Sparviero (Accipiter nisus) nel bosco primaverile (Val Taro) – 3 aprile 2016

Print Friendly, PDF & Email

sparviero (110) Roberto PavioI due esemplari di Sparviero (Accipiter nisus), bellissimi animali dal caratteristico corpo snello, testa piccola, becco elegante e adunco, il 3 aprile 2016 compaiono in posizione “rialzata” (su di un ramo), nel sottobosco della Val Taro.

(guarda i post “Roberto Pavio (immagini)“ e

Emozioni nel bosco“)

Una primavera 2016 con immagini bellissime, che ci porta ad augurare a tutti…

Che la magia della natura possa regalarci belle emozioni ogni giorno!

sparviero (111) Roberto Paviosparviero (109) Roberto PavioGrazie Roberto Pavio, per avere condiviso con tutti noi le splendide immagini di natura e vita (un’occasione per osservare gli uccelli da vicino), importanti testimonianze fotografiche della fauna selvatica della nostra zona, frutto sicuramente di “attenzione” e tanta, ….tanta pazienza.

Guarda i post Animali, foto

 sparviero (110) Roberto PavioL’incontro così da vicino di un animale selvatico in piena libertà, fortuito e fugace (come in questo caso), riesce a dare forti ed istintive emozioni e può regalare sensazioni indescrivibili.sparviero (100) Roberto Pavio

Su questo animale, ci riferisce Roberto Pavio: 

sparviero (106) Roberto PavioLa primavera è una stagione favorevole per fotografare gli uccelli.

Le specie migratorie tornano nelle nostre zone per nidificare.

Si formano le coppie con i loro corollari di corteggiamenti.

I territori vengono occupati e difesi per costruire i nidi, covare e allevare la prole.

Queste attività fanno si che gli uccelli siano più visibili all’uomo anche se l’uomo è visto sempre e a ragione come un potenziale nemico.

sparviero (103) Roberto PavioNelle nostre valli, gli uccelli rapaci sono temuti per i danni che possono causare al pollame all’aperto.

Per questo motivo sono stati spesso osteggiati.

 Credo che sarebbe assai povero un ambiente dove tutte le specie che possono arrecare danno alle attività dell’uomo dovessero essere eliminate, inoltre ciò che spesso è ritenuto dannoso per un determinato aspetto è utile per altri.

Molti uccelli rapaci, per esempio, si nutrono anche di roditori o di insetti contribuendo così a contenere la loro diffusione.

sparviero (101) Roberto PavioLe immagini mostrano una coppia di Sparvieri, in alcune di queste li si vede intenti alla raccolta di rami secchi.

Portano i rami raccolti tra le fronde di un abete per costruire un nuovo nido.

sparviero (100) Roberto PavioQuesti uccelli veloci, fieri, abilissimi nella caccia, sono una ricchezza per il nostro territorio.

La loro bellezza merita rispetto e ammirazione.

L’intento di chi li fotografa è far riflettere chi li guarda e contribuire alla tutela di questi stupendi esemplari che la natura ci ha regalato.

CURIOSITÀ:
sparviero (107) Roberto PavioIn primavera maschi e femmine insieme costruiscono un robusto nido, preferibilmente nel fitto della vegetazione, con un diametro di circa 40 cm. La femmina depone dà 4 a 6 uova che cova per 4 settimane, senza l’aiuto del coniuge.

Infatti il maschio durante l’allevamento si limita a catturare le prede per rifornire la femmina che nutre i piccoli; per tale motivo la morte di uno dei due porta inevitabilmente alla perdita della covata.

approfondimento

Guarda i post della categoria

 Animali 

Le immagini e questo piccolo testo speriamo sia utile a far appezzare e rispettare la biodiversità del nostro territorio. sparviero (108) Roberto Pavio

Galleria immagini: Sparviero (Accipiter nisus) nel bosco primaverile (Val Taro) – 3 aprile 2016

approfondimenti

Archivio Categoria: Passeggiate – Escursioni

sparviero (102) Roberto PavioNon si può salvare ciò che non si conosce, per questo occorre osservare con considerazione e rispetto: dunque ci auguriamo che anche queste immagini e il breve testo siano utili e possano costituire un piccolo passo per far comprendere, appezzare e rispettare la “biodiversità” del nostro territorio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.