«

»

feb 27 2016

Capriolo maschio con i palchi in “Velluto” – Bedonia (Parma) – febbraio 2016

Capriolo maschio (100)  palchi  VellutoEcco alcune immagini del 24 febbraio 2016, di un Capriolo (Capreolus capreolus, Linnaeus 1758) maschio con i palchi in “Velluto”, ripreso nei pressi di una radura a Bedonia (Parma), nella quiete e nel silenzio. 

Il palco portato solo dal maschio, inizia a formarsi già alla fine dell’inverno presentandosi nella caratteristica forma in velluto, ecco le foto.

Guarda il post  Animali, Capriolo

Il Capriolo maschio, sicuramente di un anno d’età (i palchi sono semplici e corti, e non biforcati), presenta i palchi in “Velluto” . Capriolo maschio (101)  palchi  VellutoL’esemplare fotografato presenta uno strano palco con crescita asimmetrica.

Abbiamo letto che …

Capriolo maschio (100)  palchi  VellutoIl “velluto” del palco ha un’azione protettrice, è infatti un rivestimento cutaneo che si secca e si sfalda quando lo sviluppo del palco è ultimato.

Finita la crescita il maschio “pulirà” i palchi sfregandoli contro gli arbusti, e già in marzo – per gli individui adulti – e un po’ più tardi -per i giovani – saranno visibili i palchi nel loro aspetto definitivo.

Queste appendici, che noi erroneamente chiamiamo corna, verranno poi perse nel tardo autunno, già nel mese di ottobre per gli adulti per arrivare a novembre negli individui giovani.

Il Capriolo ripreso (un maschio, apparentemente in buona salute), è immerse in una radura nei pressi di Bedonia (PR) in Val Taro. Capriolo maschio (102)  palchi  Velluto

Capriolo maschio (100)  palchi  Velluto… qualche volta, il prato è così generoso da regalare la vista di un animale selvatico “libero”, (guarda i post Capriolo e Animali, Foto), circondati dal silenzio della natura negli splendidi anfiteatri naturali del nostro Appennino !!!!

(guarda i post Natura )

Galleria immagini: Capriolo maschio con i palchi in “Velluto” – Bedonia (Parma) –  febbraio 2016

Capriolo maschio (101)  palchi  VellutoNon si può evitare di danneggiare, o meglio salvaguardare, ciò che non si conosce … per questo occorre cercare di osservare, con considerazione e rispetto …

dunque ci auguriamo che anche queste immagini e il breve testo siano utili e possano costituire un piccolo passo per far comprendere, per poterla appezzare e rispettare, la “biodiversità” del nostro territorio.

Guarda i post Natura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA

Effects Plugin made by Free Wordpress Themes