Rievocazione: Punta e Cù con i Ove a Bardi (Parma) – 1 aprile 2018

Print Friendly, PDF & Email

tradizione-pasquale-puta-e-cu-con-i-oveIn tutte le parrocchie della “valgotrabaganza” diverse saranno le occasioni per lasciarsi trasportare dalle atmosfere suggestive dei riti religiosi, come per esempio: Via Crucis, processioni, momenti di riflessione. Ecco di seguito la locandina della rievocazione del tradizionale gioco “Punta e Cù con i Ove”, che si svolgerà sul sagrato della Chiesa parrocchiale a Bardi in provincia di Parma, all’uscita della Santa Messa della Domenica di Pasqua 1 aprile 2018.

Guarda i post Val Ceno, valceno

Locandina tradizione-pasquale-puta-e-cu-con-i-ove

Approfondimento dal post Giacomo Bernardi – La Pasqua (Santa Pasqua) – Borgo Val di Taro (Parma) 

Il mattino uscivamo con tre o quattro uova in tasca. In precedenza erano state colorate immergendo nell’acqua bollente la carta colorata nella quale veniva avvolto quel poco che la mamma acquistava nei negozi.

I colori dominanti erano tre: rosso, blu e giallo. Chi proprio non aveva carta, allora preziosa perché serviva ogni mattina ad accendere la stufa, le aveva nere da far paura. Sì, ricordo ora che i miei amici più poveri le avevano nere. Con le uova si poteva partecipare a tre giochi.

– Zgürlà l’övu. Si andava in una zona che avesse un poco di pendenza e quindi, a turno, si dava una spinta per far rotolare il proprio uovo. Se durante il percorso l’uovo di uno andava a toccare quello di un altro, quest’ultimo perdeva l’uovo.

-A pounta e cü. Si giocava in due. Uno teneva in pugno il proprio uovo, l’altro lo urtava con il suo. Vinceva l’uovo chi riusciva a rompere quello dell’altro: prima di punta e poi “d’ cü”.

– A tajon. L’uovo veniva messo in piedi a terra appoggiato al muro. Dalla distanza di due passi di lanciavano (di taglio) le monete. Vincevi l’uovo se la moneta si infilzava nell’uovo. Quando non riuscivi, la moneta andava al possessore dell’uovo.

A pensarci, sembrerebbe impresa difficilissima, ma allora avevamo occhio per queste cose.

Non vi dico i pianti di chi, dopo poco tempo, aveva perso tutte le uova e doveva accontentarsi di guardare gli altri.

Nelle immagini di Mario Previ vi presento:

1 – Mario Previ: “Notte di Pasqua”Mario Previ Notte di Pasqua

2 – Mario Previ: “Pounta e cù”Mario Previ Pounta e cù

3 – Mario Previ: il riposo dei giocatori d’uova.Mario Previ il riposo dei giocatori d'uova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.