«

»

giu 27 2017

Alta Valtaro “lasciati sorprendere”: Brochure – vetrina per conoscere il territorio di Albareto, Bedonia, Borgotaro, Compiano e Tornolo (Parma)

alta-valtaro-lasciati-sorprendere-100Oltre ai monumenti Unesco, alle grandi Città d’Arte, l’Emilia Romagna può vantare una bellezza più “nascosta” e tutta da scoprire, come per esempio l’Alta Valtaro, con i suoi bellissimi borghi montani, Albareto, Bedonia, Borgo Val di Taro, Compiano e Tornolo (Parma) in provincia di Parma.

Dal alcune settimane l’Alta Valtaro unitamente ai Comuni di Albareto, Bedonia, Borgo Val di Taro, Compiano e Tornolo (Parma) in provincia di Parma (scrigni di tradizione, folklore e cultura popolare, enogastronomia tipica, atmosfere e stili di vita slow, circondati dalla natura più bella), è pubblicizzata in una “brochure-vetrina”.

…un modo “nuovo” per scoprire le “nostre” bellezze.

alta-valtaro-lasciati-sorprendere-100

Ecco la brochure in dettaglio

Una valle al confine fra Monti e Mare

alta-valtaro-lasciati-sorprendere-102Cinque Comuni, un’unica valle, tante sfaccettature di un territorio vivo e vivace, “Tutto da scoprire”.
Una lunga linea azzurra divide i monti a sud dell’Appennino Parmense.
È il fiume Taro, che nella sua discesa tocca antichi borghi e centri abitati, dove le tradizioni sono ancora radicate, la natura incontaminata e la comunità ospitale.
È in questo triangolo di confine, fra Emilia, Liguria e Toscana, che si snoda l’Alta Val di Taro, territorio dalle radici antichissime, nota soprattutto per la sua gastronomia e il suo verde sconfinato, situato nella posizione strategica da cui senza fatica si raggiunge il mare, come le Cinque Terre, ma anche le grandi città del nord Italia, grazie ai collegamenti ferroviari e all’autostrada.
Caratteristiche “genuine”, per una terra ancora capace di offrire esperienze vere, perfette, autenticamente semplici.
Lunghe passeggiate o escursioni avventurose, gustosi pranzi alle tavole dei ristoranti o pic nic lungo il fiume, notti di balli o di totale silenzio, ad osservare le stelle: questo e molto altro è l’Alta Valtaro.

alta-valtaro-lasciati-sorprendere-103Albareto (Parma)
Niente grattacieli, qui lo skyline l’ha fatto madre natura.
Boschi da fiaba, che fanno doni preziosi. Albareto è un paese (con molte frazioni) letteralmente circondato da distese di castagneti e faggete che svettano verso le punte dei monti. Il Monte Gottero, cima più alta del territorio comunale, è il monte da cui nasce il Torrente Gotra o “La Gotra” come viene comunemente chiamata dagli abitanti, gli Albaretesi, da qui nelle limpide giornate o nelle limpide nottate si possono vedere svariati panorami tra i golfi della Liguria, da La Spezia a Sestri Levante a Rapallo, fino ad arrivare a tutto il lungomare della Versilia.
Una terra quasi incontaminata all’interno di una tra le più suggestive e naturali vallate Emiliane. Ogni anno qui si celebra la Fiera Nazionale del Fungo Porcino, il secondo weekend di settembre. All’interno del palazzo comunale, un’interessante e ben documentato museo della Prima Guerra Mondiale.

alta-valtaro-lasciati-sorprendere-106Bedonia (Parma)
Sapori, colori e profumi che, per fortuna, non cambiano mai.
Bedonia è un grazioso centro caratterizzato dai toni chiari delle case, dalle antiche insegne e dai negozi storici. Posto al centro di numerose vie di comunicazione, che ne fanno uno snodo centrale tra la provincia di Parma e la Liguria, è il luogo ideale per rilassarsi e riscoprire il piacere di vivere lontano dagli stress cittadini.
Imperdibile una visita al Seminario Vescovile, a fianco del Santuario della Madonna di San Marco, che racchiude tanti musei fra cui una bella quadreria, una biblioteca antica e il museo di storia naturale.
Ma Bedonia non è solo relax e cultura, è anche possibilità di praticare vari sport come tennis o nuoto e partecipare a numerose attività ricreative e culturali che fanno di questo paese un piacevole luogo in cui rigenerarsi.

alta-valtaro-lasciati-sorprendere-107Borgo Val di Taro (Parma)
Alle porte dell’Alta Valtaro, la cittadina che non ti aspetti.
Il “Borgo” è la cittadina più grande della Vallata, centro di servizi e punto di arrivo anche grazie alla presenza della stazione ferroviaria e del casello autostradale.
Mecca dei fungaioli in autunno, è meta estiva per tanti stranieri e di visitatori alla ricerca di quel giusto mix fra cittadina ricca di proposte e dintorni dove contemplare il paesaggio e, perché no, ritrovare se stessi fuori dalla routine quotidiana. Dal centro storico fitto di negozi, che offre un denso programma di eventi, spettacoli e mercati lungo tutto l’arco dell’anno, si va alle frazioni tutte intorno, dove la storia emerge fra antiche chiese e borghi, e la natura domina sovrana.
Un Borgo che sa prendere il cuore, e sa prendere per la gola, con i suoi tanti piatti tipici, da quelli con i funghi prugnoli in primavera a quelli con i porcini, senza scordare le torte salate, di patate, di riso, di erbe, e i piccoli Amor, pasticcini che oltre ad una soffice crema racchiudono una curiosa storia e una ricetta ancora segreta.

alta-valtaro-lasciati-sorprendere-110Compiano (Parma)
L’eleganza intramontabile della storia.
Un borgo piccolo, abitato pressoché solo d’estate, racchiuso da possenti mura edominato da un grande maniero.
È Compiano, unica, indimenticabile, romantica e nostalgica, dove ogni pietra ha una storia da raccontare. Arroccato su un promontorio che si affaccia sul Taro, ha conservato perfettamente il suo aspetto medievale, e dall’ingresso fortificato, la “Porta delle Monache”, si entra in un regno di case torri e palazzi nobiliari fino alla piazzetta belvedere e poi ancora su fino al castello dei Landi, oggi sede di un relais di lusso, un ristorante e una parte visitabile aperta al pubblico.
Dame e cavalieri sembrano ancora passeggiare lungo i camminamenti, mentre all’interno si visitano gli appartamenti della Marchesa Raimondi Gambarotta, ultima proprietaria del castello. Ha sede qui anche l’unico Museo della Massoneria in Italia.

alta-valtaro-lasciati-sorprendere-111Tornolo (Parma)

…Di tuffi, passi e baciocche.
Tornolo è il comune più “in vetta”, e raccoglie anche due centri importanti, ognuno con una sua identità spiccata. Santa Maria del Taro, ai piedi del Passo del Bocco, nota per il suo ponte antico e la sua torta di patate “baciocca”, che attinge a piene mani dalla tradizione ligure giusto al confine.
Tarsogno, il centro turistico per eccellenza nell’area, amato per la sua acqua, i suoi sentieri, il suo clima estremamente piacevole in estate, si trova ai piedi del Passo Cento Croci, sovrastato da quello della Cappelletta, dove fra i pascoli il panorama è a 360 gradi, e di notte sembra di poter toccare le stelle.
Quest’area è caratterizzata da una fortissima emigrazione, soprattutto verso l’America nei primi del Novecento, non a caso infatti proprio a Tarsogno si trova il Museo dell’Emigrazione, un piccolo scrigno che raccoglie testimonianze e vite di tante persone emigrate alla ricerca di una vita migliore con questi monti però sempre nel cuore.

alta-valtaro-lasciati-sorprendere-114Il profumo del Bosco

Unico, inconfondibile: il fungo porcino di Borgotaro IGP è il simbolo dell’Alta Valtaro, sinonimo di qualità e rispetto per l’ambiente.
Nei boschi situati lungo la dorsale appenninica fra i Comuni di Albareto, Borgo Val di Taro e Pontremoli, la raccolta dei funghi è una consuetudine che si tramanda da molti secoli. Per “Fungo di Borgotaro”, nella tradizione e nel commercio locale, si intendono le quattro specie di porcino Boletus edulis, Boletus aereus, Boletus aestivalis e Boletus pinophilus. Il prodotto è considerato superiore, per qualità organolettiche, olfattive ed aromatiche, rispetto agli altri porcini che, pur delle stesse specie, provengono da altre zone sia italiane che estere, e fanno sì che sia l’unico fungo in Europa a vantare il
marchio IGP.
Ottimo da mangiare, meraviglioso da trovare: migliaia di cercatori ogni anno, da ogni parte d’Italia e non solo, arrivano in Alta Valtaro alla ricerca del prezioso fungo, tesoro nascosto fra le foglie cadute d’autunno.

FIERE D’AUTUNNO
1° weekend di Settembre – Fiera Millenaria di San Terenziano – Compiano
2° weekend di Settembre – Fiera Nazione del Fungo Porcino – Albareto
3° e 4° weekend di Settembre – Fiera del Fungo di Borgotaro IGP – Borgo Val di Taro
3° weekend di Ottobre – Festival del Tartufo – Bedonia

alta-valtaro-lasciati-sorprendere-115Passo dopo passo
L’Alta Valtaro e’ protagonista di un rilancio del turismo sostenibile e legato alla riscoperta del piacere del cammino.Per lo più senza accorgersene, passiamo molto del nostro tempo correndo. Se non con le gambe, con il pensiero, o con le dita sullo smartphone. Non a caso si sta riscoprendo tutta una serie di attività sportive o anche solo ricreative che mirano a riconnetterci con noi stessi, sconnettendoci dal resto del mondo.
In Alta Valtaro lo spazio non manca, per queste attività: una fitta rete di sentieri vi condurrà dai centri storici fin su le vette, dove perdere lo sguardo all’orizzonte, passando per paesini e case sparse, pascoli e fitti boschi. La riserva naturale dei Ghirardi (Oasi WWF) ha anche un centro visite e molti eventi per il pubblico (www.parchidelducato.it).
Per chi vuole affidarsi a “mani esperte”, il gruppo guide ambientali escursionistiche (www.trekkingtaroceno.com) e per i più allenati, rivolto al mondo dei trail runner, i ragazzi della 3T Valtaro (www.3tvaltaro.com) organizzano tutto l’anno escursioni di varia direzione e difficoltà.
I principali eventi rivolti al mondo del trail runner e inseriti nel panorama nazionale e internazionale sono la Winter Trail del Borgo, Quadrifoglio Ultra Trail, la Valtaro Mare (AV5T) e l’Abbots Way sulla Via degli Abati, oltre ad altri inseriti nel calendario provinciale quali il Cento Croci Trail e Pelpi Trail.

 

Mini mappa dell’Alta Valtaroalta-valtaro-lasciati-sorprendere-118

Per informazioni

UFFICIO TURISTICO COMPRENSORIALE
ALTA VAL TARO
Via Garibaldi, 15 – 43041 Bedonia (PR)
Tel.: 0525/824765
Email: ufficioturistico@comune.bedonia.pr.it

BORGO VAL DI TARO
Piazza Manara, 7 – 43043 Borgo Val di Taro (PR)
Tel./Fax: 0525/96796
Email: uit@comune.borgo-val-di-taro.pr.it

ALBARETO
Via della Repubblica, 16 (Portici della
Comunalia) – 43051 Albareto (PR)
Tel.: 0525/999231
Email: ufficio.turismo@comune.albareto.pr.it

TORNOLO (TARSOGNO)
Via Noberini, 1 − 43050 Località Tarsogno (PR)
Tel./Fax: 0525/89272
Email: prolocotarsogno@tiscali.it

www.turismovaltaro.it – #turismovaltaroalta-valtaro-lasciati-sorprendere-119

 Una passeggiata in Alta Valtaro, un bellissimo museo “aperto”.

Galleria immagini: Alta Valtaro lasciati sorprendere: una brochure-vetrina per conoscere il territorio di Albareto, Bedonia, Borgotaro, Compiano e Tornolo (Parma)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA

Effects Plugin made by Free Wordpress Themes