“La cansòun d’i founzarò” – “Inno” al Fungo Porcino della Valtaro (di Molinari – Dallaturca) – Curiosità

Print Friendly, PDF & Email

L’«Inno» al Fungo Porcino, “La cansòun d’i founzarò” è una canzone popolare poco nota, una vera curiosità.

Testo Un inno al fungo BorgotaroCome risaputo i valtaresi amano i “loro” Funghi Porcini e questa canzone, “La cansòun d’i founzarò”, ne è un’ulteriore prova.

…niente è più poetico di un Fungo Porcino della Valtaro 

Immagini gentilmente inoltrata da Teresa Fortunati, che ringraziamo di cuore.

 

La prossima stagione autunnale porterà nuovamente i funghi, da cercare, da mangiare …e come in questo caso da “cantare”.

Un inno al fungo BorgotaroIn realtà, non molti musicisti compositori si sono ispirati ai funghi e ai “raccoglitori”, ma la forte attrazione, anche “artistica”, che suscitano i porcini della Valtaro, probabilmente ha spino anni fa, Alberto Molinari e l’amico Secondo Dallaturca, ha comporre (in dialetto valtarese) una canzone sul re dei bosco e sui suoi ricercatori “founzarò” (“fungaioli”).

 

Ecco le frasi (in dialetto borgotarese), della canzone, una sorta di “Inno” dedicato ai Funghi Porcini della Valtaro

Un inno al fungo: Alberto Molinari scrive il testo,piace all’amico Secondo Dallaturca, musicista e …nasce così!

“La cansòun d’i founzarò”

Quand s’leva al sù, d’s’tembr’, a la matèina

i boschi ièn zamò tuti pièn d’founzarò,

tuti cu al bastòn e cun pigà la schèina,

in serca d’bulèin,d’mori e anca d’fròu.

Tanti ièn dal postu ma tanti i vegni da luntàn,

cun l’sò tachèd’,i cavagni e i sò scarpòun,

ià vegni a coie perchè … perchè, tuti quanti i al san

ch’al founzu dal Burgu i al stimi al pù bon .

 …” Ah ..! de meiu ne ghe n’ è ! “

Amigu founzu, ti,

t’ghè da credd’a mi,

de meiu n’gh’ n’è

di  boschi t’è al re.

Chi a mangia trifulè,

o friti e impanè

e gh’è chi “vò, ogni dì,

bulèin arustì.

Gh’è chi ià fà secà,

al sù d’la fèin d’l’istà

ià tegni per l’invernu,

i duri in eternu.

Ormai l’è cunvinsiòn,

in tuta la Naziòn,

che i founzi burghesàn

i èn bei, bon e san.

Se t’nasci tra i castagni,

in tal gustu, ti, t’guadagni,

se t’nasci in mezu ai fàsi,

i t’metti, sutt’oliu, in ti vasi.

E se pò t’stè fra i seri

o fra i pèin, pù ati e austeri,

ti t’ è seimpre un founzu raru,

s’t’è natu, lasù, in Valtaru.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.