Santa Messa nella Solennità di Pentecoste a Groppo di Albareto (Parma) – 15 maggio 2016

Print Friendly, PDF & Email

Santa Messa (190) Solennità PentecosteLa parrocchia di Groppo di Albareto (Parma) in Val Gotra, ha festeggiato domenica 15 maggio 2016, la Prima Santa Comunione di un bambino e ha ricordato la Santa Cresima della sorella, durante la Santa Messa nella Solennità di Pentecoste, liturgia officiata dal parroco Don Renzo Corbelletta.

Guarda i post Groppo

Lo Spirito del Signore ha riempito l’universo, egli che tutto unisce, conosce ogni linguaggio.

Alleluia

Santa Messa (100) Solennità Pentecoste

Groppo di Albareto (PR), immagini della celebrazione della Santa Messa nella Solennità di Pentecoste.

La Pentecoste, compimento del tempo pasquale, non è solo un episodio della storia della salvezza, è invece il mistero vivo della Chiesa abitata per sempre dallo Spirito Santo  Santa Messa (228) Solennità Pentecoste

I partecipanti accorsi alla celebrazione, sono stati accolti da una suggestiva atmosfera creata dai palloncini e dagli addobbi curati nei minimi dettagli.Santa Messa (115) Solennità Pentecoste

Il parroco Don Renzo Corbelletta Santa Messa (136) Solennità Pentecoste

LITURGIA DELLA PAROLA

Prima lettura – Dio ci parla per mezzo dei profeti.

Santa Messa (134) Solennità PentecosteDagli Atti degli Apostoli
Mentre stava compiendosi il giorno della Pentecoste, si trovavano tutti insieme nello stesso luogo. Venne all’improvviso dal cielo un fragore, quasi un vento che si abbatte impetuoso, e riempì tutta la casa dove stavano. Apparvero loro lingue come di fuoco, che si dividevano, e si posarono su ciascuno di loro, e tutti furono colmati di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue, nel modo in cui lo Spirito dava loro il potere di esprimersi.
Abitavano allora a Gerusalemme Giudei osservanti, di ogni nazione che è sotto il cielo. A quel rumore, la folla si radunò e rimase turbata, perché ciascuno li udiva parlare nella propria lingua. Erano stupiti e, fuori di sé per la meraviglia, dicevano: «Tutti costoro che parlano non sono forse Galilei? E come mai ciascuno di noi sente parlare nella propria lingua nativa? Siamo Parti, Medi, Elamìti; abitanti della Mesopotamia, della Giudea e della Cappadòcia, del Ponto e dell’Asia, della Frigia e della Panfìlia, dell’Egitto e delle parti della Libia vicino a Cirene, Romani qui residenti, Giudei e proséliti, Cretesi e Arabi, e li udiamo parlare nelle nostre lingue delle grandi opere di Dio».
Parola di Dio

Seconda Lettura  – Dio ci parla per mezzo degli Apostoli. 

Santa Messa (135) Solennità PentecosteDalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani
Fratelli, quelli che si lasciano dominare dalla carne non possono piacere a Dio. Voi però non siete sotto il dominio della carne, ma dello Spirito, dal momento che lo Spirito di Dio abita in voi. Se qualcuno non ha lo Spirito di Cristo, non gli appartiene.
Ora, se Cristo è in voi, il vostro corpo è morto per il peccato, ma lo Spirito è vita per la giustizia. E se lo Spirito di Dio, che ha risuscitato Gesù dai morti, abita in voi, colui che ha risuscitato Cristo dai morti darà la vita anche ai vostri corpi mortali per mezzo del suo Spirito che abita in voi.
Così dunque, fratelli, noi siamo debitori non verso la carne, per vivere secondo i desideri carnali, perché, se vivete secondo la carne, morirete. Se, invece, mediante lo Spirito fate morire le opere del corpo, vivrete. Infatti tutti quelli che sono guidati dallo Spirito di Dio, questi sono figli di Dio.
E voi non avete ricevuto uno spirito da schiavi per ricadere nella paura, ma avete ricevuto lo Spirito che rende figli adottivi, per mezzo del quale gridiamo: «Abbà! Padre!». Lo Spirito stesso, insieme al nostro spirito, attesta che siamo figli di Dio. E se siamo figli, siamo anche eredi: eredi di Dio, coeredi di Cristo, se davvero prendiamo parte alle sue sofferenze per partecipare anche alla sua gloria.
Parola di Dio

Vangelo – Gesù parla a ciascuno di noi.

Santa Messa (142) Solennità PentecosteDal Vangelo secondo Giovanni
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Se mi amate, osserverete i miei comandamenti; e io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre.
Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato.
Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto».
Parola del Signore

L’omelia – Dio ci parla per mezzo del sacerdote.Santa Messa (144) Solennità Pentecoste

Nell’omelia Don Renzo Corbelletta, ha parlato di Don Renato Corbelletta, parroco della piccola parrocchia recentemente scomparso (guarda Ultimo “grazie” a Don Renato Corbelletta – Il funerale celebrato dal Vescovo Giorgio Corbellini – Boschetto Albareto (PR) – 13/08/2015), e tantissima commozione ha pervaso l’intera assemblea che si è raccolta in un abbraccio di fede. Santa Messa (153) Solennità Pentecoste

Guarda i post

88° Compleanno del Parroco Don Renato Corbelletta – Groppo di Albareto (Parma) – febbraio 2014

Ricordo di Don Renato Corbelletta nel giorno del suo compleanno (22 febbraio 1926 – 22 febbraio 2016) – Groppo di Albareto (Parma)

Preghiera dei fedeli

Santa Messa (155) Solennità PentecosteIl Signore ci ricorda il suo annuncio ogni giorno con la voce dello Spirito.

Tuttavia, ascoltare ed obbedire alla sua parola, vivendola, rimane il frutto di una nostra libera scelta.

Preghiamo insieme e diciamo: Signore rendici voce dello Spirito.

1. Perché abbiamo sempre il coraggio di modificare il nostro linguaggio per mantenere la sostanza del tuo messaggio. Preghiamo.

2. Perché l’ascolto della tua parola ci spinga a coinvolgerci interamente in ciò che facciamo ogni giorno, senza mai alienarci da noi stessi. Preghiamo.

Santa Messa (156) Solennità Pentecoste3. Perché il nostro corpo sia sempre il tempio in cui dimora il tuo Spirito. Preghiamo.

4. Perché anche nell’imperfezione e nella miseria l’amore per te sia sempre una via sicura per essere liberi. Preghiamo.

O Padre, ogni giorno il mondo è un posto ricco sia di segni di speranza sia di cose orribili da accogliere e migliorare.

Fa’ che il tuo Spirito ci aiuti a vedere sempre i primi per crescere nella speranza, e a non scoraggiarci di fronte alle seconde per saperle correggere.

Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore.

LITURGIA EUCARISTICA

Riti di ComunioneSanta Messa (167) Solennità PentecosteSanta Messa (170) Solennità PentecosteSanta Messa (159) Solennità Pentecoste

Il rito della paceSanta Messa (179) Solennità Pentecoste

La frazione del paneSanta Messa (184) Solennità Pentecoste

Il sacerdote spezza il pane eucaristicoSanta Messa (181) Solennità Pentecoste

Il gesto della frazione del pane, compiuto da Cristo nell’ultima Cena, che sin dal tempo apostolico ha dato il nome a tutta l’azione eucaristica, significa che i molti fedeli, nella Comunione dall’unico pane di vita, che è il Cristo morto e risorto per la salvezza del mondo, costituiscono un solo corpo (1 Cor 10,17).Santa Messa (166) Solennità Pentecoste

Santa Messa (183) Solennità Pentecoste

La Comunione

Il sacerdote si prepara con una preghiera silenziosa a ricevere con frutto il Corpo e il Sangue di Cristo.

Lo stesso fanno i fedeli pregando in silenzio.

Quindi il sacerdote mostra ai fedeli il pane eucaristico e li invita al banchetto di Cristo; poi insieme con loro esprime sentimenti di umiltà, servendosi delle prescritte parole evangeliche.

RITI DI CONCLUSIONE

Il saluto e la benedizione del sacerdoteSanta Messa (199) Solennità Pentecoste

Al termine della celebrazione il consiglio parrocchiale ha ringraziato Don Renzo Corbeletta (sempre attento alle esigenze dei suoi fedeli parrocchiani),Santa Messa (203) Solennità Pentecoste Marco e Maura, genitori dei bambini che festeggiavano la Prima Comunione e il ricordo della Santa Cresima, per aver sempre voluto celebrare nel piccolo paese le importanti tappe religiose della loro famigliaSanta Messa (178a) Solennità Pentecoste ed inoltre è stato ricordato il 25° Anniversario di Matrimonio di Alessandra e Ivo.Santa Messa (205) Solennità Pentecoste

…..naturalmente il tutto è stato approvato con un bel applauso.Santa Messa (199) Solennità Pentecoste

 Santa Messa (104) Solennità PentecosteUn’occasione di preghiera che ci fa riflettere sulla religiosità popolare che tanto ha contraddistinto la formazione e l’identità delle comunità di montagna, un ritorno alle origini per valorizzare le nostre radici, per rivivere ricordi ed emozioni nella Solennità di Pentecoste.  

La foto di gruppoSanta Messa (208) Solennità Pentecoste Il lancio dei pallonciniSanta Messa (219) Solennità Pentecoste Santa Messa (226) Solennità Pentecoste Santa Messa (233) Solennità Pentecoste

Santa Messa (210) Solennità PentecosteUn momento di aggregazione e di espressione della cultura ed identità, semplice e genuino, che è da secoli tramandata nelle nostra valli, dalla fede ancora viva e fruttuosa di oggi, simbolo dell’energia della gente di montagna che porta avanti un’identità culturale che non vuole estinguersi. 

(guarda tutti i post alla categoria “Religione ed emozioni”)

Groppo di Albareto (PR), immagini Chiesa Parrocchiale dedicata a San Pietro Apostolo (Solennità di Pentecoste 2016)Santa Messa (108) Solennità Pentecoste Altatre maggioreSanta Messa (112) Solennità PentecosteAltatre dedicato a San Biagio Santa Messa (109) Solennità Pentecoste Altatre dedicato alla Madonna del CarmeloSanta Messa (111) Solennità Pentecoste

Guarda i post

Archivio Categoria: Groppo Albareto (Parma)

Galleria immagini 30-06-2012 Val Gotra e Festa patronale di San Pietro, parrocchia Groppo di Albareto (immagini di Alessandra Bassoni)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.