22 settembre 1985 – Medaglia d’ Oro al Valor Militare – Borgo Val di Taro (Parma) – Date da ricordare

Print Friendly, PDF & Email

Gonfalone del Comune di Borgo Val di Taro (1)La guerra di Liberazione, che ha visto il fondamentale ruolo delle popolazioni locali, con donne, anziani e il clero delle nostre valli a sostegno dei giovani combattenti, crediamo vada ancora ricordata e valorizzata.

Per questa ragione riportiamo volentieri la seguente notizia, storica per tutta la valle.

Guarda i post Resistenza e Borgo Val di Taro

Medaglia d' Oro al Valor Militare Borgo Val di TaroDurante l’ultimo conflitto mondiale, Borgo Val di Taro (Parma), fu teatro di numerosi episodi legati alla guerra di Resistenza (giorni difficili dai quali, grazie al sacrificio di tanti giovani, è nata una nuova democrazia che ancora oggi, nonostante gli innumerevoli problemi, assicura al paese libertà e prospettive per il futuro), e nel 1985 il gonfalone del comune di Borgo Val di Taro venne decorato dalla Medaglia d’Oro al Valor Militare, per l’attività partigiana.

Ecco la motivazione:

Gonfalone del Comune di Borgo Val di Taro (1)«Il territorio delle Alte Valli del Taro e del Ceno, zona di particolare importanza strategica a ridosso della “Lonea Gotica”, divenne sin dal settembre 1943, culla della resistenza e centro di coordinamento politico-militare contro il nazifascismo.

Le “Bande Partigiane”, subito costituitasi in formazioni organiche, coadiuvate dalle popolazioni, si batterono con inusitato valore e determinazione, dandosi, una prima volta nel giugno 1944, un’amministrazione democratica e libera stampa contro di cui si scatenarono la ferocia e la rappresaglia nemiche, lasciarono ovunque lutti e rovine, nonostante l’eroica resistenza armata.

Tutto ciò non valse a piegare le popolazioni che continuarono a mantenere accesa la resistenza all’invasione sino alla liberazione e che, con dura e sanguinosa lotta delle forze partigiane, si sottrassero definitivamente al giogo straniero concorrendo a fermare la ritirata dei numerosi reparti nemici che cercava scampo nella Valle Padana ed a determinare la resa. Borgo Val di Taro, febbraio 1944 – aprile 1945. »

“Gonfalone del Comune di Borgo Val di Taro. Medaglia d’oro al V.M. della Resistenza per le alte valli del Taro e del Ceno”Gonfalone del Comune di Borgo Val di Taro

La Medaglia d’ Oro al Valor Militare alla città di Borgo Val di Taro in provincia di Parma, creiamo sia un doveroso e riconoscente ricordo dei Partigiani che dal 1943 al 1945 hanno prevalentemente operato nelle alte valli del Taro e del Ceno, contribuendo con la loro resistenza al conferimento dell’ onorificenza:

FORMAZIONI PARTIGIANE CHE HANNO COMBATTUTO NELLE VALLI:

BRIGATE GARIBALDI : 32A, 31A,12A, 135A.

BRIGATE BERETTA : I – II- III.

VECCHIA CENTO CROCI: SANTO BARBAGATTO, NINO SILIGATO, I JULIA, II JULIA,

GRUPPO D’AZIONE VALTARO.

Ricordiamo che

La consegnata ufficiale della Medaglia d’ Oro al Valor Militare (decorazione attribuita il 24 gennaio 1985) alla città di Borgo Val di Taro in provincia di Parma, veniva concretizzata domenica 22 settembre 1985 (30 anni fa).

testo tratto dal web

Gonfalone del Comune di Borgo Val di TaroI Comuni decorati un patrimonio nazionale

Scorrendo l’elenco dei Comuni d’Italia decorati al V.M., tornano alla mente gloriose pagine di storia della nostra bella Patria.

Gli eventi più noti e importanti fanno riferimento all’ultimo periodo della II^ Guerra Mondiale quando l’Italia sperimentò la triste realtà dell’occupazione.

L’avanzata angloamericana devastò non poco campagne e città, ma il rivolgimento nazionale contro i tedeschi, trasformatisi da alleati in invasori, è divenuto pieno e partecipato solo qualche tempo dopo il fatidico 8 settembre, quando anche le popolazioni civili affiancarono i militari fedeli al Re nella guerra di liberazione con episodi di grande sacrificio ed eroismo.

Il massimo sforzo e la massima partecipazione avvenne nel centro-nord dove l’occupazione nazista costrinse le popolazioni a coinvolgersi nel dramma della resistenza creando le premesse, con atti di valore e grandi sofferenze, per la concessione di medaglie al Valor Militare che la Patria riconobbe ai loro Comuni.

Troviamo alcuni esempi anche al sud: Napoli, Mignano Montelungo, altri, ma la distribuzione delle decorazioni sembra privilegiare i Comuni del centro nord e ciò è un’ulteriore conferma di quanto prima asserito.

Queste decorazioni costituiscono il legame indelebile che unisce la popolazione sotto il Gonfalone del proprio Comune.

Ed è questo legame che oggi noi dell’Istituto del Nastro Azzurro vogliamo rinverdire e rinvigorire.

Nel riportare di seguito l’elenco dei Comuni decorati al Valor Militare, ricordiamo che tale decorazione comporta un assegno annuale da parte del Ministero del Tesoro cui, per quelli che ancora non l’hanno fatto e sono diversi, va inviata apposita richiesta che, quando promossa dalla locale Federazione del Nastro Azzurro, può dare diritto alla cessione parziale o anche totale dell’importo dell’assegno alla Federazione stessa.

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA