Glorioso Presepe nella chiesa parrocchiale di Folta in Albareto (Parma) – Natale 2015

Print Friendly, PDF & Email

Presepio (132) Glorioso FoltaIl Natale 2015, periodo ricco di momenti gioiosi ed emozionanti, è appena passato e “valgotrabaganza” attraverso un viaggio nelle atmosfere natalizie, con le immagini dei Presepi allestiti in “Valle” cercherà di farvelo rivivere.

Guarda  Presepio e Folta

Ecco le immagini del presepe 2015 (foto scattate il 6 gennaio 2016), della Parrocchia dedicata a Santa Maria Maddalena a Folta di Albareto (Parma).  

La suggestiva e “gloriosa” Natività è stato preparata e allestita con cura e accuratezza.

….bravi, complimenti!!!

Sulla capanna della Natività del Presepe, che ci piace definire “Glorioso”, inneggia la scritta “Gloria a Dio nel più alto dei cieli e pace in terra agli uomini che egli ama”Presepio (114) Glorioso Folta

Presepio (126) Glorioso Folta“l’annuncio degli angeli suona per noi anche come un invito: “sia” gloria a Dio nel più alto dei cieli, “sia” pace in terra agli uomini che Egli ama.

L’unico modo di glorificare Dio e di costruire la pace nel mondo consiste nell’umile e fiduciosa accoglienza del dono di Natale: l’amore.

Il canto degli angeli può allora diventare una preghiera da ripetere spesso, non soltanto in questo tempo natalizio.

Un inno di lode a Dio nell’alto dei cieli e una fervente invocazione di pace sulla terra, che si traduca in un concreto impegno a costruirla con la nostra vita. Questo è l’impegno che il Natale ci affida.”

(fonte BENEDETTO XVI – UDIENZA GENERALE (Aula Paolo VI – Mercoledì, 27 dicembre 2006))

Panoramica della Natività nella Parrocchia dedicata a Santa Maria Maddalena a Folta di Albareto (Parma).  Presepio (100) Glorioso Panoramica

Altare e presepe sulla balaustra nella Parrocchia di Folta in Albareto (Parma).Presepio (101) Glorioso Folta

 

Presepio (115) Glorioso FoltaLe immagini inserite nel post crediamo possano contribuire a mantenere in vita una cultura del passato e le nostre radici culturali e sociali, che sono patrimonio e fiero vanto delle nostre comunità rurali e montane, magiche atmosfere che comunicano pace, fratellanza e speranza per tutti.

(guarda i post Natale)

approfondimento: testo tratto dalla pagina BENEDETTO XVI – UDIENZA GENERALE (Aula Paolo VI – Mercoledì, 27 dicembre 2006)  

 Mistero del Natale

Presepio (106) Glorioso Folta(…) il canto che gli angeli intonarono sulla grotta di Betlemme: “Gloria a Dio nel più alto dei cieli e pace in terra agli uomini che egli ama” (Lc 2,14).

Il cantico della notte di Natale, entrato nel Gloria, fa parte ormai della liturgia come gli altri tre cantici del Nuovo Testamento, che si riferiscono alla nascita e all’infanzia di Gesù: il Benedictus, ilMagnificat e il Nunc dimittis.

Mentre questi ultimi sono inseriti rispettivamente nelle Lodi mattutine, nella preghiera serale del Vespro, e in quella notturna di Compieta, il Gloria ha trovato la sua collocazione proprio nella Santa Messa.

Presepio (133) Glorioso FoltaAlle parole degli angeli, fin dal secolo II furono aggiunte alcune acclamazioni: “Noi ti lodiamo, ti benediciamo, ti adoriamo, ti glorifichiamo, ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa”; e più tardi altre invocazioni: “Signore Dio, Agnello di Dio, Figlio del Padre, che togli i peccati del mondo…”, sino a formulare un arioso inno di lode che venne cantato per la prima volta nella Messa di Natale e in seguito in tutti i giorni di festa.

Presepio (131) Glorioso FoltaInserito all’inizio della Celebrazione eucaristica, il Gloria sta a sottolineare la continuità esistente tra la nascita e la morte di Cristo, tra il Natale e la Pasqua, aspetti inscindibili dell’unico e medesimo mistero di salvezza.

Narra il Vangelo che la moltitudine angelica cantava: “Gloria a Dio nel più alto dei cieli e pace in terra agli uomini che egli ama”. Gli angeli annunciano ai pastori che la nascita di Gesù “è” gloria per Dio nel più alto dei cieli; ed “è” pace sulla terra per gli uomini che egli ama.

Opportunamente, pertanto, si usa porre sulla grotta queste parole angeliche a spiegazione del mistero del Natale, che nel presepe si è compiuto.

Presepio (121) Glorioso FoltaIl termine “gloria” (doxa) indica lo splendore di Dio che suscita la riconoscente lode delle creature.

Dirà san Paolo: è “la conoscenza della gloria divina che rifulge sul volto di Cristo” (2 Cor 4,6).

Presepio (123) Glorioso Folta“Pace” (eirene) sta a sintetizzare la pienezza dei doni messianici, la salvezza cioè che, come nota sempre l’Apostolo, si identifica con Cristo stesso: “Egli è, infatti, la nostra pace” (Ef 2,14).

Vi è infine il riferimento agli uomini “di buona volontà”.

“Buona volontà” (eudokia), nel linguaggio comune, fa pensare alla “buona volontà” degli uomini, ma è qui indicato piuttosto il “buon volere” di Dio verso gli uomini, che non conosce limiti.

Ed ecco allora il messaggio del Natale: con la nascita di Gesù, Dio ha manifestato il suo buon volere verso tutti.

Presepio (103) Glorioso Folta

Galleria immagini: Glorioso Presepe nella chiesa parrocchiale di Folta in Albareto (Parma) – Natale 2015

Le feste natalizie rivestono in “valgotrabaganza” una solennità eccezionale.

L’atmosfera del Natale, con i tanti “presepi” allestiti nei vari paesi della nostra Valle, con luci, e colori ci riportano alle vecchie tradizioni e alle antiche usanze, alcune delle quali si mantengono integre e vive.

(guarda i post Natale)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.