Giacomo Bernardi – “9 aprile 1945 : attacco a Palazzo Ostacchini” – Borgotaro (Parma)

Print Friendly, PDF & Email

La torretta di Palazzo OstacchiniDi seguito il testo di Giacomo Bernardi (appassionato della storia e delle tradizioni di Borgo Val di Taro, Parma), intitolato “9 aprile 1945 : attacco a Palazzo Ostacchini”, riguardante palazzo Ostacchini un’alto e robusto stabile, con tre ordini di pesanti davanzali e una cert’aria di caserma.

Guarda i post di Giacomo Bernardi

9 aprile 1945 : attacco a Palazzo Ostacchini

L’imponente palazzo che si trova in Viale della Libertà venne costruito nel 1926, come attesta una scritta sulla facciata della torretta.

Accanto alla data, figura a grandi lettere una frase pomposa : “Super obstacula”, ossia “al di sopra di ogni ostacolo”.

Un modo per ricordare l’arditezza della costruzione (allora non si usava il cemento armato) e al tempo stesso il cognome del proprietario: Ostacchini.

Comunque sia, quella scritta (super obstacula) dovette colpire anche i Tedeschi, tanto che nel corso dell’ultimo conflitto mondiale, scelsero quel palazzo come sede del loro comando e come luogo all’interno del quale asserragliarsi per opporre l’ultima, estrema resistenza all’attacco finale dei partigiani.

E in verità i Tedeschi non avevano scelto a caso il loro quartier generale. l palazzo Ostacchini è più alto di tutte le altre costruzioni.

Robusto, quadrato con tre ordini di pesanti davanzali e una cert’aria di caserma. Dalle finestre si gode un’ottima vista sui due rettilinei di avvicinamento, mentre l’alta torretta consente una veduta a 360 gradi.

In questo palazzo, la mattina del 9 aprile 1945, dopo una giornata e mezzo di duri combattimenti, si arrendeva l’ultimo contingente tedesco presente nell’Alta valle del Taro.

Nell’occasione vennero catturati 2 ufficiali, 6 marescialli, 19 sottufficiali e 94 militari.

In Valtaro la guerra era finita!

***

Il nove aprile 1945 è una data che mai i borghigiani dovrebbero dimenticare.

Questa data, per noi valtaresi, rappresenta la fine della guerra.

Oggi può sembrare come una delle tante date che incontriamo sui libri di storia, ma allora…

Per chi, come me, c’era, quella data ha significato:

  • fine dei bombardamenti aerei (45 su Borgotaro);
  • fine delle violenze da parte dei tedeschi che nei precedenti mesi avevano ucciso, incendiato, depredato, deportato partigiani e civili;
  • ritorno alle nostre case perchè quasi tutte le famiglie erano sfollate dal Borgo. Io, ad esempio, ero stato dal maggio 1944 a Roncole di Gotra;
  • ritorno degli uomini ch’erano stati in guerra su vari fronti.

Mio padre era partito nel 1939 e non fece ritorno se non nel maggio 1945.

Tutto questo è legato alla fatidica data del 9 aprile.

Ecco perché ci tenevo a ricordarla.

Giacomo Bernardi 

Immagini: La torretta di Palazzo OstacchiniLa torretta di Palazzo Ostacchini

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.