Alba con nebbia al “Castello” (Fortezza) di Bardi (Parma) – 17 dicembre 2015

Print Friendly, PDF & Email

Bardi (201) panoramica L’alba della mattina di fine autunno (17 dicembre 2015), ha regalato al “Castello” (Fortezza) di Bardi (Parma) in Val Ceno, un favoloso e inaspettato inizio di giornata con nebbie che si dissolvono.

Guarda i post Nebbia

 Pennellate nel cielo e

 Bardi

Panoramiche Bardi (200) panoramicaBardi (100) panoramicaBardi (103) nebbiaAlcune immagini delle affascinanti nebbie (insolite e sorprendenti “pennellate”) apparse nei pressi di Bardi (Parma) in Val Ceno (Parma) all’alba del 17 dicembre 2015: uno spettacolo curioso, magico ed emozionante, “tra terra e cielo” …

(guarda i post Natura)

 

Bardi (102) nebbiaBardi (187) nebbiaLa foschia copriva il fondo valle, mostrando le vette dei monti, mentre il verde dei prati, risaltava tra il colore scuro dei boschi per la gioia infinita dei nostri occhi, donandoci una incomprensibile sensazione di bellezza e di pace.

Guarda i post  Bardi

Panoramica

Bardi (204) panoramica

Abbiamo letto che…

Castello di Bardi 

Descrizione: Posto su un’altura naturale di diaspro rosso, il castello, di origine medievale, fu prima residenza della famiglia dei Landi e successivamente, in epoca borbonica, presidio militare.

Più volte rimaneggiato, il castello conserva ancora il vecchio mastio, torre quadrata più alta e decentrata coronata da beccatelli squadrati in pietra, probabile sostegno di ponti mobili in legno per le sentinelle.

Bardi (183) fortezzaLe alte torri angolari scandiscono agli angoli un percorso particolarmente suggestivo per il visitatore che compie per intero il giro delle mura, lungo il cammino di ronda, sostenuto da beccatelli trilobati, molto decorativi.

Dalla centralissima piazza d’armi la visita prosegue al salone, al museo stabile di civiltà contadina per concludersi alla sotterranea ghiacciaia.

Visitabile anche il Bastione dell’artiglieria fatto costruire da Manfredo Landi il Magnifico nel XV secolo, recentemente restaurato.

Bardi (180) fortezzaAll’interno della fortezza sono presenti un book shop e servizi per disabili.

Come arrivare:

Bardi si trova a circa 65 km da Parma. Per raggiungerla in auto seguire l’autostrada A15 uscita Fornovo, poi la provinciale per Varsi-Bardi oppure, sempre da Parma, la SS 62 fino a Fornovo, continuando poi con la provinciale per Varsi. In autobus linea extraurbana Parma-Fornovo poi di qui linea Fornovo-Bardi.

Fonte turismo.comune.parma.it (CLIKKA)

Bardi (152) nebbiaBardi (157) nebbia

Un particolare delle alture di Bardi (Parma), con il fondovalle immerso in una coltre di foschia: immagini che evocano pensieri e sensazioni lontano dalla realtà quotidiana.Bardi (203) panoramica

Bardi (174) nebbiaL’inverno che avanza è sinonimo, spesso, anche di nebbia.

La visione di paesaggi immersi in una sottile foschia o nebbia (panorami brumosi), accrescono la forza d’immaginazione dell’osservatore, suscitando sentimenti di attesa e sensazioni che portano pensieri lontani dalla realtà quotidiana.

(guarda i post della categoria Nebbie e “Pennellate nel cielo”)

 Le immagini che vi proponiamo (vedute di nebbia, foschia e natura), sono state scattate all’alba della mattina del 17 dicembre 2015.Bardi (174) nebbia

Si tratta di paesaggi di montagna dell’Appennino parmense e precisamente nella Val ceno, colti durante un inizio di giornata, con nebbie nel fondovalle.Bardi (170) nebbia

Ecco allora alcuni semplici scatti che ritraggono il “Castello” (Fortezza) di Bardi (Parma), con il borgo e “nebbia”, qualcosa di “intramontabile”, come del resto tutte le cose belle della vita ! Bardi (202) panoramica

Galleria immagini: Alba con nebbia al “Castello” (Fortezza) di Bardi (Parma) – 17 dicembre 2015

Bardi (198) nebbiaGuardandoci attorno scopriremo, nel nostro Appennino, dalla Val Gotra alla Val Baganza in “valgotrabaganza”(termine di fantasia usato come nome del “blog” e derivante dall’unione dei nomi delle valli degli autori, la Val Gotra e la Val Baganza e dei rispettivi torrenti che le attraversano, non così noti, ma che nel nostro immaginario rappresentano l’intero Appennino e la montagna in genere), tantissimi angoli fantastici con scorci particolari e suggestivi, che la natura ci offre.

(guarda i post Natura)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.