Campionato Italiano di Ciclismo su strada Professionisti – Compiano (Parma) – ecco la data 28 e 30 giugno 2019

28 giugno 2019
30 giugno 2019
Print Friendly, PDF & Email

A Compiano (Parma- Italia), la Federazione Ciclistica Italiana ha assegnato il Campionato Italiano di Ciclismo su strada Professionisti, che si svolgera il 28 (crono individuali per professionisti) e il 30 giugno 2019 (corsa in linea dei professionisti).

L’organizzazione è stata assegnata al Gruppo Sportivo Emilia, il quale aveva inoltrato richiesta alla Federazione Ciclistica Italiana e alla Lega Ciclismo Professionistico per conto del “Comitato Promotore Alta Valtaro (che comprende i comuni di Albareto, Bedonia, Borgotaro, Compiano e Tornolo)”.

La candidatura era stata divulgata dal Sindaco di Compiano, Sabina Delnevo, durante la consegna dei Premi Compiano Sport a Gianni Bugno e a Dino Zandegù (guarda 8° Premio Compiano Sport premiati: Gianni Bugno, Dino Zandegù e Marco Pastonesi – Cittadinanza Onoraria a Beppe Conti (giornalista sportivo) – Compiano (Parma) – 25 Agosto 2018).

Le sedi di arrivo e partenza, così come i dettagli dei percorsi, verranno definiti nelle prossime settimane, ma è già certo che le gare toccheranno tutti i territori dei comuni coinvolti.

Aggiornamento del 13 marzo 2019

Due le gare in programma nella competizione (nei comuni di Albareto, Bedonia, Borgo Val di Taro, Compiano, Tornolo), che assegnerà i titoli nazionali: la cronometro individuale del 28 giugno 2019 e la prova in linea su strada del 30 giugno 2019.

Una grande classica del ciclismo professionista che torna a 38 anni di distanza negli stessi luoghi che nel 1981 videro la vittoria di Francesco Moser, dopo una gara combattutissima con Giuseppe Saronni.  E proprio Moser e Saronni ritorneranno a giugno (la data è in corso di definizione) sul “luogo del delitto” per pedalare di nuovo sulla salita che porta al Castello di Compiano.

Il 1° aprile 2019 Davide Cassani (commissario tecnico della nazionale italiana, nonché presidente di Apt servizi Emilia-Romagna), visionerà il percorso, compiendo un sopralluogo insieme alla Commissione tecnica della Lega.

L’evento, un unico appuntamento per due gare (la crono individuale e la prova su strada) è organizzato dal Comitato Alta Valtaro (comuni di Albareto, Bedonia, Borgo Val di Taro, Compiano, Tornolo), insieme al gruppo sportivo Gs Emilia, in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna.

Campionati italiani su strada 2019:

– Crono individuale (28 giugno) – Arrivo e partenza a Bedonia per un percorso che toccherà tutti i cinque comuni dell’Alta Val Taro. Una distanza di 34 km con un dislivello di 385 metri, che rilascerà il titolo di campione italiano cronometro 2019, attualmente detenuto da Gianni Moscon;

– Prova in linea su strada (30 giugno) – Complessivi 232,90 km e un dislivello di 3.942 metri: un primo circuito (da percorrere due volte) di 49,78 km e un dislivello di 738 metri, con partenza e arrivo a Borgo Val di Taro, passando per Albareto, Compiano, Bedonia, Tornolo;

– un secondo (da ripetere dieci volte) di 12,30 km e un dislivello di 235 metri, tutto nel territorio di Compiano. Il vincitore di questa competizione potrà fregiarsi del titolo di campione italiano su strada e indossare la maglia tricolore. Campione uscente: Elia Viviani.

Una grande classica dal 1906: il record di Girardengo, 9 vittorie

Scorrendo il palmares di questa competizione nata nel 1906, si ritrovano tutti i grandi protagonisti del ciclismo italiano su strada, da Costante Girardengo, che vinse il titolo ben nove volte, passando per Alfredo Binda e Learco Guerra. Né potevano mancare le grandi coppie del ciclismo italiano: Gino Bartali e Fausto Coppi che si misurarono in queste prova diverse volte, portando a casa quattro trofei ciascuno. E, tra anni Settanta e Ottanta, Francesco Moser e Giuseppe Saronni.  In tempi più recenti oltre a Elia Viviani, sono saliti sul podio anche Fabio Aru campione 2017 e naturalmente Vincenzo Nibali che ha conquistato l’oro nel 2014 e nel 2015. Senza dimenticare Giacomo Nizzolo vincitore nel 2016.

Visto che la fotografia è la nostra passione, abbiamo realizzato questa immagine elaborata, con le informazioni dell’evento.

Adriano Amici, presidente del Gruppo Sportivo Emilia:

“Siamo particolarmente onorati di questo nuovo impegno e ci apprestiamo a portarlo avanti con l’entusiasmo e la passione di sempre. In primis voglio ringraziare per la fiducia il Comitato Promotore Alta Valtaro che, con i rappresentanti dei comuni di Albareto, Bedonia, Borgo Val di Taro, Compiano e Tornolo, ci ha affidato l’organizzazione di questo importante evento. Siamo chiamati ad un impegno importante in una terra che ama il ciclismo e che tanto ha dato e tanto continua a dare in termini di grandi atleti e passione popolare, una terra che tra l’altro aveva già ospitato il campionato italiano su strada nel 1981 vinto davanti a 50.000 persone da Francesco Moser. Nei prossimi giorni inizieremo i primi sopralluoghi per definire, in accordo con il comitato locale e con il commissario tecnico della nazionale italiana Davide Cassani, i percorsi e i dettagli tecnici delle due gare”.

Immagini tratte dal post 8° Premio Compiano Sport premiati: Gianni Bugno, Dino Zandegù e Marco Pastonesi – Cittadinanza Onoraria a Beppe Conti (giornalista sportivo) – Compiano (Parma) – 25 Agosto 2018

Guarda Compiano, Albareto, Bedonia, Borgotaro e Tornolo.

 

Ricordiamo che ..

Compiano (Parma) nel 1981 fu il teatro della più accesa lite tra Francesco Moser (che conquistò proprio qui la maglia tricolore) e Beppe Saronni: Moser che sbandò, Saronni che lo apostrofò, Moser che gliela giurò e, alla fine di un campionato italiano di 237 km e 3800 metri di dislivello, trionfò in volata. 

Testo tratta dal post Ieri e oggi di Moser e Saronni di Marco Pastonesi

Moser: «Campionato italiano a Compiano, nel 1981. Saronni mi tagliò la strada, gli dissi: “Piano, mi fai cadere”».

Saronni: «Gli risposi: “Se non sai più stare in bici…”».

Moser: «Quella frase mi caricò come una molla».

Saronni: «Quella frase la pagai a caro prezzo. Vinse lui».

Moser: «A volte mi chiedevo se ne valesse la pena di insultarci così. Pensavo al giorno dopo, quando avrei dovuto rientrare in gruppo e correre».

Saronni: «Di quegli anni ricordo la folla sulle strade. Pedalavi e sentivi quello che diceva».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.