Segni e ricordi di lontane Quaresime (2° parte) di Giacomo Bernardi – Pasqua 2018

Print Friendly, PDF & Email

rito-della-via-crucis-bernardiAspettando la Santa Pasqua 2018 (importante ricorrenza di “primavera”, così piena di simbologia, di riti, di tradizioni, di cibi caratteristici e usanze che affondano le loro radici in un passato lontano) ci piace riportare nel blog alcuni racconti di Giacomo Bernardi (memoria autorevole delle nostre tradizioni e della nostra millenaria cultura).

Eccovi il racconto: Segni e ricordi di lontane Quaresime (2° parte)

Guarda Segni e ricordi di lontane Quaresime (1° parte) di Giacomo Bernardi – Pasqua 2018

Aspettando la Santa Pasqua 2014 …. con il racconto “La Madona dal buslan” – video di Giacomo Bernardi – illustrazioni di Mario Previ 

Segni e ricordi di lontane Quaresime (2° parte)

Vi era poi il rito della Via Crucis, ripetuto ogni venerdì, che negli atteggiamenti, nei canti, negli addobbi, raggiungeva punte di particolare emotività.
Si arrivava così alla Settimana di Passione durante la quale a rendere ancor più tangibile il clima di austerità e rinuncia, tacevano anche le campane, che allora cadenzavano i vari momenti della giornata.
Si può comunque dire che, nel passato, la pratica quaresimale faceva sì che ognuno potesse giungere alle soglie della Pasqua con lo spirito rinnovato attraverso la riflessione e la mortificazione del corpo.
A proposito di riti esterni resta memoria orale di una Via Crucis che si svolgeva lungo la strada che porta al Cimitero.
Le stazioni venivano segnate da crocifissi in legno appesi agli alberi.
Non sono invece riuscito a trovare testimonianze orali di una Via Crucis che, con ogni probabilità, si doveva svolgere lungo la parte a monte dell’attuale Viale Bottego.
L’ipotesi è suffragata da alcuni cippi, oggi incastrati nei muri di recinzione di alcuni fabbricati. Su questi cippi sono incisi numeri in cifre romane.
I cippi con i numeri VI e VII si trovano poco prima della metà del Viale.
Il primo in corrispondenza del negozio di tessuti-vestiti e il secondo della casa Gatti. Altri due cippi recanti i numeri XIII e XIV si trovano alla fine del viale, verso Porta Farnese. Il primo, quasi in corrispondenza dell’imbocco di Via Castagnoli, il secondo poco prima dell’ultimo palazzo.
É logico pensare immediatamente ad una numerazione che avesse a che fare con una Via Crucis, le cui stazioni sono 14 e nelle chiese vengono, appunto, indicate con cifre romane.
Anni fa, nel corso di una visita pastorale, il Vescovo di Piacenza scrisse, riferendosi a Borgotaro: -Per la festa di Santa Croce si tiene una Via Crucis pubblica, con larga partecipazione di popolo”.
È probabile che i cippi fossero un tempo collocati sulla facciata interna delle antiche mura che circondavano il paese.
Una volta demolite queste, i cippi vennero spostati nel nuovo muro che delimitava il viale a monte.
Quando si costruirono le villette, vi fu chi, rifacendo i muretti di cinta, provvide a salvare alcuni di questi cippi, inglobandoli nei muretti, dove tutt’ora si trovano.
Nelle immagini:
– Due cippi, rappresentanti due stazioni, che si possono ancora vedere in Viale Bottegorito-della-via-crucis-bernardi

rito-della-via-crucis-bernardi-1
– Due particolari tratti da due famosi e conosciuti dipinti di Mario.
Il primo dal titolo “Aspettando la processione”, aspettando-la-processione-mario-previ

il secondo “La Processione del Venerdì Santo”.la-processione-del-venerdi-santo-mario-previ
In ambedue si possono notare gruppetti di persone che stanno proprio attorno alle stazioni della Via Crucis, presso le quali hanno acceso fuochi.

Giacomo Bernardi

La Pasqua è un’importante ricorrenza di “primavera”, piena di simbologia, di riti, di tradizioni, di cibi caratteristici e usanze che affondano le loro radici in un passato lontano, che è bello mantenere vive anche attraverso il blog…

(guarda i post Eventi, Santa Pasqua) 

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA