Parpadelle con u savu (ricetta tradizionale, tipica della Vigilia di Natale) – Albareto (PR) Val Gotra – da “ALBARETO INFORMA” del 1996

Print Friendly, PDF & Email

Parpadelle con u savu (101) AlbaretoAlcune ricette di Albareto (Parma), parte integrante della storia e delle tradizioni, rischiano spesso di essere dimenticate, e per questo motivo riportiamo volentieri l’articolo pubblicato nel giornalino “ALBARETO INFORMA” del 1996 dal titolo “Parpadelle con u savu”, una ricetta tradizionale, locale, tipica della Vigilia di Natale.

(guarda i post Origini)

… testo tratto dal giornalino ALBARETO INFORMA del 1996

PROPONIAMO DI SEGUITO (ATTUALIZZA) una ricetta tradizionale, locale, tipica della Vigilia di Natale, giornata di digiuno che terminava la sera con una cena comune a molte famiglie.

Per dare più rigore (o era la necessità dei tempi?) ad un impegno religioso molto sentito, nella preparazione della pasta non si usavano le uova.

Parpadelle con u savu

Sul tagliere stemperare la farina con acqua tiepida formando un impasto sodo.

Assottigliare la pasta con la macchina e tagliarla a rettangoli di circa 2 cm in modo irregolare. Stendere le pappardelle sul tagliere lasciandole asciugare bene.

Schiacciare le noci (circa 10 per persona) e frullare i gherigli finemente, metterli in una terrina con olio e mescolare.

Cuocere le pappardelle e a fine cotture unire alle noci frullate aggiungendo acqua di cottura e facendone una crema morbida.

Scolare le pappardelle, versarle nella terrina girandole delicatamente cospargendole di parmigiano grattugiato.

Ricetta di Ines Bosi in ricordo della mamma Luigia d’ FranconParpadelle con u savu (102) Albareto

 

Scrivere su un blog queste informazioni, crediamo sia utile per far per rivivere, riscoprire e ricordare le ricette e la magiche atmosfere vissute dai nostri nonni, nella quiete della montagna …

(guarda i post  Tradizioni)

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.