Diorama Pasquale 2016: “Presepio di Pasqua” a Brunelli di Borgo Val di Taro (Parma)

Print Friendly, PDF & Email

Diorama Pasquale (101) Presepio di PasquaPresso la Chiesa di San Donnino Martire, a Brunelli di Borgo Val di Taro (Parma), nel periodo della Pasqua 2016 è stato rappresentato, ad opera di alcuni fedeli, un “Diorama pasquale” o come a molti definiscono un “Presepio di Pasqua”.

Guarda i post Borgotaro 

“Valgotrabaganza” interpretando i sentimenti ed i pensieri dei cortesi lettori, porge a nome suo e loro i più fervidi complimenti a tutti coloro che hanno lavorato per preparare il “diorama” o “Presepio di Pasqua”, una bellissima e suggestiva ricostruzione tridimensionale di alcune scene della Passione di Gesù Cristo.

Diorama Pasquale (143) Presepio di PasquaGuarda i post

Borgo Val di Taro (Parma): A Brunelli sarà forse arrivata la “Primavera” ? – Alberi in fiore – 4 febbraio 2016 

Beata Vergine Maria Addolorata, parrocchia San Donnino Martire – Brunelli di Borgotaro (Parma) – 3 maggio 2015

Diorama Pasquale (102) Presepio di PasquaEcco alcune immagini del Diorama Pasquale 2016, un “Presepio di Pasqua”, foto scattate il giorno di Pasqua (27 marzo 2016) e il testo descrittivo della Chiesa Parrocchiale, il tutto per farci riflettere sul periodo “Settimana Santa” nel quale si fa memoria della Passione e Morte di Cristo (prima della Risurrezione nel giorno di Pasqua), e per promuovere l’interesse e la conoscenza, del nostro territorio e delle nostre radici culturali, ma anche dei riti e delle preghiere, tanto più che la Pasqua non si esaurisce nella grande festività annuale, ma va oltre, perché ogni domenica è “Giorno del Signore”.

Guarda i post Vangelo del Giorno e Santa Pasqua

Abbiamo letto che …

Diorama Pasquale (106) Presepio di PasquaIl diorama è la riproduzione in scala di una scena, utilizzando la prospettiva per aumentare il senso di profondità dello spazio.

Così le varie fasi della passione di Cristo vengono rappresentate in piccole scatole divise l’una dall’altra, in cui a risaltare sono i giochi prospettici e di luce, più che l’insieme maestoso di statue tipico dei presepi natalizi.

Le immagini delle scene della Passione di Gesù Cristo, con raffigurazioni molto suggestive ed evocative del culto pasquale (testo dal web):

l’Ultima Cena Diorama Pasquale (126) Presepio di Pasqua

L’Ultima Cena è la testimonianza dell’amore con cui Cristo, Agnello di Dio, ci ha amato sino alla fine. Ma che cosa significa: “Li amò sino alla fine?” 

Diorama Pasquale (127) Presepio di PasquaPer noi sino alla fine significa fino alla morte, sino all’ultimo respiro, tuttavia l’Ultima Cena ci mostra che, per Gesù, “sino alla fine” significa al di là dell’ultimo respiro. Al di là della morte. Questo è appunto il significato dell’Eucaristia. La morte non è la sua fine, ma il suo inizio. L’Eucaristia ha inizio dalla morte, come insegna San Paolo: “Ogni volta infatti che mangiate di questo pane e bevete di questo calice, voi annunziate la morte del Signore finché egli venga” (1Cor 11,26). Diorama Pasquale (128) Presepio di Pasqua

la Crocifissione Diorama Pasquale (113) Presepio di Pasqua

Diorama Pasquale (112) Presepio di Pasqua“Li amò sino alla fine?” Significa: fino a quel compimento che doveva avverarsi nella giornata del Venerdì Santo. In tale giorno si doveva manifestare quanto Dio ha amato il mondo, e come, in quell’amore, sia giunto al limite estremo della donazione, al punto cioè di “dare il suo Figlio unigenito” (Gv 6,16). In quel giorno Cristo ha dimostrato che non c’è “amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici” (Gv 15,13).

L’amore del Padre si è rivelato nella donazione del Figlio. 

Davanti a Gesù che muore in croce per noi non resta che il silenzio. Un silenzio che ci aiuti a riconoscere il nostro peccato, ma anche il dono della salvezza che Dio ha operato in Cristo Gesù.Diorama Pasquale (132) Presepio di Pasqua

la Resurrezione Diorama Pasquale (136) Presepio di Pasqua

Diorama Pasquale (118) Presepio di PasquaSono le donne dei profumi, le mirofore le prime testimoni della risurrezione del Signore, le messaggere di quel primo giorno, l’oggi della creazione nuova, che cambia definitivamente il corso della storia: il Risorto apre per tutti in questo giorno il passaggio (pasqua) alla Vita piena, liberandoci dalla schiavitù della morte.Diorama Pasquale (121) Presepio di Pasqua

S. Donnino (146) Brunelli BorgotaroEcco le immagini di Brunelli, paese tra boschi e pascoli verdeggianti e incontaminati con magnifici panorami e paesaggi, nell’Appennino e poco distante dall’incrocio delle tre regioni: Emilia, Liguria e Toscana … un luogo ricco di Storia e Tradizione.

Guarda i post Brunelli

La Chiesa di San Donnino Martire (interno)  S. Donnino (110) Brunelli Borgotaro

La Chiesa di San Donnino Martire (particolari)  

San Donnino Martire S. Donnino (114) Brunelli Borgotaro

La Chiesa di San Donnino Martire S. Donnino (131) Brunelli Borgotaro

La Chiesa di San Donnino Martire con l’ampio sagratoS. Donnino (147) Brunelli Borgotaro

Approfondimento

Testo tratto dal sito chieseitaliane.chiesacattolica.it alla pagina CLIKKA

Chiesa di San Donnino Martire – Brunelli, Borgo Val di Taro (Parma)

Notizie storiche

XIV – XIV (origine intero bene)

S. Donnino (140) Brunelli BorgotaroIl primo documento ufficiale che menziona la parrocchia di Brunelli e che indica l’esistenza di una chiesa dedicata a San Donnino, risale al 1348.

Rispetto alla Pieve di San Giorgio fino al 1564 e successivamente rispetto alla Pieve di Sant’Antonino, era una chiesa succursale.

Dalla visita di Mons. Pisani del 1579, si evince che l’edificio era molto modesto.

Nel corso dei secoli subì molti rifacimenti, nel 1850 era ancora esistente e funzionante, ma molto mal messa.

1927 – 1928 (costruzione intero bene)

S. Donnino (145) Brunelli BorgotaroL’edificio attuale è opera dell’arcitetto Pietro Berzolla e risale agli anni Venti del XX secolo.

La costruzione venne iniziata nel maggio 1927 e terminò nel dicembre 1928.

Internamente sono presenti dipinti realizzati da A. Bossi tra 1928-1929.

Il campanile venne eretto nel 1929.

Descrizione

La chiesa di San Donnino martire sorge in località Brunelli, isolata, con orientamento Nord Ovest- Sud Est, preceduta da un ampio sagrato.

La facciata neogotica è a salienti, tripartita e rinserrata agli angoli da lesene, in conci di pietra a vista, che terminano con cuspidi piramidali.

I rampanti sono percorsi da archetti pensili a tutto sesto.

Al centro si apre l’unico portale, strombato, rettangolare, con cornice modanata, rinserrato ai lati da lesene doriche che reggono un arco a sesto acuto strombato.

S. Donnino (128) Brunelli BorgotaroAl di sopra del portale si apre un rosone circolare, con cornice in pietra modanata.

Al di sopra del rosone si trova centrale una nicchia a sesto acuto che accoglie la statua in marmo di San Donnino.

I fronti laterali sono forati da tre finestroni orbicolari per lato, nella parte superiore.

Al fronte destro si addossa la Canonica.

Sul retro l’abside poligonale rientra a risega ed è forato ai lati, nella parte inferiore, da due monofore a sesto acuto.

Il campanile si addossa al lato sinistro del presbiterio.

A pianta quadrata, con lesene d’angolo in pietra a vista, i fronti forati da due ordini di monofore a sesto acuto, termina con una cella, con lesene d’angolo, forata sui quattro lati da alte monofore a sesto acuto.

La cella è coperta con tetto a guglia piramidale in cemento, stretta ai quattro angoli da guglie piramidali.

Galleria immagini: Diorama Pasquale 2016: “Presepio di Pasqua” a Brunelli di Borgo Val di Taro (Parma)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.