2° Trofeo Matteo Marocchi: “Triangolare di Calcio” – 6 aprile 2014 – Polisportiva “La Salle” (Parma)

6 aprile 2014
09:00a13:00
Print Friendly, PDF & Email

Polisportiva La Salle  ParmaDomenica 6 aprile 2014 alle ore 9:20 circa, si svolgerà nella sede dell’Istituto De La Salle (A.S.D. POLISPORTIVA DE LA SALLE), la seconda edizione del trofeo (“TRIANGOLARE di CALCIO”), dedicato all’ex allievo Matteo Marocchi, incredibilmente e prematuramente scomparso nel novembre del 2012, dopo una grave malattia fulminante.

 

Matteo Marocchi ParmaMatteo, un giovane “uomo di fede” spesso presente nel periodo estivo (insieme alla famiglia) alle varie cerimonie religiose nelle Chiese della Valle del Gotra (Folta, Tombeto, Boschetto, Montegroppo, ecc.), ci ha lasciato una testimonianza di fede autentica e soprattutto viva.

testo tratto dal post Santa Messa in onore di San Giovanni Battista (24 giugno), Patrono della parrocchia di Tombeto di Albareto (Parma) – immagini 23-06-2013

(guarda i post Religione, emozioni)

 Video tratto da RTA News 29-11-12 (http://www.youtube.com/watch?v=cuK7bDpE_SE)

[flowplayer src=’http://www.valgotrabaganza.it/wordpress/wp-content/uploads/2013/08/Matteo_Marocchi.flv’ width=400 height=250 splash=’http://www.valgotrabaganza.it/wordpress/wp-content/uploads/2013/08/Matteo-Marocchi.jpg’]

approfondimento

 2° Appuntamento per ricordare Matteo Marocchi, ex allievo de “La Salle”

TRIANGOLARE di CALCIO a 5

Programma:

durante la mattinata si svolgeranno le partite tra le squadre:

LA SALLE, ORSA, ROSSO NERI, MONTEBELLO, MEZZANI

Al termine aperitivo e premiazione finale

Matteo Marocchi  torneo (10) Polisportiva La Salle  ParmaIl torneo di calcetto in memoria di Matteo Marocchi di Parma, crediamo sia non solo un’occasione per far divertire i bambini ed i ragazzi, ma un’importante momento per riunire nel ricordo di Matteo, amici e familiari.

approfondimento

testo ed immagine tratte dall’articolo dell’“L’Araldo della Madonna di San Marco” (Bollettino mensile ORGANO della BASILICA SANTUARIO di BEDONIA – Anno LXXXVI – N.11 – NOVEMBRE 2013) visibile alla pagina CLIKKA del sito www.unitapastoralealtavaltaroceno.it/

“MATTEO MAROCCHI – Un testimone del nostro tempo” di Don Duilio Schiavetta

2013-10-13 (412) FoltaMatteo, ci piace ricordarlo nelle prime volte che saliva a Folta e in particolare in quel felice 24 giugno 2006, giorno del suo matrimonio con Antonella Sartori con i familiari e tanti amici in festa; come pure il 10 giugno per la festa del Corpus Domini, a Tombeto con la piccola Matilde, che insieme ad altre bambine hanno sparso fiori a Gesù portato nella breve processione nel sagrato della chiesa.

San Giovanni Battista Tombeto Albareto 23-06-2013 (149)Non avremmo mai immaginato che quella sarebbe stata l’ultima volta a salire quassù per il fine settimana, il più delle volte in bicicletta, e partecipare alla S.Messa. 

Matteo, nato a Reggio E., 42 anni fa, figlio di Arnaldo e Tecla, ricevette una salda formazione già nella famiglia, profondamente cristiana da sempre, sostenuta anche dall’esempio ed insegnamento del pro zio Mons. Arnaldo Marocchi, segretario per lungo tempo di S.E. Mons. Evasio Colli, arcivescovo di Parma.

San Giovanni Battista Tombeto Albareto 23-06-2013 (120)Oltre che nell’ambiente familiare, la sua formazione morale, culturale e professionale fu coltivata nell’Istituto dei Fratelli delle Scuole Cristiane “De La Salle”, in cui, insieme ai valori spirituali, ebbe modo di stringere forti vincoli di amicizia con tanti colleghi, con cui si tenne unito sia nel rapporto di lavoro che nel tempo libero, dedicato, appena possibile, alla palestra e alla corsa in bicicletta.

Val Gotra 2013-06-30 (181) Tombeto AlbaretoForte fu il suo impegno nel lavoro prima alla “Parmalat”, nella ditta Sidel Spa ed infine nell’Ufficio Amministrazione, Controllo di Gestione, Segreteria di Direzione della CFT Spa, dove ha instaurato cordiali rapporti di collaborazione e stima reciproca fra colleghi di ufficio e dipendenti.

2013-10-13 (396) Folta

 

La notizia della sua malattia ha suscitato, com’è comprensibile, amarezza e cocente dolore fra i familiari innanzitutto, ma anche fra amici, colleghi e conoscenti man mano che si veniva a conoscere la causa dell’assenza al posto di lavoro con il conseguente ricorso alle cure necessarie per debellare il male insidioso.

2013-10-13 (386) Folta campanileDi fronte all’aggravarsi di esso e alla sua pertinacia si comprese che umanamente restavano poche possibilità: l’appello per un donatore di midollo osseo compatibile e la preghiera. Al primo appello ha risposto l’amore della madre, donando la parte necessaria per il figlio; alla seconda, cioè: la preghiera, oltre familiari, amici e conoscenti, si sono impegnate le piccole comunità di Folta e Tombeto, insieme ad altre e gruppo di preghiera.

20120102 Passeggiatai tesori (34) Val GotraIn un clima di solidarietà e partecipazione, di grande ansia del familiari si intensificarono le preghiere, sperando, senza pretendere, in un miracolo. Con il passare del tempo, mentre il male logorava il suo fisico, lui trasferiva nella preghiera e nell’offerta al Signore la sua sofferenza.

Il cappellano che nel fargli vista lo trovava con la sposa in preghiera, osservava: “Voi siete in due a pregare”, lui precisava: “Siamo in tre, lei (la sposa), io e Gesù”.

San Giovanni Battista Tombeto Albareto 23-06-2013 (137) statuaCosì pure al personale sanitario che conosceva le sofferenze che tale male procurava, quando gli somministrava il sedativo, diceva: “Non tanto perchè voglio essere cosciente per offrire al Signore il mio dolore”.

Alla notizia che tanti pregavano per lui, per la sua guarigione, osservava, “Tanti che pregano, … questo è miracolo”. Ricordava la pia pratica del Primi nove venerdì del mese in onore e in riparazione alle offese al Sacro Cuore di Gesù, come anche i Primi cinque sabati del mese in onore del Cuore Immacolato di Maria, Pie devozioni praticate facilmente nell’infanzia e forse anche nell’Istituto “De La Salle” , e quindi anche nella sua vita di cristiano convinto ed esemplare, devozioni, che, secondo le Promesse fatte da Gesù stesso assicurano un’assistenza particolare ai devoti specialmente in punto di morte.

San Giovanni Battista Tombeto Albareto 23-06-2013 (104)Tenendo presenti questi vari “momenti”, si può percepire l’intensità della sua vita cristiana, alimentala dai S. Sacramenti e dalle Parole della S. Scrittura e in particolare, data la sua condizione: “Le anime del giusti, sono nelle mani di Dio, in cambio di una breve pena riceveranno grandi benefici”, e “Il giusto anche se muore prematuramente, troverà riposo.Giunto in breve alla perfezione, ha compiuto una lunga camera” (Sap. 3,1; 7, 1-5).

Matteo Marocchi ParmaE al mattino del 29-11-’12, come si sono espressi alcuni amici, è avvenuta “la sua salita tra gli Angeli del cielo” .

Ci piace ricordarlo sereno e felice, arricchiti della sua testimonianza di fede, di amore a Dio, di accettazione della sofferenza, che unita alla preghiera, è “vero miracolo” più della guarigione fisica. Grazie Matteo!

Don Duilio Schiavetta

Galleria immagini tratte dal Gazzettino della Sportiva maggio 2013 -A.S.D. POLISPORTIVA DE LA SALLE Anno II – Maggio/Giugno 2013 – N.4 inserito nella pagina CLIKKA scaricabile alla pagina  CLIKKA

approfondimento

VIDEO: Primo Trofeo Marocchi Aprile 2012 

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=NGV3fOF6VFk[/youtube]

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.