Vademecum – Incendio boschivo: cosa fare … prevenzione ed informazione

Print Friendly, PDF & Email

Riteniamo doveroso contribuire alla prevenzione degli incendi

….attraverso una corretta informazione e sensibilizzazione si può infatti salvare “il verde del nostro Paese”

 

Riportiamo alcune indicazioni utili per evitare che si avvii un incendio:

  • non gettare mai mozziconi di sigaretta dai finestrini dell’auto
  • verificare che la marmitta dell’automobile non sia a contatto con erba secca che potrebbe incendiarsi
  • non accendere fuochi nelle aree boscate, ma nemmeno in quelle coltivate o nelle vicinanze
  • è importante tenere sempre sotto controllo la fiamma e assicurarsi che sia effettivamente spenta e che le braci siano fredde prima di andare via (se durante una scampagnata o escursione, si accende un fuoco nelle aree attrezzate)
  • evitare di accendere fuochi in giornate di vento
  • non abbandonare rifiuti o immondizie nelle zone boscate o in loro prossimità (i contenitori sotto pressione, per esempio, bombolette di gas, deodoranti, vernici, ecc. con le elevate temperature potrebbero esplodere o incendiarsi facilmente)

Se avvistate un incendio non prendere iniziative autonome, date l’allarme chiamando il 1515 (Forestale) o il 115 (Vigili del fuoco) o anche Polizia, Carabinieri, Prefettura, Comune, in modo che le autorità possano avviare subito le operazioni di spegnimento (cercate di essre precisi circa il luogo dell’incendio, perché la lotta contro il fuoco è contro il tempo), scongiurando disastri ambientali di notevoli proporzioni.

Dopo la chiamata, evitate di sostare o parcheggiare nelle vicinanze e non varcare la strada invasa dal fumo e dal fuoco.

Se possibile mettetevi a disposizione dei corpi di soccorso: indicando i sentieri che conoscete, mettendo a disposizione riserve d’acqua e innanzitutto liberate le strade dalle macchine, per facilitare un intervento rapido.

Se vi trovate coinvolti in un incendio cercate di mantenere la calma e cercate di segnalare la vostra presenza al più presto.

Cercate una via di fuga, come un fiume o un torrente, e provate ad spostarvi alle spalle del fuoco, dove la terra è già bruciata.

Cercate un luogo con vegetazione incendiabile, stendetevi al suolo, bagnandovi o cospargendovi di terra.

Se c’è molto fumo per respirare, imbevete un panno e poggiatelo sulla bocca.

Se siete in spiaggia dirigetevi verso il mare ed evitate di salvare auto, tende o zaini (pensate prima a voi stessi e ai vostri cari).

Molti incendi sono opera di piromani o di criminali interessati alla distruzione dei boschi, collaborare con la Forestale e con i corpi di Pubblica sicurezza nella segnalazione di comportamenti sospetti, permette un maggiore controllo del territorio.

In caso di avvistamento di un incendio chiama i numeri:

1515 – numero nazionale di Pronto intervento del Corpo Forestale dello Stato
115 – numero nazionale di Pronto intervento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
8008-41051 – numero verde del Corpo Forestale dello Stato
800-333-911
– numero verde dell’Agenzia regionale di Protezione Civile

 

argomento correlato

La Protezione Civile siamo noi – Berceto informa sul Piano Operativo Comunale di Protezione Civile – Video del 15-01-2012

 

 

BERCETO UN OPUSCOLO SULLA PROTEZIONE CIVILE IN OGNI FAMIGLIA BERCETESE

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=ksuHqL9y2w8[/youtube]

 testo tratto dal sito www.protezionecivile.gov.it alla pagina Rischio incendi

Il 30% della superficie territoriale del nostro Paese è costituito da boschi, caratterizzati da un’ampia varietà di specie che nel corso dei millenni si sono adattate alla straordinaria variabilità dei climi, da quelli subaridi dell’estremo sud della penisola a quelli nivali dell’arco alpino.

Il patrimonio forestale italiano, tra i più importanti d’Europa per ampiezza e varietà di specie, costituisce un’immensa ricchezza per l’ambiente e l’economia, per l’equilibrio del territorio, per la conservazione della biodiversità e del paesaggio. I boschi, inoltre, sono l’habitat naturale di molte specie animali e vegetali.

Tuttavia ogni anno decine di migliaia di ettari di bosco bruciano a causa di incendi di natura dolosa o colposa, legate alla speculazione edilizia, o all’incuria e alla disattenzione dell’uomo.Negli ultimi trent’anni è andato distrutto il 12% del patrimonio forestale nazionale.Le conseguenze per l’equilibrio naturale sono gravissime e i tempi per il riassetto dell’ecosistema forestale e ambientale molto lunghi. Le alterazioni delle condizioni naturali del suolo causate dagli incendi favoriscono inoltre i fenomeni di dissesto dei versanti provocando, in caso di piogge intense, lo scivolamento e l’asportazione dello strato di terreno superficiale.

I mesi a più elevato rischio sono quelli estivi, quando la siccità, l’alta temperatura ed il forte vento fanno evaporare parte dell’acqua trattenuta dalle piante, determinando condizioni naturali favorevoli all’innesco e allo sviluppo di incendi.( leggi tutto)

Campagna Aib 2012La campagna antincendio boschivo 2012 parte il 15 giugno e si conclude il 30 settembre.Vai al dossier “Campagna Aib 2012”

dal COMUNE DI BERCETO (PR) – “Dichiarazione grave stato di pericolosità Incendi Boschivi stagione 2012”
http://www.comune.berceto.pr.it/allegato.asp?ID=315821

INCENDI BOSCHIVI: “NON BRUCIARE IL TUO FUTURO”

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=HhJJo7HiaNo[/youtube]

Spot campagna antincendi boschivi

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=hUWVLtNrtCQ[/youtube]

Corso Protezione Civile Antincendio Boschivo

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=tHqGSCavKNY[/youtube]

La settimana di Protezione Civile di Parma – Borgotaro

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=j912sdNw4q4[/youtube]

Prevenzione Incendi Boschivi – Valtaro – Parma

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=3Fq_zIHJvzk[/youtube]

da You Tube:

Caricato da in data 02/lug/2008 http://www.amiciamici.com/
Nel fine settimana del 15 aprile si son tenute ben 3 giorni di addestramento e prevenzione AIB a cura delle Associazioni presenti all’interno del comitato della provincia di Parma.

I volontari sono stati messi a lavorare in alcuni cantieri di notevole interesse per affrontare situazioni di intervento legate allo spegnimento.
Un cantiere in particolare, quello presso la pineta di via De Gasperi, gestito in modo egregio dal gruppo ANA di Protezione Civile di Borgotaro (PR) ha lavorato alla realizzazione di strade taglia fuoco alternando al lavoro, anche momenti di istruzione ai volontari sull’uso di attrezzature da usare in sicurezza.

Le squadre AIB (Anti incendio boschivo), sono state supportate dall’efficente lavoro dei radioamatori della protezione civile ANA di Borgotaro presenti nella sala radio del COM.
Inoltre a cura del NIP di Parma sono state studiate ed utilizzate nuove tecniche di comunicazione ed avvistamento mediante ultra leggeri che hanno sorvolato i vari cantieri in questa 3 giorni di estenuante ed intenso lavoro.

Grazie alla collaborazione dell’Anpas di Borgotaro e dei Vigili del Fuoco della stazione del paese si è potuto lavorare in assoluta tranquillità e sicurezza nei vari momenti.

L’accensione dei fuochi però, in modo scherzosamente paradossale, è stato affidato al gruppo dei vigili del fuoco in congedo di Borgo Val di Taro.

Numerose anche le presenze illustri della Provincia di Parma nella persona dell’assessore Gabriele Ferrari, l’Assessore alla Protezione Civile del Comune di Borgo Val di Taro Matteo Daffadà, il Vice Sindaco Diego Rossi e l’Assessore della Comunità Montana alla Protezione Civile dott. Claudio Barilli.

Oltre però alle attività di prova alcune squadre di volontari nella giornata di sabato, in particolare la squadra del gruppo di Calestano, assieme ai Vigili del Fuoco son stati impegnati nello spegnimento di un vero focolaio oltre il Passo Santadonna nel tratto bardigiano.

Dulcis in fundo il pomeriggio della domenica durante la chiusura e conclusione dei cantieri le squadre son state attivate d’urgenza per lo spegnimento di un altro vero focolaio presso un bosco in località Buzzò di Albareto.

Prevenzione Anti incendioDue squadre dell’Ana di Protezione Civile della sezione della Provincia di Parma, una squadra di Calestano, la squadra degli Ufficiali in congedo di Protezione Civile di Parma e la squadra di AIB dell’Anpas, coordinati dall’ottimo lavoro del Vice Presidente del Comitato di Parma Mirco Caretta hanno svolto il tutto nel migliore dei modi scongiurando la perdita irreparabile di alcuni ettari di bosco nell’area oramai in evidente stato di siccità come la maggior parte delle nostre zone, a causa delle scarse piogge.

Il Corpo Forestale dello Stato che ha controllato i vari cantieri si è ritenuto molto soddisfatto del lavoro dei volontari.

Ora si sta già pensando ad una replica che vedrà coinvolti ancora le varie associazioni, si ipotizza già settembre, aspetteremo con ansia.

Per concludere volendo fare anche noi un pò di pubblicità alla campagna contro gli incendi boschivi vi segnaliamo tre numeri che potete chiamare in caso di un avvistamento incendi.
Il 115 dei Vigili del Fuoco oppure il 1515 al quale risponde il Corpo Forestale dello Stato, o il numero verde 800-841051.

Incendio Borgotaro

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=1Y8_PrI6J4Q[/youtube]

galleria esercitazione antincendio (27-06-2009)

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.