Monte Gottero, Rio (canale) Vuşidu (in dialetto “canà du Vuşidu”, che sembra quasi “rio urlatore”) – ghiaccio e neve – febbraio 2013 immagini – Montegroppo Albareto Parma

Print Friendly, PDF & Email

Monte Gottero (16) Rio canale Vuşidu ghiaccioEcco alcune immagini scattate da Nicholas Stella durante un’escursione nei pressi di Montegroppo, Albareto (Parma), sotto la vetta del Monte Gottero (m. 1.640 sul livello del mare), sul versante nord alla foce del torrente Gotra e precisamente nel Rio (canale) Vuşidu che in dialetto è comunemente chiamato “canà du Vuşidu”, che facendo una traduzione approssimativa del nome dialettale sembra quasi “rio urlatore o dell’urlatore” (“vuşa” significa urlare o gridare e “vuşu” potrebbe essere tradotto come “urlo” cioè “grido acuto incontrollato”).

 

Il dialetto assieme ad altri beni legati alla storia e alla cultura locale, crediamo sia un  “bene culturale”, da scoprire, difendere e recuperare.

Un linguaggio che trasmette e diffonde fatti, impressioni e conoscenze relativi agli ambiti della cultura locale, e che spesso ci fa riflettere sul suo valore sociale e storico.

Monte Gottero (17) Rio canale Vuşidu ghiaccio

Le suggestive immagini del rio in parte ghiacciato, concesse da Nicholas Stella, ritraggono alcuni particolari del Rio (canale) Vuşidu, che possiamo definire un’eredità dell’era glaciale.

 

Il rio scorre tra i dirupi rocciosi del versante Nord, in Val Gotra, del Monte Gottero (1.640 m.) che è la cima più a est di tutta Liguria e segna il confine regionale tra quest’ultima, la Toscana e l’Emilia Romagna.

Monte Gottero (11) faggeta

 

 

Ringraziamo Nicholas Stella, per avere condiviso con tutti noi le foto della giornata: ci ha così regalato le preziose immagini di paesaggi incantevoli ed incontaminati, che meritano solo di essere piacevolmente vissuti …

 

 

approfondimenti:

Il massiccio del Monte Gottero (m.1.640) è caratterizzato dalla presenza di aree selvagge, che comprendono ambiente e panorami unici (vedi nei post Monte Gottero : escursione alla Croce di ferro restaurata – 16-06-2012 Montegroppo Albareto Parma   –  Il paesaggio innevato del Monte Gottero – 02-12-2012 immagini – Montegroppo Albareto Parma  ) con estese foreste di faggio e pianori di alta quota e torrenti, ed è spesso menzionato per la presenza una ricca flora e fauna (tra le specie più importanti figurano il lupo … vedi post Monte Gottero, probabili tracce di lupo e paesaggio innevato 22-01-2013 immagini – Montegroppo Albareto Parma  e l’aquila reale) e di particolari specie di coleotteri, presenta inoltre interessanti elementi geomorfologici: interessanti fenomeni di erosione e di deposito morenico del ghiacciaio che secondo gli esperti occupava, fino a 12.000 anni fa, il suo versante nord.

Monte Gottero (21) Rio canale Vuşidu ghiaccio

La valle che il monte domina nel versante emiliano (la Val Gotra, vedi post Archivio Categoria: Val Gotra ), è popolata da vari paesi immersi nel verde che ancora oggi custodiscono gelosamente molte tradizioni del passato (vedi post Archivio Categoria: Tradizioni).

Attraverso le immagini di Nicholas Stella, di splendidi luoghi di natura incontaminata o quasi, abbiamo scoperto un altro dei tanti angoli suggestivi delle nostre valli.

Monte Gottero (12) Rio canale Vuşidu ghiaccio

Avvicinandosi al Rio (canale) Vuşidu in Val Gotra, si può notare come l’azione di erosione delle acque sulla morfologia di questo territorio lo abbia trasformato nella tipica forma a “V”.

Si tratta di uno spettacolo della natura che affascina ed intimorisce … l’acqua che pian piano plasma anche la roccia.

Un viaggio nel tempo, dove le pietre raccontano le epoche geologiche.

 L’acqua impetuosa, con i suoi moti vorticosi e trasportando detriti, crea profonde fosse e pozzetti perfettamente circolari, modellando il paesaggio.

Monte Gottero (19) Rio canale Vuşidu ghiaccio

 approfondimenti

Vai alla categoria  Monte Gottero  Clicca

Il Monte Gottero è un “geositio“ (“Verso nord si osservano forme arcuate interpretate come circhi glaciali e depositi morenici“ testo tratto dal sito Scheda del Sito Monte Gottero ), cioè una zona in cui gli elementi fisici del paesaggio sono “singolari” ed hanno la caratteristica di testimoniare le evoluzioni di formazione e modellamento del nostro pianeta e, quindi, sono in grado di fornire un contributo indispensabile alla comprensione della storia geologica di una determinata area o regione.

Le cascate rappresentano da sempre uno dei più incantevoli spettacoli naturali: sono uno dei più suggestivi e straordinari spettacoli che possiamo incontrare …

ecco alcuni esempi con immagini tratte dai post correlati (visibili alla pagina Archivio Categoria: Cascate Parma)…

A sorpresa si possono scorgere tra i rami ancora spogli … impetuose, a caduta libera tra le pareti rocciose, mettono in mostra una delle tante straordinarie potenze della natura.

Val Taro (165) cascata

… si scorgono nel bosco tra sassi ricoperti da muschi …

Cascate Groppo Albareto Parma Val Gotra (1051)

… uno straordinario spettacolo di spruzzi, cascate, zampilli e acqua vaporizzata …

Cascate Groppo Albareto Parma Val Gotra (1221)

… il volume dell’acqua, i mulinelli e il rumore ci offrono un paesaggio incantato …

Panoramiche  Val Taro Marmitta dei Giganti (3)

… veri “monumenti naturali”, “tesori” naturali, molto vicini a noi anche se immersi nella natura delle nostre montagne … tutti da scoprire

Cascate Groppo Albareto Parma Val Gotra (1199)

 … con la speranza che, anche attraverso la bellezza di queste immagini, si possa contribuire alla salvaguardia e al rispetto non solo di questo luogo ma di tutta la natura che lo circonda.

7 Cartolina  Val Taro Marmitta dei Giganti (6)

Che bello passeggiare in montagna !!! … Non c’è niente di più bello di una escursione in compagnia.

Primavera 2009 Oasi dei Ghirardi - repertorio-5365E’ importante portare a casa solo ricordi fotografici.

Un elemento importante della passeggiata è la sosta, durante la quale si può ammirare il panorama, ascoltare il rumore di un torrente o il canto degli uccelli, fare qualche foto a rocce, fiori e animali.

Il tutto farà crescere sempre di più l’amore per la natura.

 

Galleria immagini di Nicholas Stella – Monte Gottero, Rio (canale) Vuşidu (in dialetto “canà du Vuşidu”) ghiaccio e neve – febbraio 2013 Montegroppo Albareto Parma

approfondimento dal sito SCUOLA MEDIA PIERO BORROTZU 

alla pagina Sesta Godano

Monte Gottero (15) Rio canale Vuşidu ghiaccio(…) massiccio del Gottero, il monte più alto della provincia( mt. 1639) dove sono evidenti le tracce dell’azione erosiva dei ghiacci dell’ultima glaciazione, quella Wurmiana, circa 12.000 anni fa.

 

approfondimento dal sito Istituto comprensivo Prospero Valeriano Manara

allegato alla pagina  Il Gotra ed i suoi affluenti

(…) Il Gotra nasce sul Monte Gottero (1639m), in prossimità del luogo detto “Foce dei tre confini”, punto d’incontro di tre province: Parma, Massa Carrara, La Spezia e tre Regioni: Emilia Romagna, Liguria e Toscana.

Monte Gottero (20) Rio canale Vuşidu ghiaccioDalle pendici del Gottero sgorgano anche un suo omonimo, che scende verso la Liguria bagnando Sesta Godano e il Gordana, che scende sul versante toscano ed attraversa il territorio di Zeri.

Il nome Gotra è di derivazione gotica, come quello del monte da cui nasce, dall’antico golta: gota o guancia.

Monte Gottero (10) faggetaLa sorgente, come per la maggior parte dei torrenti che nascono sui rilievi, non è localizzata in un unico punto, ma in una zona più ampia, in cui tanti piccoli ruscelli che raccolgono le acque giovani, le acque sotterranee e quelle delle nevi disciolte, si riuniscono a formare il primo tratto del torrente.

La sorgente si trova in un luogo che il Professor Vignoli definisce “di rara bellezza naturalistica”, detto Laghi, poco lontano dal “prato dell’erba fine”.

Monte Gottero (13) Rio canale Vuşidu ghiaccio(…) Nel primo tratto il torrente scorre in modo piuttosto impetuoso in un letto stretto ed incassato tra sponde alte e ripide e l’acqua, saltando tra i massi, forma gorghi e piccole cascate.

Eugenio Massa, nella sua “Guida” del 1913, lo definì ” torrentaccio impetuoso”.

Le sponde sono per lo più coperte da una fitta vegetazione, solo in qualche tratto sono nude e si vedono affiorare lastroni di arenarie (rocce di origine sedimentaria), in questi punti si verificano delle frane, soprattutto in Autunno ed in Primavera.

Scendendo verso Montegroppo, riceve le acque di vari rii e ruscelli e del torrente Schiena, suo affluente di destra; il percorso, a questo punto, diventa meno tormentoso e, presso Groppo, il letto diventa largo e ciottoloso.

(…) Il percorso del Gotra inizia tra gli alti faggi che ricoprono le pendici del Monte Gottero.

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA