita all’attenzione dei genitori che non vedevano però alcun pericolo in quei brevi incontri, certi che una ragazza tanto ammirata e corteggiata non si sarebbe davvero “impegnata” con un cieco.

Borgotaro Rio Testanello (15)Un giorno la madre recandosi alla fonte con la figlia e trovandovi il giovane, lo invitò ad entrare in casa.

Come da questo si potesse giungere a ben altro, nessuno con precisione lo seppe, né mai lo si potrà sapere.

Accadde comunque che, un bel giorno, tra la meraviglia generale, i due si sposarono.

Per la giovane, ormai donna, significò la conquista della libertà.

Borgotaro Rio Testanello (22)Finalmente poté uscire a suo piacimento, intrattenersi con altri, ricevere complimenti, farsi delle amiche…Le parve, almeno per alcuni mesi, di rinascere, poi piano piano cominciò ad accorgersi che la condizione del marito le impediva di provare alcune soddisfazioni.

Borgotaro Rio Testanello (27)Lei avrebbe voluto, durante le sagre paesane, partecipare alle danze, ma a lui non piaceva la confusione e tanto meno trovarsi tra gente allegra e doversi accontentare di rimanere seduto in un angolo.

Ben presto la donna s’accorse di non poterne più e cominciò a pensare al marito come ad un peso che le impediva di godersi la vita.

Così un giorno, la meschina, meditò di sbarazzarsene.

Mario Previ leggende Il salto della Bella Donna (1)Un mattino s’accostò al marito e con la scusa di una forte emicrania gli chiese di accompagnarla fuori.

– Andiamo giù verso il fiume – gli disse.

Piano piano giunsero là dove il Testanello, con un ultimo salto, va a morire nel Taro.

Stavano proprio ad un passo dall’alto dirupo e mentre lui era tutto teso a cogliere sensazioni nuove, ella lo invitò ad avanzare: – Andiamo pure più avanti.

Voglio vedere meglio la cascata.

Voleva che fosse lui stesso a cadere nel vuoto, quasi ad avere meno scrupoli.

Ma lui estasiato disse: – Aspetta un momento. E’ tanto bello stare qui. Ci torneremo spesso.

Mario Previ leggende Il salto della Bella Donna (2)In quel momento alla donna venne alla mente la noia di tante ore trascorse con il marito e decise così di affrettare la conclusione dell’infame disegno.

Ma nel momento stesso in cui questa, piena di rabbia, si lanciava verso il marito per sospingerlo nel baratro, lui si scansò e la malvagia, con un urlo straziante, finì sfracellata tra le rocce sottostanti.

Da allora quel luogo è detto “Satu d’la bèla dona”.

 Video: Roccamurata – Borgo Val di Taro (Parma) – Rio Testanello – 11 novembre 2014

[youtube]http://youtu.be/8CkEvlW8VaI[/youtube]

Galleria immagini del fiume Taro, e del Rio Testanello, foto scattate a Roccamurata di Borgo Val di Taro (Parma), l’11 novembre 2014

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.