Natale 2017: Il Presepe della vita quotidiana contadina di un tempo di Angelo Pavesi – Montegroppo, Albareto (PR)

Print Friendly, PDF & Email

presepe-vita-contadina-113-angelo-pavesiIn occasione del Natale 2017, Angelo Pavesi di Montegroppo di Albareto (Parma), ha realizzato (come da molti anni), un Presepio molto originale e caratteristico che contiene le nostre memorie rurali.

Il Presepio allestito nei pressi della Chiesa Parrocchiale è stato meta nei giorni festivi di numerosi amici e conoscenti, che hanno potuto apprezzare e ammirare il grande lavoro artistico che, con “licenza stilistica e poetica”, mette in risalto attraverso la riproduzione di molti aspetti della vita quotidiana contadina della zona, la nostra identità rurale.

Tanti complimenti ad Angelo Pavesi, un’artista che riesce a trasmettere il fascino autentico di un mondo rurale contadino ormai passato.

presepe-vita-contadina-181-angelo-pavesi

Guarda i post Natale 2015: Presepe rurale e contadino di Angelo Pavesi – Montegroppo, Albareto (PR)

 Natale 2012 – Le nostre memorie rurali nel Presepe di Angelo Pavesi – Montegroppo di Albareto (Parma)

presepe-vita-contadina-189-angelo-pavesiIl Presepe di Angelo Pavesi si presenta in maniera molto diversa rispetto a come siamo abituati a conoscerlo oggi e a come si è scelto di rappresentarlo.presepe-vita-contadina-102-angelo-pavesi

La particolarità e spettacolarità di questo Presepe, sta nell’allestimento povero e semplice (un paesaggio soave, con prati verdi, montagne e boschi) che documenta, attraverso appunto questo ambiente, i personaggi e gli edifici, il mondo contadino della montagna, le nostre radici e la tradizione agricola e rurale della Val Gotra, che poi è anche quella del popolo di tutto l’Appennino che per secoli ha vissuto in territori come quello rappresentato nel bellissimo Presepio: ambienti adibiti al pascolo e alla coltivazione agroforestale.presepe-vita-contadina-125-angelo-pavesi

Attraverso una scenografia semplice, con sullo sfondo una roccia bagnata, Angelo Pavesi ha realizzato, con fantasia e gusto, un’opera semplice che oltre a comunicare sentimenti di speranza, insegna e fa rivivere una civiltà contadina ormai perduta.presepe-vita-contadina-169-angelo-pavesi

In pratica una rievocazione storico-rurale, delle nostre meravigliose campagne.presepe-vita-contadina-193-angelo-pavesi

  la “grotta” della natività con la mangiatoia (in dialetto “creppia”), 
accanto la stalla con i buoi (in dialetto “a stalla cun i béé”),
la cantina, 
 il mulino ad acqua (in dialetto “u murin”), 
il testo o forno a legna – campana in ghisa (in dialetto “u testu”), con la paletta (in dialetto “u troveru“) per spostare le braci sotto al testo-campana, 
 e la fontana (in dialetto “a funtànna”).
 il bagno esterno (in dialetto “u cagadu”), 
 e l’allestimento di un’antica aia (in dialetto “l’èra”), 
la tavola imbandita con alcuni oggetti utili per la cucina del contadino di allora; il mortaio per frantumare il sale (in dialetto “a pilla daa sà”), la fascella il contenitore bucherellato dove la cagliata è messa a sgrondare e viene a volte pressata per fare il formaggio (in dialetto “a fasella”), il colino (in dialetto “u curadu”) utilizzato da filtrare il latte attraverso inserimento all’interno di un’erba secca spontanea (in dialetto “u curumme”),
la stufa in ghisa a due bocche di carico (in dialetto “a stua da duu busi”) e i testaroli (in dialetto testö’ o testarö’), 
e il vallo che serviva per separare le castagne secche dai resti della buccia (in dialetto “u vallu”) e la mola affilatrice di attrezzi da taglio (in dialetto “a moraa”).
Sono poi visibili vari attrezzi del “duro” lavoro agricolo anche questi erano preziosi oggetti per il contadino di allora: il seghetto con corda tenditore (in dialetto “seghettu cun u turzun”) e la forca (in dialetto “u furcau”),

l’attrezzo di corda utilizzato per il trasporto del fieno (in dialetto “a reida“), la falce (in dialetto “a curiatta”) e la mazza (in dialetto “a mazètta”), 
il cavalletto per tagliare la legna (in dialetto “cavalettu da faa a lègna”),
cunei spaccalegna (in dialetto “e taglieere da spacá a légna”), e l’ascia (in dialetto”a segu”),

 la sega a due impugnature che deve essere usata da due persone (in dialetto “resegun”),
la mazzetta (in dialetto “a  mazza”), il palanchino (in dialetto “u paa a feru”),i chiodi per spaccare i sassi (in dialetto “i pinchiotti”), 
 di fianco alla natività, la cassapanca (in dialetto “bancàà”)

il banchetto utilizzato per fare i manici o pioli da scala (in dialetto “piri”),
la slitta per trasportare la legna e il fieno (in dialetto “a leeza”),
 il grosso cesto che si appoggiava al capo per il trasporto delle foglie (in dialetto “cavagna per cuglii u ruscu”), 
 il rastrello (in dialetto “u rastellu”).

presepe-vita-contadina-109-angelo-pavesiI personaggi, che rappresentano il vissuto consueto dei montanari, incisi nel legno con grande cura nei minimi particolari (addirittura sono scolpiti anche i costumi popolari rurali), animano la scena di quotidianità contadina e sono rappresentati intenti a:
i giovani uomini “battono” un sacco pieno di castagne secche per facilitare il distacco dal frutto secco della buccia (in dialetto “pistà e castagne cun u saccu”),  presepe-vita-contadina-106-angelo-pavesi

la signora porta il pane ( in dialetto “a levà”) appoggiato sul tagliere (in dialetto “a livèra”), per la cottura nel forno “portatile” a legna in ghisa (“testo”);
il giovane uomo si avvia nel bosco per tagliare la legna con l’accetta (in dialetto “sugheretto”);
  la donna porta la spesa o gli alimenti dentro il fazzoletto da merenda (in dialetto “u drapellu da gruppu”);

un’altra donna prepara il castagnaccio (in dialetto catignazzu o castagnassu) attraverso la cottura nel testarolo (in dialetto testö’ o testarö’); un’anziana fila la lana mentre è al pascolo con la pecora;

nel cimitero, una donna porta fiori e lumini ad una tomba;presepe-vita-contadina-124-angelo-pavesi

Il Presepe di Angelo Pavesi lo si può definire un quadro tridimensionale, una fotografia dell’operare storico dell’uomo montanaro, della campagna dell’Appennino di molto tempo fa, un ritorno alle nostre origini, richiamate dagli antichi mestieri, dagli attrezzi e dai particolari degli ambienti.

Guarda i post Tradizioni

presepe-vita-contadina-129-angelo-pavesiGalleria immagini:Natale 2017: Il Presepe della vita quotidiana contadina di un tempo di Angelo Pavesi – Montegroppo, Albareto (PR)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.