Ettore Rulli: “A fòra du Luvvu” – Leggere per … – incontri d’autore – Biblioteca Manara di Borgotaro (Parma) 15-12-2012 immagini

Print Friendly, PDF & Email

 Le biblioteche, nel tempo, cercano di rinnovare costantemente la propria dotazione, offrire servizi efficienti e competenze, promuovere la lettura (coinvolgendo le nuove generazioni) e si impegnano nel potenziare il dialogo con la cittadinanza creando occasioni, eventi e iniziative che sono strumenti di crescita della consapevolezza civica e dell’appartenenza al luogo, in poche parole le biblioteche sono “energia per il territorio”.

Guarda la categoria Libri, Biblioteca

 La Biblioteca Manara di Borgo Val di Taro (Parma), con il patrocinio del Comune di Borgotaro, nell’ambito del suo programma di attività per il 2012 promuove un ciclo di incontri (con protagonisti di assoluto primo piano) che porterà tanti autori, lettori e appassionati nel capoluogo valtarese. 

 

 

copertina libro —>

Sabato 15-12-2012 è stata la volta del libro “A fòra du Luvvu” (Phaedri fabelle liber primus) di Ettore Rulli (architetto-lessicografo), presidente del Centro Culturale “Compiano Arte Storia”, che si adopera da sempre per la salvaguardia del patrimonio culturale e dialettale di Compiano e della Valtaro, zona inserita nell’Emilia-Romagna amministrativa ma dal dialetto fortemente condizionato e influenzato da quello ligure.

Alegrafia e PiZanz cercano attraverso la pubblicazione di eventi e iniziative relative alla trasmissione della cultura sul nostro territorio, di favorirne la diffusione, sicuri del valore sociale rappresentato e dell’opportunità offerta per il miglioramento della qualità di vita, per la circolazione delle idee, per l’apprendimento continuo e l’integrazione sociale.

 

Il libro A fòra du Luvvu è costituito da 31 favole del “Liber primus” di Fedro nella versione originale latina, tradotte in 5 lingue e 2 dialetti e precisamente in italiano, francese, inglese, urdu (la comunità pakistana è presente nella nostra Valle), e nei dialetti di Compiano e di Borgotaro.

Le favole sono meravigliosamente interpretate dalle illustrazioni di Mario Previ.

 

I testi di questo genere che contribuiscono alla conservazione del nostri dialetti, insieme all’aggiornamento del patrimonio bibliografico della valle, ci permettono di mantenere la memoria e l’identità di un popolo e di un paese, e offrono alle attuali generazioni una traccia della storia, delle tradizioni, degli usi e costumi del passato e soprattutto dei valori semplici di quel mondo che pensiamo siano importanti per comprendere non solo il passato ma anche il presente e quello che il futuro potrebbe portare.


.

galleria immagini Borgotaro Bibliteca Manara – 15-12-2012 Ettore Rulli (immagini di Alessandra Bassoni – testi di Alessandra Bassoni e Pietro Zanzucchi)

video correlati

A Fora du Luvvu Ettore Rulli Biblioteca Manara intervista 15 12 2012

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=lYa146EdhOg[/youtube]

A Fora du Luvvu Ettore Rulli Biblioteca Manara video 15 12 2012

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=UAgCr14V6Qk[/youtube]

RTA News 21-12-12 2° parte™

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=neQviDBVK2M[/youtube]

video correlati all’autore

Presentazione del libro di Ettore Rulli Questa è Vita 05-05-2012.wmv

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=fnZ9csQpMCI[/youtube]

 

Presentazione del libro di Ettore Rulli Questa è Vita intervista 05-05-2012.wmv

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=C0u3hWf7Yc4[/youtube]

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=CCHmOyQQIi4[/youtube]

video correlati all’argomento Compiano

Alcuni angoli e dintorni del borgo medievale di Compiano

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=35Yd9_ENS0c[/youtube]

Compiano, un borgo medioevale da visitare

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=S585B8Er-Kc[/youtube]

da you tube

Caricato da valtaroTV in data 30/ott/2007

http://www.valtaro.it/ Visita la borgo antico di Compiano e al suo castello
Un po’ di storia:
Una storia affascinante… di Compiano abbiamo notizie storiche certe dal secolo XI, nei documenti appare già un borgo fortificato con giurisdizione sull’alta valle del taro, ma l’analisi muraria del castello ci mostra la presenza di un torrione di epoca carolingia.
Attorno al mille Compiano è dei Malaspina; quindi, nel XI sec.,del Comune di Piacenza. Nella prima metà del XV sec., con Ubertino Landi, inizia il dominio della famiglia che durerà 452 anni, la più longeva Signoria d’Italia. All’inizio del ‘400 si affermò il predominio dei Visconti che relegarono in secondo piano i Landi nei loro territori. Il XVI e XVII sec. furono secoli di splendore, Compiano battè propria moneta, ebbe scuole pubbliche e un monte di pietà. Alle soglie del ‘700 Compiano passò ai Farnese a da quel momento iniziò il declino del borgo. Sotto il ducato di Maria Luigia il castello diventò prigione di stato dove vennero rinchiusi i carbonari dei moti del 1821.

Durante la II guerra mondiale il paese riacquistò importanza e il 25 giugno 1944 Compiano divenne capitale del “Territorio libero della Valtaro”. Nel dopoguerra il collegio delle fanciulle insediato nel castello venne chiuso e il maniero fu acquistato dalla Marchesa Lina Raimondi Gambarotta che nel 1987, data della sua morte, lo lasciò al Comune. Attualmente il castello è aperto al pubblico con visite guidate. All’interno risiede la collezione Gambarotta, mobilio e oggetti dell’ex proprietaria, la mostra “Orizzonti inglesi”, oggetti della massoneria inglese, la mostra di monete coniate nella zecca di Compiano. Recentemente il Principe ereditario di Monaco, Alberto Grimaldi, ha fatto visita alla Rocca: questo per rinsaldare le antiche radici comuni, partite appunto da Compiano.

Le principali vie di collegamento con il capoluogo sono:
Autostrada A15 Parma-La Spezia, uscita Borgotaro, il capoluogo dista 23 Km dal casello ed è raggiungibile con una nuova e moderna strada che scorre lungo le sponde del fiume Taro ed è percorribile in 20 minuti di auto.
La stazione F.S. più vicina è quella di Borgotaro sulla Parma- La Spezia, la quale dista 10 Km, ed è comodamente servita con fermate di treni in partenza da Milano, Bologna, Genova, Livorno e Firenze.

Le distanze dei maggiori centri urbani verso Compiano sono:
Parma 68 km (50 minuti), La Spezia 80 km (1 ora e 10 minuti), Milano 180 km (1 ora e 45 minuti), Chiavari 45 km (1 ora), Genova 160 km (1 ora e 40 minuti), Bologna 155 km (1 ora e 40 minuti), Firenze 150 km (1 ora e 50 minuti).

approfondimento dal sito

Prima edizione Expo Taro Ceno – il “saper fare” di artigiani, agricoltori ed imprenditori – 25/26-08-2012 Compiano (Parma) 

 

 

galleria immagini

Expo Taro Ceno 2012 Compiano Parma 

 

 

video correlati

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=ucMng9HtB2g[/youtube]

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=UwtaglLLBgI&feature=relmfu[/youtube]

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=aIC_5WJToCk&feature=relmfu[/youtube]

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=b2wTaHmLKvI&feature=relmfu[/youtube]

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=0A5B7uB5KEc&feature=relmfu[/youtube]

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=mOnJZ-fucWA[/youtube]

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=p89ccHGCd-w&feature=relmfu[/youtube]

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=w79ZONSTK78&feature=relmfu[/youtube]

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=aVI_LNJe1m4[/youtube]

approfondimenti dai TG

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=XaiX_hAOEok[/youtube]

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=kXvufL1RaHE&feature=player_embedded[/youtube]

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.