“San Biagio Vescovo e Martire (3 febbraio – San Biazu V’scuvu e Martir’)” di Giacomo Bernardi – Borgotaro (PR)

Print Friendly, PDF & Email

San Biagio 3 febbraioDi seguito il testo di Giacomo Bernardi (appassionato della storia e delle tradizioni di Borgo Val di Taro, Parma), riguardante la ricorrenza di “San Biagio Vescovo e Martire (3 febbraio – San Biazu V’scuvu e Martir’)” a Borgo Val di Taro (Parma)

Guarda la categoria San Biagio Vescovo e Martire (3 febbraio) e i post di Giacomo Bernardi

Febbraio di quest’anno, non scherza quanto a ricorrenze legate alle nostre tradizioni: La s’riöla, San Biazu, San Val’ntèin, Giuv’dì Grasu, Carn’val, M’rcurdì sgürotu. Sacro e profano. Divertimento e digiuni. 

Tra i tanti riti religiosi del passato, due, tra i pochi che ancora sopravvivono, cadono nel mese di febbraio.

Si tratta di due ricorrenze molto care alla gente, e le relative cerimonie sono, al Borgo, ancora assai partecipate: La s’riöla e San Biagio

“San Biagio Vescovo e Martire (3 febbraio – San Biazu V’scuvu e Martir’)”

San Biagio 3 febbraioSan Biagio è certamente uno dei Santi che gode di maggiori simpatie tra la gente, anche per quel misto di superstizione, fede religiosa e medicina popolare che evoca il suo nome.

L’aspetto più diffuso del culto è comunque quello “taumaturgico” per le malattie della gola, culto che si rifà al noto miracolo della lisca di pesce da lui estratta dalla gola di un bambino la cui mamma si era rivolta al Santo.

La pratica più diffusa nel giorno della sua Festa è quella della benedizione della gola.

Nella ricorrenza, infatti, ai fedeli vengono imposte due candeline incrociate sotto la gola, mentre il celebrante recita una breve preghiera con la quale implora la protezione di Dio “per intercessione di San Biagio”.

Fino a qualche anno fa, le candeline erano tenute strette con un nastro rosso, simbolo del martirio subito dal Santo.

Da secoli tutti quelli che temono il mal di gola, o sono soggetti a malattie dell’apparato respiratorio, nel giorno del Santo, si recano in chiesa per farsi “signà la gula”.

Al Borgo, il rito si rinnova ogni anno.

Quest’anno sarà possibile ricevere la benedizione della gola anche martedì sera, in San Domenico, in occasione della cerimonia della “candelora”.

Nella foto: San Biagio toglie la lisca dalla gola del bambino.

Guarda le immagini della suggestiva cerimonia nei post

S. Biagio Vescovo e Martire (3 febbraio) – Benedizione della gola – Groppo di Albareto (Parma) 31/01/2016

S. Biagio Vescovo e Martire (3 febbraio) – Benedizione della gola – Tombeto di Albareto (Parma) 08/02/2015

e altri approfondimenti ne post 

Santo(i) del Giorno: San Biagio (di Sebaste) Vescovo e martire – (3 febbraio) – di Giuseppina Gatti 

San Biagio (San Biesu – 3 febbraio) 1981 – Ricordi …da Groppo di Albareto (Parma) – “Il Pellegrino delle valli Gotra e Arcina” 

03-02-2013 Groppo di Albareto – S. Biagio Vescovo e Martire (San Biesu) – il mercante della neve 

3 FEBBRAIO Groppo – San Biagio (San Biesu) il mercante della neve

 

Traduzione in dialetto borgotarese di Giacomo Bernardi 

“San Biazu V’scuvu e Martir’ (3 f’rvar’)”

Tra l’ tant’ antigh’ funsioun d’ ceza, du jèin r’stà e i ghèin d’ f’rvar’.

Du funsioun car’ ai burg’zan. La s’riöla (2 d’ f’rvar’) e la b’ndisioun d’la gula (3 d’ f’rvar’ san Biazu)

San Biazu V’scuvu e Martir’ (3 f’rvar’)

San Biagio 3 febbraioSan Biazu l’è voin di santi pü simpatici a la gèint’, anca p’rchè l’è un mistu d’ fede, süp’rstisioun e m’d’zèina pupular’.

Una vota san Biazu l’ava salvà un fiö ch’ s’ gh’era piantà una res’ga int’ la gula. E da alura la gèint’ a s’ rivulgèiva a lü p’r guarì dal’ malati’ d’la gula.

Cuzì, ancura incö, dopu tanti ani, s’ svolgia la festa d’la b’ndisioun d’la gula.

P’r San Biazu, infati, la gèint’ a va in ceza, duv’ al pret’ u m’tta du s’riöl’ incruzè sutu a la gula, u diza una invucasioun al Signur’ ch’, attraversu San Biazu, un’ mantegna san.

Una vota le s’riöl’ (l’ du cand’lèin’) jeri t’gnì strich’ da un nastrèin rusu, simbulu dal martiriu sübì da San Biazu.

Al Burgu, ogni anu, s’ zvolgia la funsioun.

Istanu chi, s’ pö fas b’n’dì la gula anca mart’dì sèira, in San Dum’m’gu, ala festa d’la S’riöla. ‘.

Int’ la fotu San Biazu dopu avèi cavà la res’ga dala gula dal fiö

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.