“Foliage” all’Oasi WWF (Riserva Naturale Regionale dei Ghirardi – Albareto/Borgotaro) – Predelle Porcigatone Borgotaro (PR) – 25/10/2015

Print Friendly, PDF & Email

Oasi WWF Riserva Ghirardi (226)Domenica 25 ottobre 2015 alle ore 9:00, in località Predelle di Porcigatone a Borgotaro (PR), abbiamo assistito ad una visita guidata al “foliage” autunnale, accompagnati da Giudo Sardella (Guida GAE-WWF e fotografo naturalista), escursione inserita all’interno della manifestazione intitolata “La Riserva in una…stanza”, evento (organizzato dai Parchi del Ducato in collaborazione con il WWF Parma che, insieme, gestiscono la Riserva) che prevedeva  l’inaugurazione del nuovo Centro Visite della Riserva Naturale Regionale dei Ghirardi (Oasi del WWF Italia dal 1996, diventata Riserva Regionale Generale il 20 dicembre 2010 e inserita nella Rete Natura 2000 dell’Emilia Romagna). 

Guarda i post Riserva Naturale Regionale dei Ghirardi (Oasi WWF) – Inaugurazione del Centro Visite – 25 ottobre 2015 – Porcigatone di Borgotaro (PR) 

Il bosco…al lavoro! (dimostrazione di lavoro del bosco con i cavalli)” Riserva Naturale Regionale dei Ghirardi (Oasi WWF) – Predelle Porcigatone Borgotaro (PR) – 25/10/2015 

Emanuele Mazzadi: L’architettura del Bosco (Mostra fotografica di architettura spontanea) – Riserva Naturale Regionale dei Ghirardi (Oasi WWF) – Borgotaro (PR) – 25/10/2015

 Archivio Categoria: Oasi e Parchi

Oasi WWF Riserva Ghirardi (148)

Oasi WWF Riserva Ghirardi (206)Alegrafia (Alessandra Bassoni) e PiZanz (Pietro Zanzucchi) attraverso la pubblicazione delle attività e degli eventi che vengono svolti nei Parchi, Riserve naturali, Oasi ecc. del nostro territorio, cercano di favorire la valorizzazione del patrimonio ambientale e naturalistico facendo conoscere gli ambiti sottoposti a maggiore tutela.

Il nuovo Centro VisiteOasi WWF Riserva Ghirardi (100)

Oasi WWF Riserva Ghirardi (165)Attraverso l’escursione autunnale del 25 ottobre 2015, nella natura incontaminata dell’Oasi WWF (Riserva Naturale Regionale dei Ghirardi – Albareto/Borgotaro), abbiamo ripreso paesaggi, dettagli naturali, foglie, bacche e funghi nei luoghi della Riserva, accompagnati da Guido Sardella (guida/fotografo naturalista) che ci ha illustrato le piante e ci ha descritto la biodiversità della Riserva dei Ghirardi è il motivo per cui i boschi in autunno si colorano di mille sfumature diverse di colore.

In mezzo al bruno dei cerri Oasi WWF Riserva Ghirardi (146)e all’ocra dei castagni compaiono il viola di sanguinelli e ornelliOasi WWF Riserva Ghirardi (184), l’arancio di viburni, ciavardelli Oasi WWF Riserva Ghirardi (161)e aceri opali,Oasi WWF Riserva Ghirardi (190) il bronzo dei nespoli,Oasi WWF Riserva Ghirardi (199) il rosso degli aceri ricci, l’oro dei carpini, sotto le cime dell’Appennino ligure-emiliano.Oasi WWF Riserva Ghirardi (212)

Monte PelpiOasi WWF Riserva Ghirardi (119)

Monte PennaOasi WWF Riserva Ghirardi (147)

Tornolo (Parma)Oasi WWF Riserva Ghirardi (145)

Strela di Compiano (Parma)Oasi WWF Riserva Ghirardi (151)

Approfondimento

Oasi WWF Riserva Ghirardi (115)In questa stagione nei numerosi boschi delle Valli dell’Appennino Tosco-Ligure-Emiliano, la natura dà il meglio di sé in un’esplosione di colori.

Gli americani chiamando tutto questo “foliage” (disciplina naturalistica, attività che consiste nell’osservare le foglie), che possiamo definire “recarsi a scoprire i colori dell’autunno in montagna”.

Un evento naturale che in America si trasforma in un grande spettacolo, con centinaia di  appassionati, che consultando mappe aggiornate sul cambiamento di colore delle foglie sanno dove e quando trovarsi in una data foresta per assistere a questa splendida visione.

Guarda il post Foliage 

Ecco alcune immagini scattate il 25 ottobre 2015, della “Magia” del “Foliage” nei boschi dell’Oasi WWF (Riserva Naturale Regionale dei Ghirardi – Albareto/Borgotaro), vestiti di colori autunnaliOasi WWF Riserva Ghirardi (136)

Oasi WWF Riserva Ghirardi (154)Un primo passo per la salvaguardia della natura  è “CONOSCERLA anche attraverso le immagini” 

Alessandra e Pietro attraverso le immagini delle nostre zone (Appennino tosco-ligure-emiliano) sperano di contribuire alla salvaguardia della natura di questo meraviglioso territorio.

Guarda i post Natura

Descrizione Riserva Naturale Regionale Oasi WWF dei Ghirardi

Oasi WWF Riserva Ghirardi (108)Oasi WWF Riserva Ghirardi (213)La Riserva naturale regionale dei Ghirardi (per info: 349-7736093 oasighirardi@wwf.it), è una delle aree naturali protette della regione Emilia-Romagna con una ricca diversità di ambienti montagnosi appenninici.

La riserva naturale regionale è stata istituita nel 2010, ha un’estensione complessiva pari a 370 ettari situati nei comuni di Borgo Val di Taro e Albareto, nella montagna occidentale parmense.

Il territorio è  costituito da;

  • foreste che occupano circa metà della superficie, con boschi cedui di cerro, castagneto abbandonato, querceti misti con rovere, cerro e farnia, zone miste con carpino nero, sottobosco con melo selvatico, ciavardello e nespolo, boscaglie di ontano bianco, tigli, aceri d’Ungheria, carpini bianchi, e sorbo domestico, sottobosco di noccioli, pero selvatico, melo fiorentino, biancospino, sorbo montano, maggiociondolo ed anche una recente colonizzazione di pino silvestre;Oasi WWF Riserva Ghirardi (106)
  • campi e terreni agricoli in coltivazione (usate per la fienagione) o abbandonati (in parte colonizzate da arbusti spinosi di grande varietà);Oasi WWF Riserva Ghirardi (205)
  • zone umide (greti ghiaiosi, rivi incisi nella roccia), il territorio presenta inoltre pareti rocciose e calanchi;Oasi WWF Riserva Ghirardi (179)
  • specie floreali di particolare interesse (30 specie di orchidee, giglio di S. Giovanni, genziana, scilla, dente di cane, croco) con alcune piante rare.Oasi WWF Riserva Ghirardi (227)
  • vari generi di fauna selvatica, astore, poiana, sparviere, falco pecchiaiolo, biancone, civetta, barbagianni, e allocco, pernici rosse, cincia dal ciuffo, biancone, tordela, succiacapre, gruccione, tottavilla, averla piccola, torcicollo, pipistrello, capriolo, daino, cinghiale, tasso, scoiattolo, ghiro, volpe, puzzola, faina, lepri, lupo, cervo volante, ramarro, colubro liscio, tritone crestato e apuano, ecc. .Oasi WWF Riserva Ghirardi (112)

Oasi WWF Riserva Ghirardi (125)Oltre ad essere un’aree ad elevata protezione ambientale, la Riserva dei Ghirardi è un luogo di ricerca scientifica e di conoscenza ambientale con all’interno una grande varietà in termini di biodiversità sia animale che vegetale, ecosistemi contraddistinti da precisi convivenze naturali sottoposti ad una specifica tutela ambientale.

Una risorsa, un patrimonio ambientale (flora e fauna) ricco di biodiversità, legato da un delicato equilibrio messo molte volte in discussione da cause esterne (presenza umana, attività di bracconaggio), che va protetto per i vari aspetti che lo contraddistinguono.

approfondimento

Archivio Categoria: Passeggiate – Escursioni

Oasi WWF Riserva Ghirardi (207)Per provare l’atmosfera e l’emozione del “foliage” crediamo non sia necessario andare in luoghi lontani, basta frequentare la montagna, guardarsi attorno e scoprire nel nostro Appennino, dalla Val Gotra alla Val Baganza in “valgotrabaganza” (termine di fantasia usato come nome del “blog” e derivante dall’unione dei nomi delle valli degli autori, la Val Gotra e la Val Baganza e dei rispettivi torrenti che le attraversano, non così noti, ma che nel nostro immaginario rappresentano l’intero Appennino e la montagna in genere), possiamo trovare tantissimi angoli fantastici con scorci particolari e suggestivi, che la natura nel periodo autunnale ci offre.

(guarda i post Foliage e Natura)

Galleria immagini: “Foliage” all’Oasi WWF (Riserva Naturale Regionale dei Ghirardi – Albareto/Borgotaro) – Predelle di Porcigatone Borgotaro (PR) – 25/10/2015

Oasi WWF Riserva Ghirardi (187)Un elemento importante della passeggiata è la sosta, durante la quale si può ammirare il panorama, ascoltare il rumore di un torrente o il canto degli uccelli, e magari fare qualche foto a rocce, fiori e animali.

E’ importante portare a casa solo ricordi fotografici.

Il tutto farà crescere sempre di più l’amore per la natura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.