Cucciolo di Capriolo (Capreolus capreolus) ripreso insieme alla mamma – Borgotaro (PR) – 4 maggio 2016

Print Friendly, PDF & Email

Cucciolo di Capriolo (109) mammaEcco un cucciolo di Capriolo, ripreso il 4 maggio 2016, in compagnia della madre, nei pressi di una prato a Borgo Val di Taro (Parma).

La mamma Capriolo, ci osserva incuriosita e sorpresa “sul far della mattina” (i caprioli svolgono generalmente un’attività crepuscolare – notturna), per poi scomparire insieme al suo cucciolo nella boscaglia.

ATTENZIONE: Se trovo un cucciolo di capriolo cosa devo fare? Guarda il post Cucciolo di Capriolo nascosto nell’erba: una carezza può costargli la vita – primavera Val Taro 2014 – Curiosità – Animali

Guarda Capriolo

Cucciolo di Capriolo (105) mammaIl cucciolo di Capriolo nascosto nell’erba, con accanto la mamma.

Cucciolo di Capriolo (115) mamma

 

Come si può notare da queste immagini il Capriolo femmina, ripreso nella stagione estiva si presenta senza l’evidente “specchio anale” bianco.

Il suo cucciolo invece presenta il mantello giovanile marrone scuro pomellato lungo i fianchi (Bambi) che si mantiene per circa due mesi.

Guarda Capriolo

 

Cucciolo di Capriolo (108) mammaLe immagini e questo piccolo testo speriamo sia utile a far appezzare e rispettare la biodiversità del nostro territorio.

Guarda Archivio Categoria: Foto Animali

Riportiamo il Comunicato stampa del Servizio veterinario dell’Azienda Usl di Parma (21/04/2016) 

Cuccioli di capriolo: “Non avvicinatevi e non toccateli!”

Appello dei servizi veterinari dell’AUSL

Cucciolo di Capriolo (112) mammaIl Servizio veterinario dell’Azienda Usl di Parma ricorda che è proprio in queste settimane il periodo in cui i caprioli danno alla luce i propri cuccioli, e che dunque può capitare più frequentemente di vederli soprattutto nei prati del nostro Appennino.
E’ molto importante sapere che per il loro bene non ci si deve avvicinare né  toccarli.

La mamma, dopo averli allattati, li porta in un luogo diverso da quello in cui li ha accuditi e con un richiamo li fa accucciare.

I piccoli staranno fermi fino al ritorno della madre, dopo che questa avrà mangiato e vigilato sulla sicurezza del luogo. 

Non è un abbandono ma una vera e propria difesa naturale.

Cucciolo di Capriolo (108) mammaI piccoli infatti non hanno odore, si mimetizzano nell’erba grazie al loro manto pomellato e quindi non richiamano i predatori (lupi o volpi).

Attendono invece immobili il ritorno della mamma. 

Cucciolo di Capriolo (110) mammaChi vede questi piccoli deve sapere che è importante non avvicinarsi e soprattutto non toccarli: il contatto con l’uomo fa perdere al cucciolo il suo “non odore”, la mamma non lo riconoscerà più, quindi lo abbandonerà perché spaventata dal pericolo che questo cambiamento rappresenta. 

E’ dunque necessario seguire queste precauzioni che sono vitali per i piccoli caprioli, mentre non serve segnalare un eventuale ritrovamento al Servizio veterinario aziendale.      

Ufficio stampa

Simona Rondani

Cell. 320.6198715 

Galleria immagini: Cucciolo di Capriolo (Capreolus capreolus) ripreso insieme alla mamma – Borgotaro (Parma) – 4 maggio 2016

Cucciolo di Capriolo (114) mammaNon si può evitare di danneggiare, o meglio salvaguardare, ciò che non si conosce … per questo occorre cercare di osservare, con considerazione e rispetto …

dunque ci auguriamo che anche queste immagini e il breve testo siano utili e possano costituire un piccolo passo per far comprendere, per poterla appezzare e rispettare, la “biodiversità” del nostro territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.