PER ENTRARE NELLA SETTIMANA SANTA – da “La Domenica” (il foglietto della messa del DOMENICA DELLE PALME 2016 – 20/03/2016)

Print Friendly, PDF & Email

[LADOMENICA - 38] LADOMENICA/PAGINE ... 1 - 04/01/16Visto che nel blog è presente la categoria Santa Pasqua, riportiamo volentieri alcune considerazioni di Frate Pietro Sorci (ofm), da “La Domenica” periodico religioso (in pratica il foglietto della messa del 20 marzo 2016 – DOMENICA DELLE PALME 2016), riguardo le celebrazioni della settimana santa che ci fanno rivivere gli eventi della passione, morte e risurrezione di Gesù Cristo. 

Guarda i post Santa Pasqua

Testo tratto da “la Domenica (DOMENICA DELLE PALME 2016)”, periodico religioso del 20 marzo 2016 (visibile alla pagina CLIKKA)

PER ENTRARE NELLA SETTIMANA SANTA

La celebrazione dell’ingresso di Gesù in Gerusalemme nella Domenica delle Palme introduce nella settimana santa che ci fa rivivere gli eventi della passione, morte e risurrezione.

Lunedì, Martedì e Mercoledì la Chiesa ricorda l’unzione di Betania, l’annuncio del tradimento di Giuda e del rinnegamento di Pietro, la preparazione della cena pasquale.

[LADOMENICA - 38] LADOMENICA/PAGINE ... 1 - 04/01/16Il Giovedì Santo mattina nelle cattedrali si celebra la messa crismale in cui il vescovo circondato dai sacerdoti, dai diaconi e da una folta rappresentanza della comunità diocesana, consacra il crisma e benedice gli oli dei catecumeni e degli infermi e i sacerdoti rinnovano gli impegni assunti nell’ordinazione.

Nelle ore serali si celebra la messa in Coena Domini, Cena del Signore, preludio del triduo pasquale del Signore morto, sepolto e risuscitato.

Si legge il Vangelo di Giovanni, dove Gesù lava i piedi dei discepoli, che esprime simbolicamente la sua vita di servizio e di dono.

Al quale segue la lavanda dei piedi compiuta dal celebrante.

La partecipazione all’Eucaristia richiede l’esigenza di far proprio l’atteggiamento di servizio di Gesù sino al dono della vita.

Al termine l’Eucaristia viene portata all’altare della reposizione in vista della comunione dell’indomani.

Dinanzi ad esso i fedeli nella notte sostano in adorazione personale e comunitaria.

Il Venerdì santo si celebra la Passione del Signore con una grande Liturgia della Parola, l’Adorazione della Croce e la Comunione eucaristica.

Il Sabato santo si fa memoria della sepoltura e discesa nel regno dei morti nell’attesa della risurrezione, che viene celebrata nella solenne veglia pasquale, madre di tutte le veglie e nella domenica di risurrezione.

Il triduo pasquale risplende al centro dell’anno liturgico e ha in esso la centralità che ha la domenica nella settimana.

 Frate Pietro Sorci, ofm 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.