Umberto Bracchi – La Toumbla (La Tombola) da: Ar Lünariu burg’zan 2009 – Borgotaro (PR)

Print Friendly, PDF & Email

Di seguito la poesia apparsa su “Ar lünariu burg’zan 2009”, di Umberto Bracchi.

 Versi in dialetto, in cui si mescola la nostalgia per un passato lontano, e la realtà odierna.

Umberto Bracchi, in questa sua significativa poesia, riesce a ricreare il particolare clima che si viveva nel corso di una tombolata

Giacomo Bernardi

Umberto Bracchi – La Toumbla (La Tombola) da: Ar Lünariu burg’zan 2009

L’ è vüna d’ cul’ sèir’ ch’ tira al spruvèin
la nèva int’i tici, al giasu in t’la stra
Natal’ l’è a l’ port’, i fümi i camèin,
l’ gèint’ i sin stan s’rè sü strich’ in ca’.

La sèira l’è lounga, l’è un pesu ch’ l’è scüru
i fiö d’là int’ la cam’ra i fan cunfüşioun
j’han fatu al presepiu int’ l’anglu v’şèin al müru,
“Şüguma a la tombla? S’ cumpruma al turoun”.

“S’numa a la svèrta quand’ vegna al papà,
s’nduma un bèl fögu, ciamuma i v’şèin.
Vü nona ste chi n’ stèv’ a cur’gà
gh’avì da t’gnì i fiö pü picèin.”

L’ariva al mumèintu, ognoün s’ tröva postu,
“Dà via l’ cartel’, mi tegnu al cart’loun.”
“No, al voju t’gnì mi p’erchè ti d’ nascostu
t’ trè şü l’ balèin’ ch’ t’è un imbrujoun”.

La toumbla l’è grosa, la cinquina pü m’nüda
s’ signa l’ cartel’ coun m’l’ga e faşö
coun carta d’ giurnal’ bagnà coun la spüda.
La nona a cuntrola i nüm’ri pr’i fiö.

Chi l’è s’tà a tavla, chi inturnu al camèin,
chi speta in silèinsiu al nüm’ru ch’ ve sü.
La Lena e al muruşu p’r sta pü v’şèin
jèin s’tà in t’al divan: una cartela in dü.

Tra grandi e picèin l’è tütu un sp’tà.
La Gina l’è cota, a gh’a un gran f’rdur’,
al naşu u gh’ cula ch’u para un canà.
Palö u sta pr’un nüm’ru: l’è tütu un brüşur’.

Gigèin u leşa i nüm’ri, u scrola al sach’ttu.
Ve sü l’utantotu: j’ücèri dal Papa
po u tira sü al sèt’: la gamba d’ M’gh’ttu,
e intantu a la Gina la gusa a gh’ scapa.

Pierino l’è stracu u s’è pişulà.
T’ salütu i me nüm’ri! U ronfa daboun
ch’ para ch’ sia voün lì a r’s’gà.
Ve sü al nuvanta, al veciu pisoun!

“L’ gamb’ d’l’ don'” u dişa Gigèin.
Al muruşu a la Lena u gh’ tuca un galoun.
Le al brüşa coun j’öci; lü u gh’ fa un surişèin.
“Mi l’ho sèimpr’ ditu ch’ t’è un gran laşaroun!”

Ormai tüti i speti, la toumbla a s’ v’şèina
ariva al mumèintu d’ vèins’ al turoun.
Jèin lì tüti atèinti a sp’tà la balèina.
La Gina int’al bèlu a tra un gran stranüdoun.

S’ sposta la m’l’ga, i şgürli i faşö,
l’ cart’ jèin vulà; gh’è una gran cunfüşioun.
“L’è meju andà a mont'” u dişa Palö.
E alura adiu toumbla e adiu al turoun.
Umberto Bracchi
Da: Ar lünariu burg’zan 2009

Per chi trova difficoltà nel dialetto

Traduzione
È una di quelle sere in cui spira un vento freddo
la neve sui tetti, il ghiaccio nelle strade.
Natale è alle porte, fumano i comignoli
la gente se ne sta chiusa, stretta, in casa.

La sera è lunga, da tempo è scuro,
i ragazzi di là nella camera fanno confusione
hanno fatto il Presepio nell’angolo vicino al muro.
“Giochiamo a tombola? Ci compriamo il torrone”.

Ceniamo in fretta, quando viene il papà,
accendiamo un bel fuoco, chiamiamo i vicini.
Voi, nonna, restate qui, non andate a coricarvi
dovete tenere i bambini più piccoli”.

Arriva il momento, ognuno si trova un posto
“Distribuisci le cartelle, io tengo il cartellone”.
“No, voglio tenerlo io perchè tu di nascosto
estrai le i numeri, sei un imbroglione”.

La tombola è grossa, la cinquina un po’ meno
si segnano le cartelle con melica e fagioli,
con la carta del giornale bagnata con la saliva.
La nonna controlla i numeri per i più piccoli.

Chi sta seduto a tavoa, chi intorno al camino
chi aspetta in silenzio il nunmero.
La Lena e il fiudanzato per star più vicini
stan seduti sul divano: una cartella in due.

Tra grandi e piccini è tutto un aspettare.
La Gina è “cotta”, ha un gran raffreddore,
il naso le cola che sembra un canale.
Palö aspetta un solo numero. È tutto un brusio.

Gigino legge i numeri, scrolla il sacchetto.
Esce l’ottantotto: gli occhiali del Papa.
Poi estrae il sette: la gamba di Meghetto.
E intanto alla Gina cola la goccia.

Pierino s’è stancato e si è appisolato.
Vi saluto cari numeri. Russa per davvero
da sembrare uno intento a segare.
Arriva il novanta, il vecchio piccione.

“Le gambe delle donne” dice Gigèin.
Il moroso, alla Lena, le tocca una coscia.
Lei lo brucia con gli occhi, lui le fa un sorrisetto.
“L’ho sempre detto che sei un gran lazzarone”.

Ormai tutti aspettano, la tombola è vicina
arriva il momento di vincere il torrone.
Son tutti lì attenti ad aspettare il numero.
La Gina nel più bello, dà un grande starnuto.

Si sposta la melica, rotolano i fagioli,
le carte son volate, c’è una grande confusione.
“È meglio rifare tutto”, dice Palö.
E allora addio tombola e addio torrone.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.