Giacomo Bernardi – Il castello demolito! Perché? – Borgotaro (Parma)

Print Friendly, PDF & Email

castello-borgotaro-1926Di seguito il testo di Giacomo Bernardi (appassionato della storia e delle tradizioni di Borgo Val di Taro, Parma), intitolato “Il castello demolito! Perché?” – Borgotaro (Parma).

Guarda i post di Giacomo Bernardi

“Il castello demolito! Perché? – Borgotaro (Parma)”

Qualcuno mi ha chiesto per quale balzana idea sia stato demolito il nostro castello.
Storia breve e dolorosa…
Nella foto che pubblico si vede la nuova strada per Bardi (1926), ottenuta costruendo le false mura che vanno dalla rotonda fino a Piazza Farnese.
Essa rasenta il castello e per costruirla se ne dovette abbattere una piccola parte.
Nel 1936 il Comune si impegnava a dare un contributo per la costruzione della “Casa del Fascio” che sarebbe dovuta sorgere al posto del castello.
Nel 1938, sempre il Comune, in sostituzione del contributo, si impegnava ad addossarsi la spesa per la demolizione. I relativi lavori vennero iniziati nel 1938 e proseguiti nel 1939. Furono successivamente sospesi per la guerra, lasciando il castello ridotto a metà e inabitabile.
Sintesi: né castello né Casa del Fascio.
Nel 1958, dopo che l’Amm.ne Comunale (con non poche polemiche) aveva donato edificio e area all’Ente Casa del Fanciullo per l’erezione del nuovo asilo, iniziarono i lavori per la completa demolizione del castello.
La cartolina postata è stata spedita da Borgotaro nel 1921 e mostra la situazione del castello com’era prima della costruzione della strada per Bardi (1926)castello-borgotaro-1926
Nell’altra cartolina (ca 1930), situazione del castello in seguito alla costruzione della strada di circonvallazione per Bardi.castello-borgotaro-1930

Giacomo Bernardi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.