«

»

ago 20 2016

Mario Previ e Giacomo Bernardi – “La liberazione dell’intera valle del Taro (15 giugno 1944)” – Borgotaro (PR)

Mario Previ la liberazione dell'intera valle del TaroIL 15 GIUGNO 1944 A BORGOTARO, SI FESTEGGIAVA PERCHÈ IL TERRITORIO DEL TARO, PER LA PRIMA VOLTA ERA STATO LIBERATO DALL’OCCUPAZIONE DELLE TRUPPE TEDESCHE.
QUELLA MATTINA, NEI GIARDINI IV NOVEMBRE, LA POPOLAZIONE E I PARTIGIANI SCESI IN PAESE ASSAPORAVANO IL PRIMO ALITO DI UNA NUOVA LIBERTÀ, MA IMPROVVISAMENTE UNA SGRADITA SORPRESA… (Mario Previ)

Immagine ” “La liberazione dell’intera valle del Taro (15 giugno 1944)” di Mario Previ

Di seguito il testo di Giacomo Bernardi (appassionato della storia e delle tradizioni di Borgo Val di Taro, Parma), intitolato ” “La liberazione dell’intera valle del Taro (15 giugno 1944)”.

Guarda i post di Giacomo Bernardi e Mario Previ

LASCIO ALLA CRONACA SCRITTA DI G. BERNARDI, COME I FATTI SI SVOLSERO E COSA DI TRAGIGO CAPITÒ:

” “La liberazione dell’intera valle del Taro (15 giugno 1944)”

Nel giugno del 1944, le formazioni partigiane della Valtaro avevano portato a compimento il loro piano ambizioso: la liberazione dell’intera valle.Nel maggio precedente c’era stato, nella zona, un vasto rastrellamento da parte dei tedeschi, ma le forze partigiane si erano sottratte, come d’incanto, al nemico subendo poche perdite, per riformarsi subito dopo decise più che mai a riprendere la lotta.
Anzi si può dire che l’azione dei tedeschi avesse rafforzato l’idea della Resistenza, tanto che, nel mese successivo, nuovi giovani si erano arruolati nelle formazioni partigiane contribuendo a renderle più forti.
Già sul finire del maggio, appena passata l’orda tedesca, le formazioni erano passate al contrattacco.
Il 29 maggio venivano infatti disarmati i presidi militari tedeschi posti nei caselli ferroviari n.61 e 62 sulla linea Parma-La Spezia.
Il 5 giugno veniva attaccato e disarmato il presidio fascista della stazione ferroviaria di Borgotaro.
Alcuni giorni dopo era la volta dei presidi situati al passo del Bocco e alle Pezze di Borgotaro.
Il 10 giugno, nei pressi del ponte sull’Occhiello(tra Pontolo e Baselica) veniva assalita una corriera di militi fascisti.
Veniva nel frattempo occupata la stazione ferroviaria di Ostia, sabotato il ponte “parabolico” e danneggiato un lungo tratto di binario sotto la galleria del Borgallone, tra Ostia e Borgotaro.
Il giorno 14 veniva liberata Bedonia e il giorno successivo Borgotaro.
15 giugno 1944: Borgotaro è nelle mani delle formazioni partigiane. Alcuni distaccamenti rimangono sui passi a presidiare la valle interamente liberata, ma a Borgotaro c’è notevole confusione.
Presso l’albergo Appennino sono riuniti i capi. Fuori sostano i partigiani ancora increduli per quanto hanno saputo osare: è il primo giorno di relativa calma, che segue ad una settimana di scontri violenti. Amici che da tempo non si vedono, si salutano e si scambiano notizie, impressioni…aria di festa, insomma.
All’improvviso, proveniente da chissà dove, un’auto militare s’accosta all’albergo. Sono tedeschi! Non fanno nemmeno in tempo ad estrarre le armi che dieci, venti mani li bloccano e li portano all’interno dell’albergo. L’automezzo viene nascosto.
Tra la notevole, comprensibile confusione, qualcuno si organizza: se un automezzo ha forzato il blocco, altri ne potrebbero giungere.
Gruppi di partigiani, armi in pugno, risalgono via Piave.
Un gruppo con mitraglia s’apposta presso l’edificio scolastico, altri nel giardino della casa di fronte.
Ed ecco spuntare, su dalla curva in fondo a via Piave, un secondo automezzo tedesco. Giunto all’altezza del palazzo delle scuole viene crivellato da raffiche di colpi. L’automezzo procede ondeggiando fino a giungere comunque davanti all’albergo Appennino.
Anche qui un fitto crepitio di armi automatiche: chi spara dal giardino, chi dall’albergo, chi dal viale.
L’auto tedesca, nonostante tutto, procede e finisce la sua corsa all’inizio del ponte di San Rocco.
Terminata la confusione ci s’accorge che un partigiano è rimasto a terra presso un platano. Morto!
E’ Remo Dallara(Esonero), anni 19: il primo caduto del Libero Territorio del Taro.
A sera parte un camion con sopra le salme di Remo e di un tedesco. Percorre la strada Borgotaro-Berceto e giunto all’altezza di Baselica, si ferma.
Alcuni partigiani depongono le salme sopra due scale e cominciano una lenta e triste marcia verso il cimitero di Baselica.
16(o 17) giugno: nella chiesa di Baselica si stanno svolgendo le esequie.
In chiesa giacciono le due salme: Don Alessio Tozzi ha appena terminato l’omelia, quand’ecco una donna precipitarsi all’interno e gridare: – Stanno arrivando i tedeschi!
Farsi trovare con un partigiano, sia pure morto, era cosa assi pericolosa a quei tempi; la presenza, poi, di un tedesco ucciso dai partigiani complicava maledettamente le cose.
Già il caratteristico ticchettio degli stivaletti preannunciava imminente l’apparire dei tedeschi…
In chiesa calava il più assoluto silenzio…s’apre la porta e nello stesso momento un mazzo di fiori, l’unico, vola dalla salma di Esonero e va a posarsi, in qualche modo, sulla salma del tedesco.
Un ufficiale tedesco avanza deciso verso l’altare: si ferma presso la salma di Esonero, guarda quindi la salma del connazionale con quel mazzo di fiori mal collocato, ma che dimostra pur sempre la profonda umanità delle persone lì presenti.
L’ufficiale si guarda in giro…scruta quella gente, solo il pianto di mamma Dallara rompe il silenzio. A lei in quel momento non interessa altro che Remo, il figlio non ancora ventenne che giace lì davanti. Forse non aspetta altro che andare con lui…
L’ufficiale tedesco è ancora lì, immobile davanti alle salme, è ancora indeciso…in fondo alla chiesa, armi in pugno, sta una decina di tedeschi in attesa di un cenno.
All’improvviso l’ufficiale si china, toglie dalla salma del tedesco la piastrina di riconoscimento, l’intasca, quindi retrocede di due passi e saluta militarmente con un energico battito degli stivali.
Compie un rapido dietro-front, ripercorre deciso l’intera navata ed esce seguito dagli altri tedeschi.
Don Alessio Tozzi riprendeva le esequie…
Testimonianza resami dalla famiglia Dallara.

Giacomo Bernardi 

70 ANNI DOPO, IL NIPOTE DI REMO DALLARA CHE PORTA LO STESSO NOME DELLO ZIO, MI CONTATTA PER UNA RICHIESTA CHE AL PRIMO IMPATTO MI GELÒ!
MARIO TI CHIEDO SE TU PUOI DIPINGERMI A MODO TUO LA SCENA DI QUEL TRAGICO MOMENTO…

NON PROMISI NIENTE E CERCAI DI PRENDERE TEMPO: ERA UNA COSA CHE NON AVEVO MAI FATTO E SAPEVO ANCHE SE AVESSI DETTO DI NO! AVREI DELUSO TANTE ASPETTATIVE CHE AVEVO SUBITO SENTITO.
POI MI VENNE IN MENTE MIO PADRE LORENZO, ANCHE LUI PARTIGIANO CON IL NOME DI SCERIFFO,E CHE AL POSTO DEL POVERO REMO POTEVA TROVARSI ANCHE LUI.
SENTIVO DENTRO CHE DOVEVO IMPEGNARMI AL MASSIMO… ERA UNA COSA CHE DOVEVO FARE ASSOLUTAMENTE!! ANCHE PER TUTTI GLI ALTRI GIOVANI CHE PERSERO LA LORO VITA PER UN SOGNO DI LIBERTÀ CHE SI È POI AVVERATO E , OGGI, TUTTI NE GODIAMO I BENEFICI SENZA RENDERCI CONTO DI QUANTO SANGUE È STATO VERSATO PER NOI.
QUESTA È L’OPERA CHE SONO RIUSCITO A REALIZZARE E CHE DEDICO A TUTTI I FAMIGLIARI CHE HANNO PERSO UN LORO CARO IN QUEI TRAGICI GIORNI.

Mario Previ

Immagine ” “La liberazione dell’intera valle del Taro (15 giugno 1944)” di Mario PreviMario Previ la liberazione dell'intera valle del Taro

1 commento

  1. Claudio

    Mi interesserebbero altri particolari sul combattimento del 10 giugno 1944 presso Pontolo. Grazie

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA

Effects Plugin made by Free Wordpress Themes