Storia del Santuario della Beata Vergine del Boschetto – Fiaccolata notturna con Processione (Aux Flambeaux) – 23-08-2013 Boschetto di Albareto (Parma) Val Gotra

Print Friendly, PDF & Email

notturno Festa Madonna del Boschetto 2013 (125) FiaccolataLe immagini del paese di Boschetto di Albareto (Parma), con il percorso nel bosco illuminato, il campanile, la piazza e il Santuario addobbati a festa, da luci multicolori e la Processione notturna (Aux Flambeaux), con la caratteristica scia luminosa lasciata dalle fiaccole, ci fanno comprendere che spesso la natura e il paesaggio sono inseparabile dalla cultura e dalla religione.

Foto scattate il 23-08-2013 dal colle di Tombeto da Bassoni Alessandra (vai alla Categoria “Boschetto Albareto (Parma)”)

notturno Festa Madonna del Boschetto 2013 (116) FiaccolataCi fa sempre piacere condividere le “cose belle” del nostro territorio, come la fiaccolata mariana “aux flambeaux” svoltosi a Boschetto, a cui hanno partecipano tantissimi fedeli, in preghiera comunitaria.

notturno Festa Madonna del Boschetto 2013 (157) valgotraSono un momento di aggregazione e di espressione della cultura ed identità, semplice e genuino, una sincera devozione ai Santi, che è da secoli è tramandata nelle nostra valli, dalla fede ancora viva e fruttuosa di oggi, simbolo dell’energia della gente di montagna che porta avanti un’identità culturale che non vuole estinguersi.

(guarda tutti i post alla categoria “Religione ed emozioni”)

In Val Gotra nella frazione di Boschetto nel comune di Albareto  (Parma), in occasione della tradizionale Festa patronale, nei giorno 23, 24 e 25 agosto 2013, si è festeggiata la Beata Vergine del Boschetto, con grandissimo concorso di popolo, compresi tanti emigranti, che per l’occasione sono tornati da tutto il mondo nel paese natio.

notturno Festa Madonna del Boschetto 2013 (105) valgotra

Il programma di venerdì 23-08-2013 prevedeva la fiaccolata notturna con Processione (Aux Flambeaux) per le vie del paese, seguita dalla benedizioni all’aperto.

notturno Festa Madonna del Boschetto 2013 (155) valgotra

approfondimenti

 dal sito www.storiadeisordi.it alla pagina CLIKKA

San Giovanni Battista Tombeto Albareto 23-06-2013 (148)In quegli anni lontani, Tombeto era una villa che apparteneva alla Giurisdizione di Borgotaro. Il suo territorio era diviso in due dal torrente Gotra. Da una parte, in sponda sinistra, la chiesa e i nuclei più importanti, dall’altra, in sponda destra, alcuni sperduti casolari che si spingevano verso l’alto: Caselle, Beccarini, Signorastri.

Boschetto ancora non esisteva.

Madonna Boschetto  immagine tratta da - Alla scoperta di Albareto e dei suoi dintorniEravamo verso la fine del seicento, si erano da poco acquietati i rapporti tra Zeraschi e Borghigiani per via delle lotte accadute per i confini, quando cominciò a spargersi la voce intorno a certe grazie che s’ottenevano da una Madonna dipinta su un grosso masso d’arenaria.

L’immagine della Vergine con in braccio il Bambino, si trovava in un boschetto di castagni, subito dopo il torrente Lecora, lungo la strada mulattiera che da Albareto portava verso il passo del Lupo, oggi della Cappelleta. Per quella strada s’andava in Liguria.

Boschetto panoramica 1 (1)rSe ne parlava da tempo tra i contadini della sponda destra, che gelosi cercavano di custodire il segreto, finché accadde un fatto che ebbe risonanza in tutta la Val Gotra.

Angela, una ragazzina figlia di contadini che abitavano a Case Nicola, in un giorno come tanti altri, si trovava a pascolare le pecore nel boschetto che custodiva il masso con la Madonna. Come andarono le cose, nessuno potrà mai dirlo. Forse, come tante altre volte, avrà raccolto qualche fiore per abbellire il dipinto, forse quel giorno le sarà pesato più del solito la sua condizione di sordomuta, avrà forse pregato e implorato la Madonna perché la rendesse uguale alle altre ragazze. San Giovanni Battista Tombeto Albareto 23-06-2013 (107) statuaSupposizioni…quel che è certo è che Angela, quella sera, ritornò a casa risanata, tra la meraviglia di tutti. Parlava e ascoltava come le altre. Per tutta la settimana successiva, da Albareto, Mamponeto, San Quirico, Folta, Cacciarasca, Groppo, Buzzò e altri luoghi, arrivarono gruppi di fedeli, per vedere, pregare, toccare quella immagine miracolosa.

Val Gotra 2013-06-30 (181) Tombeto AlbaretoQuei di Tombeto, riva sinistra, capitanati da Gio Lacchini, allora Aiutante delle Milizie e Consigliere Rurale del Borgo, scesero in basso e con l’appoggio del Parroco don Stefano decisero che la faccenda riguardava la religione e quindi il masso con la Madonna dipinta doveva finire per forza nella chiesa parrocchiale. Quelli di riva destra, abituati da anni ai soprusi, alle prepotenze dei più forti non seppero, o non vollero, opporsi alla decisione, anche se la Madonna la sentivano loro.

Boschetto Albareto Chiesa  (1)rForse avranno pensato: “Se la Madonna è davvero miracolosa, può darsi che sia lei ad opporsi ai prepotenti”.

Il masso venne comunque caricato sopra una slitta trainata da buoi e condotto alla Chiesa parrocchiale di Tombeto.

Il mattino seguente Don Stefano, prima ancora di andare a suonare il primo della Messa dell’alba, passò in chiesa per dare un’occhiata alla Madonna. Non c’era più, sparita.

Corse alla casa di Pietro, il Sacrestano. Lo fece scendere da letto: – Pietro, la Madonna non c’è più!.

“Sono stati quei di là dall’acqua, reverendo. Son venuti a rubarla”.

Boschetto Albareto Chiesa  (2)r“No. Tutte le porte sono chiuse, nessun segno di sfondamento. Mistero”.

“L’ hanno rubata, don Stefano. Lei non li conosce quei di là dall’acqua. Andiamo a chiamare Gio e gli altri. E si va giù a riprenderla”.

Scesero in un decina, con il carro trainato da buoi. Passato il Gotra bussarono alla porta di Francesco, lo tirarono giù dal letto e l’apostrofarono violentemente: “Cos’avete combinato stanotte! Ladri. Sacrileghi. Ora ci riprendiamo la Madonna e se succede ancora non vi lasceremo nemmeno entrare nella nostra chiesa. A Messa andrete a Groppo”.

Albareto Autunno 2012 Val Gotra (115) BoschettoLui a spergiurare su questo e quello che non s’era mosso. E nemmeno aveva sentito qualcosa di strano nella notte.

Si portarono al boschetto. Il masso stava là, come se nessuno mai l’avesse toccato. Non c’era terra smossa, tutto come prima.

Con cura lo caricarono sul carro, lo legarono ben bene e via.

Quando i buoi arrivarono al guado sul Gotra, si fermarono. Anzi, s’impuntarono. Non v’era modo di farli procedere.

Disse uno: “Hanno paura dell’acqua”.

20120102 Passeggiatai tesori (35) BoschettoSi prese del cretino: “ Forse che quando siamo scesi non hanno attraversato senza paura? E ieri non hanno guadato per ben due volte? Stai attento come si fa”. E ciò detto cominciò a battere la verga sulle spalle delle povere bestie. Inutile, i buoi restavano fermi, immobili.“Spingiamo il carro”. Una parola, fermo nemmeno fosse una montagna.Gio Lachini, poco abituato agli insuccessi, prese una decisione: “Non stiamo qui a farci deridere, lega i buoi a quell’albero, andiamo a desinare e poi torniamo”.Se n’andarono con la coda bassa, salendo in silenzio la stradina che portava verso l’alto.Groppo Seveselle (322) BoschettoQuando, finito di desinare, si ritrovarono giù al Gotra, s’accorsero che il carro con i buoi non c’era più. Senza aprir bocca cominciarono a correre verso il boschetto. Là giunti, trovarono il carro, i buoi e il masso al suo posto. Nessun segno dello scavo fatto in mattinata.Don Stefano, si tolse la berretta, si segnò, si mise in ginocchio e disse: “Il suo posto è qui”. E lì rimase.20120102 Passeggiatai tesori (11) TombetoQualche tempo dopo, la Madonna trovò uno sponsor in una persona di grande prestigio: Matteo Bonti. Era il Commissario di Borgotaro, in nome del Duca di Parma Ranuccio II. Uomo di grande personalità e importanza, se è vero che venne inviato a Venezia per seguire da vicino la faccenda dei confini con il Granducato di Toscana.

Era a Venezia perché quel Senato aveva avuto l’incarico di mediare e decidere definitivamente sulla lite. Lui doveva segnalare al Duca la posizione dei singoli senatori, suggerire le mosse idonee per averli dalla propria parte, trovare “l’olio adatto” per ungere certe ruote. Un uomo di mondo, quindi, alquanto spregiudicato, non un bigotto.

Val Gotra Primavera 2012 (8) Boschetto AlabretoLa fortuna non sempre accompagna i potenti, così al Commissario Bonti, ormai tornato al Borgo, accadde di essere vittima di una grave caduta da cavallo. Si spezzò le gambe; lo rimisero in piedi con i mezzi d’allora: guarito sì, ma destinato a servirsi di due stampelle per tutta la vita.

Faceva davvero pena, lui uomo potente e rispettato, vederlo ridotto in quel modo, costretto a farsi portare a braccia su per le scale del Comune, quando doveva assistere al Consiglio della Comunità.

20120102 Passeggiatai tesori (12) TombetoQuando gli giunse all’orecchio la notizia di quanto stava accadendo a Tombeto, decise di rivolgersi anche lui a quell’immagine dispensatrice di grazie.

“Se guarisco – pare abbia detto – erigerò in Suo onore un santuario”.

Oltre che uomo di prestigio, doveva essere anche uomo di fede. Dopo la prima visita, gettò le stampelle. Non gli servivano più. Val Gotra Primavera 2012 (9) Boschetto AlabretoQuelle stampelle che per molti decenni restarono nel Santuario da lui fatto erigere. Quello che ancora possiamo oggi ammirare. Nel frattempo il boschetto che custodiva il masso con l’effigie della Madonna, divenne il nome di una località: Boschetto.

Non era più la Madonna del boschetto, ma del Boschetto. 

Fonte: www.giacomobernardi.it

Post correlato e visibile nel nuovo sito di Giacomo Bernardi giacomobernardi33.blogspot.it alla pagina LEGGENDE: La Madonna del Boschetto. (immagine sotto riportata del quadro di Mario Previ “La Madonna del Boschetto” è tratta dal post)

Mario Previ La Madonna del Boschetto

Galleria immagini notturno del paese di Boschetto di Albareto, con il percorso nel bosco illuminato, il campanile, la piazza e il Santuario addobbati a festa da luci multicolori e la processione con la caratteristica scia luminosa lasciata dalle fiaccole. Foto scattate il 23-08-2013 dal colle di Tombeto da Bassoni Alessandra

 

notturno Festa Madonna del Boschetto 2013 (103) valgotraIn tutte le valli dalla Valle del Gotra alla Valle del Baganza (due torrenti non così noti, che nel nostro immaginario rappresentano l’intero Appennino e la montagna in genere), ogni anno nel mese di agosto si susseguono feste e sagre, con spettacoli e concerti, inoltre molti appuntamenti religiosi con liturgie, messe commemorative e fiaccolate. (vai alla Categoria “Eventi“)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.