“Gennaio 1766 – Quando il gelo fermava i mulini” di Giacomo Bernardi – Borgotaro (PR)

Print Friendly, PDF & Email

Neve e gelo BorgotaroDi seguito il testo di Giacomo Bernardi (appassionato della storia e delle tradizioni di Borgo Valdi Taro, Parma), note relative ad una discussione avvenuta in Consiglio Comunale in data 14 gennaio 1766.

Guarda i post di Giacomo Bernardi

“Gennaio 1766 – Quando il gelo fermava i mulini”

Note relative ad una discussione avvenuta in Consiglio Comunale in data 14 gennaio 1766.

Quel giorno il Console Gian Luiggi Picenardi aveva convocato d’urgenza il Consiglio della Magnifica Comunità per poter ascoltare una comunicazione del Commissario.

Prendo dal verbale della seduta:

“…il quale Ill.mo sig. Commissario dice che il Paese si trova in strettezze per mancanza di pane da socorrere il Publico atteso che per la rigidezza della stagione i mulini di questo Publico sono afatto inabili a macinare e che per quante diligenze si siano fatte, apena si è potuta ritrovare tanta farina per fare qualche pochi pani per questa mattina e non sapendo egli come provvedere à fatto convocare loro Signori acciò pensino a quelle provvidenze che sono necessarie in questo emergente”.

Dopo una lunga discussione, viene riportata, nel verbale, la decisione del Consiglio.

“Hanno ordinato che si spedisca a Bardi per sapere se quei mulini siano macinanti per poter ripiliare di collà o le farine o pure per mandare collà il frumento da far macinare e a tale effetto hanno incombenzato il sig. Sindico (era Silvestro Costamezzana) a raccomandare l’espresso (era il servizio a cavallo) e a fare ricerca se di collà si possa avere farina a prezzo, o pure in contraccambio; per caso che in Bardi non si ritrovasse farina o quei mulini non fossero macinanti: hanno ordinato che li signori Console e Sindico, unitamente ai Vicari di Provvigione, procurino di provvedere da altra parte o in Parma o in altro sito di questo Ducal Dominio, dando a tale effetto a detti signori Deputati tutta la facoltà di potere agire in tutte quelle maniere e forme che crederanno più opportune e necessarie per sostenere questo Publico dalle strettezze in cui si trova”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.