Domenica delle Palme: Groppo Albareto (PR) – Benedizione dell’ulivo – Santa Pasqua 2018

Print Friendly, PDF & Email

domenica-palme-102-groppoA Groppo di Albareto (Parma), domenica 25 marzo 2018 nella Chiesa dedicata a San Pietro Apostolo (una delle più antiche della Val Gotra), Don Renzo Corbelletta ha celebrato la Santa Messa della “Domenica delle Palme” (con la lettura del vangelo che ricorda gli episodi vissuti da “Nostro Signore” in questo giorno), e ha benedetto, come da antica tradizione i rami d’ulivo (guarda Santa Pasqua).

Ringraziamo di cuore Milena Bassoni, che ha fotografato e condiviso con i lettori di “valgotrabaganza” le immagini della semplice celebrazione.

Guarda i post Albareto, Groppo, Parma e EVENTI, Religione, emozioni  

 domenica-palme-101-groppoNel giorno della “Domenica delle Palme” (come avviene ogni anno), la chiesa ci riunisce per ricordare l’ingresso di Gesù a Gerusalemme accompagnato dai dodici apostoli e delle manifestazioni di giubilo e entusiasmo con cui lo accolse il popolo. Il Gesù il Salvatore si era recato nella Città Santa per celebrare la Pasqua ebraica.

Guarda il post Sfondi, immagini e cartoline – Domenica delle Palme 2017 – Groppo di Albareto (Parma) 

Approfondimento

domenica-palme-103-groppoCon la “Domenica delle Palme” ha inizio la settimana santa, e, come da tradizione, ci si reca in Chiesa a prendere il ramo di ulivo benedetto, da portare a casa come segno di pace, come protezione e “portafortuna”.

I vecchi contadini lo aggiungeva nella stalla, all’immagine di Sant’Antonio o lo mettevano sulle croci di legno nei campi e negli orti a protezione dei raccolti e dei seminati e per scongiurare temporali e grandine.

Abbiamo letto che i rami di ulivo benedetti rimasti, vengono bruciati per ricavarne la cenere per il giorno delle ceneri dell’anno seguente .

Galleria immagini: Domenica delle Palme: Groppo Albareto (PR) – Benedizione dell’ulivo – Santa Pasqua 2018

 

 

 

1 comment

    • Mario on 29 marzo 2018 at 09:57
    • Reply

    Devo fare i miei complimenti a tutto il paese , e in particolare credo a Don Corbelletta, mi ricordo che chiesa ,
    campanile e canonica non erano certamente in buone condizioni.
    Oggi è stupefacente vedere quello che è stato fatto, nonostante il paese possa contare poco più di qualche
    decina di anime. Di nuovo complimenti.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA