Ultimo “grazie” a Don Renato Corbelletta – Il funerale celebrato dal Vescovo Giorgio Corbellini – Boschetto Albareto (PR) – 13/08/2015

Print Friendly, PDF & Email

Groppo Don Renato CorbellettaSi sono svolti giovedì 13 agosto 2015, nel “Centro Ricreativo Don Bosco” nei pressi del Santuario della “Madonna del Boschetto” a Boschetto, una piccola frazione del Comune di Albareto in provincia di Parma, i funerali di Don Renato Corbelletta, parroco di Pontolo (Borgotaro) e Groppo (Albareto), nella Diocesi di Piacenza-Bobbio, mancato martedì 11 agosto.

In tanti hanno voluto salutare e dire l’ultimo “GRAZIE” a Don Renato Corbelletta, un sacerdote amato, conosciuto e apprezzato, un pastore buono, umile, sempre attento alle esigenze dei suoi parrocchiani, che ha seminato la Parola del Vangelo nei momenti di aggregazione, di formazione, riflessione e nella celebrazione dei Sacramenti.

Ringraziamo di cuore Renzo Scarpenti per l’inoltro di materiale fondamentale per la realizzazione di questo “post” (“articolo“) .

Don Renato Corbelletta (138) Hanno voluto dargli l’ultimo saluto, stringendosi in un abbraccio commovente di fede, insieme ai famigliari e al fratello Don Renzo Corbelletta (rettore della Basilica di San Marco di Bedonia), nel “Centro Ricreativo Don Bosco” a pochi passi dal Santuario della “Madonna del Boschetto” e dalla “Casa del Pellegrino” (struttura che ospita anziani di tutta la vallata ), le tante persone che lo conoscevano, apprezzavano e stimavano, i suoi parrocchiani, i confratelli e Monsignor Giorgio Corbellini, vescovo in Vaticano e amico e grande estimatore del sacerdote scomparso.

La grande folla per l’addio a don Corbelletta, rettore del Santuario della “Madonna del Boschetto” e parroco di Pontolo e Groppo.Don Renato Corbelletta (223)

Era presente tutta la valle, insieme ai sindaci di Albareto, Bedonia, Borgotaro, Compiano e Tornolo per l’ultimo saluto a Don Renato CorbellettaDon Renato Corbelletta (226)

Il funerale è stato celebrato dal vescovo del Vaticano, Giorgio Corbellini nei locali del circolo “Don Bosco”Don Renato Corbelletta (244)

Monsignor Giorgio Corbellini, concelebra con Don Angelo Busi e Don Renzo Corbelletta (fratello di Don Renato) e i numerosi confratelli sacerdoti giunti da ogni parte della diocesi.Don Renato Corbelletta (153)

La solenne cerimonia si è svolta nei locali del “Centro ricreativo Don Bosco”, struttura che Don Renato aveva ideato e fatto costruire perché i giovani e le famiglie di Boschetto avessero un luogo di aggregazione poco distante dalle loro case e al Santuario della Madonna.Don Renato Corbelletta (209)

Don Renato Corbelletta (141)Il vescovo Corbellini, con le parole ricavate dal libro di Giobbe, ha esaltato la figura del sacerdote scomparso: “Ho incontrato spesso Don Renato quando ero curato a Borgotaro; e l’ho visto sempre nelle corsie dell’ospedale intento a visitare i suoi parrocchiani e tutti gli altri ammalati. – ha detto dall’altare il vescovo – Don Renato ha portato la parola di Gesù nel segno dell’amore, e della carità cristiana ai più deboli e bisognosi di conforto”.Don Renato Corbelletta (160)

Tanti applausi sono scaturiti quando al termine della messa, sono saliti all’altare i rappresentanti delle comunità di Boschetto, di Pontolo, di Groppo e il sindaco di Albareto Davide Riccoboni è c’è stata di seguito, anche la lettura del messaggio del Vescovo della diocesi di Piacenza-Bobbio Gianni Ambrosio.Don Renato Corbelletta (168)

Altri messaggi sono stati, quello degli ospiti della Casa del Pellegrino e i ringraziamenti a tutti i partecipanti del fratello Don Renzo, attuale rettore del seminario della Basilica e del Santuario di Bedonia.Don Renato Corbelletta (180)

Groppo Don Renato CorbellettaE’ stata ricordata la frase che Don Renato Corbelletta era solito ripetere “La fede senza le opere è morta”, ed è forse per questo che a Boschetto di Albareto (PR), Don Renato ha ideato e voluto fortemente edificare la Casa del Pellegrino, una struttura che ospita anziani di tutta la vallata, il centro ricreativo Don Bosco e poi ha dedicato tanto del suo tempo alla ristrutturazione del santuario dedicato alla Madonna del Boschetto: la sua “Cattedrale” (spesso agli amici diceva “ora, mi ritiro in Vaticano a pregare … “).

Ma la sua opera più grande è stata quella di aver amministrato i sacramenti a tante persone, di aver predicato il Vangelo e insegnato il catechismo a tanti ragazzi, i quali anche ieri hanno partecipato ai funerali di quel prete che gli ha lasciato in eredità il grande spirito di amore e di carità che da  sempre lo ha contraddistinto.Don Renato Corbelletta (126)

Di seguito il testo della lettera dei parrocchiani di Groppo di Albareto (Parma) al loro bravo “prete”, una sacedote autorevole, mai  autoritario, sempre disponibile all’ascolto e al confronto.    

Carissimo Don Renato,
abbiamo interrogato i nostri cuori chiedendo di suggerirci le parole, e loro ci hanno detto di ringraziarti tanto per tutto il bene che hai fatto per Groppo.

Forse un Grazie è poca cosa ma, conoscendoti bene, sappiamo che per te è una cosa importante.

Il solco che hai tracciato in questi trentuno anni che sei stato con noi, ha portato miglioramenti notevoli nella nostra Comunità.

Sappiamo di essere stati, a volte, un gregge smarrito ma tu, Buon Pastore, ci hai saputo raccogliere e spronare a seguire la strada della Fede, dell’ Amicizia, dell’ Amore per tutti, sopratutto per i fratelli più bisognosi.

Abbiamo vissuto con te momenti di dolore e tu hai saputo, in questi momenti, trovare sempre le parole giuste per raddrizzare la “barca” e ritrovare la via giusta.

Abbiamo vissuto con te anche momenti di gioia e spensieratezza che hanno contribuito a rinsaldare in noi quel senso di appartenenza ad una Comunità religiosa viva, che vive la sua Fede nel modo che tu ci hai insegnato.

Sarebbero ancora tante le cose da dilii, ma l’ unica cosa che vogliamo esprimerti è la nostra riconoscenza per averci guidati in questo modo.

GRAZIE ANCORA e ARRIVEDERCI.
I TUOI PARROCCIDANI DELLA CHIESA
“SAN PIETRO APOSTOLO” IN GROPPO.Don Renato Corbelletta (124)

testo liberamente tratto dal post 88° Compleanno del Parroco Don Renato Corbelletta – Groppo di Albareto (Parma) – febbraio 2014 

Un po’ di storia

Don Renato Corbelletta, un “prete” di montagna molto amato.

Don Renato, nato a Boschetto il 22 febbraio del 1926, è diventato sacerdote nel 1951.

Nello stesso anno e sino al 1956, ha ricoperto l’incaricato di curato a Bedonia (Parma).

Nel 1956 è ordinato parroco a Pontolo e dal 1984, rettore del Santuario della Madonna di Boschetto e parroco di Groppo di Albareto (Parma).

Fino ad alcuni anni fa svolgeva anche la funzione di cappellano dell’Ospedale Santa Maria di Bogotaro.

Don Renato Corbelletta nel 1994 è stato nominato Cavaliere al merito della Repubblica italiana. 

Un riconoscimento insolito per un prete, che ha premiato un parroco di montagna, semplice e genuino, che si è distinto anche per l’opera sociale in aiuto alla popolazione della Valtaro.

Don Renato Corbelletta ha inoltre saputo pazientemente lavorare affinché si effettuassero i necessari lavori di ristrutturazione e restauro della chiesa, del campanile e della canonica di Groppo (Albareto Parma) ad opera della Soprintendenza Beni Architettonici e Paesaggistici di Bologna ed ha, nel 1994, vissuto le celebrazioni del duecentenario della chiesa di Pontolo (Borgotaro, Parma) a coronamento dei tanti lavori eseguiti nei molti anni vissuti nel paese.

Inoltre, insieme ad altri attivi volontari collaboratori, ha terminato la casa per gli anziani «Don Aldo Corbelletta» a Boschetto (Albareto Parma): un’opera che offre un valido aiuto agli anziani della Valgotra.Don Renato Corbelletta (235)

 

Galleria immagini: Ultimo grazie a Don Renato Corbelletta – Il funerale celebrato dal Vescovo Giorgio Corbellini – Boschetto Albareto (PR) – 13 agosto 2015

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.