Giacomo Bernardi – Il monumento ai Caduti sito nel giardino “ IV novembre” – Borgotaro (Parma)

Print Friendly, PDF & Email

monumento-ai-caduti-borgotaro-primaDi seguito il testo di Giacomo Bernardi (appassionato della storia e delle tradizioni di Borgo Val di Taro, Parma), intitolato Il monumento ai Caduti sito nel giardino “ IV novembre” – Borgotaro (Parma).

Guarda Monumento ai Caduti: Giardini IV Novembre, Borgo Val di Taro (Parma) e i post di Giacomo Bernardi

Il monumento ai Caduti sito nel giardino “ IV novembre”
Ho visto che la statua della Vittoria che un giorno adornava il Monumento ai Caduti, ha destato qualche sorpresa. Ancor più il fatto che ora non esista più.
I più giovani, forse, non sanno che durante l’ultima guerra (1939-45), per sopperire alla mancanza di metalli in cui versava l’Italia, il Governo d’allora, per poter costruire armi, decise di prendere il metallo dove si trovava. Ecco allora prendere le campane dai campanili, le statue in metallo. Ecco demolire le inferriate che recintavano le villette di Via Piave e Montegrappa.
La statua in bronzo della Vittoria, sita nel Monumento ai Caduti dei giardini, venne smontata e fusa nel 1942, per fabbricare armi.
Il monumento era stato costruito con fondi raccolti attraverso una sottoscrizione dei cittadini, e inaugurato il 4 novembre 1930. Eccovi la sua storia, riassunta in un mio scritto, non so in quale occasione.

“Il monumento ai Caduti sito nel giardino IV novembre – Borgotaro (Parma)”

IL MONUMENTO AI CADUTI

NEL 1930, A DODICI ANNI DALLA FINE DELLA GUERRA, A BORGOTARO VENIVA INAUGURATO IL MONUMENTO AI CADUTI DELLA GRANDE GUERRA.
SITUATO NEL GIARDINO IV NOVEMBRE, SORGEVA PER INIZIATIVA E CONCORSO DEL POPOLO BORGOTARESE. LA PARTE IN MARMO ERA STATA PROGETTATA DALL’ARCH. PROF. MARIO VACCA DI PARMA.
LA FOTO CE LO MOSTRA AGILE, BEN PROPORZIONATO, CON DUE COLONNE RESTREMATE CHE SI ALZANO SU DI UN BASAMENTO SOLIDO.
AL CENTRO DELLE DUE COLONNE, V’ERA COLLOCATA LA STATUA IN BRONZO DELLA MINERVA CHE TENEVA NELLA MANO DESTRA UNA “VITTORIA ALATA”, MENTRE LA SINISTRA POSAVA SU UN FASCIO LITTORIO.
SULLA SOMMITA’ DELLE DUE COLONNE E’ POSTA UNA TRABEAZIONE SULLA QUALE POGGIA L’ANTICA LUPA ROMANA CHE ALLATTA ROMOLO E REMO.
SCULTURE, SIA LA MINERVA CHE LA LUPA, DENSE DI SIGNIFICATI, OPERA DEGLI ARTISTI ALESSANDRO E MANLIO MARZAROLI DI PARMA.
PURTROPPO LA STATUA DELLA MINERVA, DETTA ANCHE DELLA VITTORIA, VENNE TOLTA DAL MONUMENTO NEL 1942, PER ESSERE FUSA ED IL METALLO UTILIZZATO PER RICAVARNE MATERIALE BELLICO, COME SI FECE ANCHE PER MOLTE CAMPANE E TUTTE LE INFERRIATE CHE RECINGEVANO I GIARDINI DELLE NUMEROSE VILLETTE POSTE IN PARETO ED IN ALTRE ZONE DEL PAESE.
AI PIEDI DELLA STATUA, SULLA FACCIATA DEL BASAMENTO, SI LEGGE LA BELLA E POETICA EPIGRAFE DETTATA DALL’ON.LE PAOLO BOSELLI, CHE DAL 1916 AL 1917 RICOPRI’ L’INCARICO DI PRESIDENTE DEL CONSIGLIO.
I MARMI UTILIZZATI VENNERO ESTRATTI DA UNA CAVA SITUATA NEI PRESSI DEL CASTELLO DEL BUON CONSIGLIO DI TRENTO, “ARA DEI MARTIRI”.
SULLE TRE FACCIATE TROVIAMO IL LUNGO ELENCO DEI MILITARI BORGOTARESI DECEDUTI NEL CORSO DELLA GUERRA.
I NOMI, SCOLPITI NEL MARMO, SONO 164, ED E’ QUESTO, IN AGGIUNT
A AGLI OLTRE CENTO INVALIDI, IL TRISTE E GENEROSO TRIBUTO DELLA NOSTRA COMUNITA.

Giacomo Bernardi

Foto : 1-Il monumento com’era in originemonumento-ai-caduti-borgotaro-prima

2-Il monumento come si presenta oggimonumento-ai-caduti-borgotaro-dopo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.