Aspettando la Santa Pasqua 2014 …. con il racconto “La Madona dal buslan” – video di Giacomo Bernardi – illustrazioni di Mario Previ

Print Friendly, PDF & Email

Mario Previ La Madona dal buslan (13) Borgotaro particolare - Domenica delle PalmeAspettando la Santa Pasqua 2014 (importante ricorrenza di “primavera”, così piena di simbologia, di riti, di tradizioni, di cibi caratteristici e usanze che affondano le loro radici in un passato lontano) ci piace ricordare l’antica “leggenda” legata alla “Domenica delle Palme” a Borgotaro (Parma), dal titolo “La Madona dal buslan”.

2012-12-01 Giacomo Bernardi Mario Previ Borgotaro “Un bagliore nella Valle” (8)Attraverso il racconto (anche video) di Giacomo Bernardi (memoria autorevole delle nostre tradizioni e della nostra millenaria cultura – guarda il post Giacomo Bernardi, lo “storico” della Val Taro ha compiuto 80 anni e creato un nuovo sito internet “Al me Burgu” (Il mio Borgotaro) – Personaggi di “valgotrabaganza”), e il quadro di Mario Previ (noto pittore borgotarese che attraverso i quadri, spesso illustra e contribuisce a mantenere le tradizioni della valle – guarda il post Mario Previ nel WEB – Presentazione cartella di stampe ‘Un Bagliore nella valle’ 01-12-2012 Immagini), eccovi l’antica “leggenda” legata alla “Domenica delle Palme” a Borgotaro (Parma), dal titolo “La Madona dal buslan”.

Continua a leggere

Alla scoperta di S. Antonio Abate (17 gennaio) – Giacomo Bernardi (video) – Giovanni Gasparini (testi ed immagini del “Ar lunariu Burg’zan 2014”) – Borgotaro (Parma)

Print Friendly, PDF & Email

Sant’Antonio Abate calendario Al lunariu Burg’zan 2014Un tempo Sant’Antonio Abate, rappresentato come un anziano (dalla lunga barba bianca) con il saio e il bastone con la Croce Egiziana e con un maiale accanto, nell’atto benedicente tra una moltitudine di animali domestici (buoi, asini, cavalli, pecore, capre e pennuti), veniva collocato dai contadini (in statua, stampa, santino o addirittura dipinto sulla parete) in tutte le stalle e nelle case coloniche.

(guarda i post Tradizioni)

 

Calendario 2014 Lunario Borgotarese Al lunariu Burg’zanPer questa ragione riportiamo volentieri il testo e le immagini dell’articolo inserito nel “Ar lunariu Burg’zan 2014” dal titolo”Sant’Antognu d’l bestie” di Giovanni Gasparini (noto medico di Borgotaro, scomparso nel gennaio 2013) e i video con la storia del Santo e la narrazione dei festeggiamenti per la ricorrenza di Sant’Antonio Abate (17 gennaio) a Borgotaro (Parma), con i racconti e le descrizioni dello storico locale Giacomo Bernardi (video tratti dalla trasmissione radiofonica “Mistrello e Dintorni” di Radio Taro – 101.1 del 11-01-2014).

Continua a leggere

25-01-2012 : Video/Giacomo Bernardi Le Calende – La Conversione di San Paolo

Print Friendly, PDF & Email

video:Le Calende Giacomo Bernardi 25-01-2012.wmv

dal sito di Giacomo Bernardi

notte_speciale di Mario PreviLe previsioni del tempo Le calende di gennaio (ossia come si prevedeva il tempo dell’annata)

<—immagine – Mario Previ: Una notte speciale (Olio su vetro)

Salvati dalla notte di San Paolo!!!

Tra i metodi più seguiti per formulare previsioni circa il “tempo” dell’anno nuovo, vi era quello legato alla osservazione delle Kalende di gennaio. Per Kalende di gennaio si intendevano i primi 12 giorni di quel mese.

Osservando l’andamento meteorologico di quei primi 12 giorni, si potevano avanzare previsioni per i 12 mesi dell’anno. Il 1 gennaio corrispondeva al mese di gennaio, il 2 gennaio corrispondeva al febbraio, il 5 gennaio a maggio e così via. Attenzione però che se fosse stato bel tempo il 5 gennaio avremmo avuto un brutto maggio, se avesse fatto brutto il 10 gennaio avremmo avuto un bell’ottobre.

Ma i nostri vecchi si erano riservati una specie di “prova d’appello”. Un modo di dire che suona così:

Di tutte le calende non mi curo se la notte di San Paolo non dà scuro.

Ossia le previsioni che derivano dalla osservazione delle calende non mi preoccupano…se la notte di San Paolo sarà bella.

Chiaro e scuro nel nostro dialetto sono sinonimi di sereno e nuvoloso.

Continua a leggere

1 26 27 28